Duncan I di Scozia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Duncan I di Scozia
Donnchad I.jpg
Duncan I di Scozia, incisione del XVII secolo
Re di Scozia
In carica 25 novembre 1034 –
14 agosto 1040
Predecessore Malcolm II
Successore Macbeth
Nome completo Donnchad I Mac Crínáin
Altri titoli Re di Alba
Re di Strathclyde
Nascita 1001 circa
Morte 14 agosto 1040
Luogo di sepoltura Isola di Iona
Dinastia Dunkeld
Padre Crinán di Dunkeld
Madre Bethóc di Scozia
Consorte Suthen
Figli Malcolm
Donald
Máel Muire (?)
Religione Cristianesimo

Donnchad I Mac Crínáin, o in inglese Duncan I MacCrinain (1001 circa – 14 agosto 1040), è stato re di Scozia dal 1034 al 1040.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Crinán, abate commendatario di Dunkeld, e della principessa Bethóc, figlia di Malcolm II di Scozia. Successe a suo nonno Malcolm II di Scozia dopo la sua morte, avvenuta il 25 novembre 1034.[1]

Giovanni di Fordun suppone che Duncan fosse solo re di Strathclyde mentre suo nonno era sul trono,[2] e che quindi gli sarebbe succeduto solo dopo la morte di quest'ultimo, ma gli storici moderni non condividono quest'opinione.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte del regno di Duncan fu apparentemente tranquilla. Mac Bethad mac Findláich è ricordato come suo dux (in italiano "comandante", ma che in inglese è diventato "duca"), e questo suggerisce che Macbeth fosse il vero detentore del potere reale. Di certo ciò, unito ai diritti che Macbeth poteva accampare sul trono (essendo a sua volta nipote di Malcolm II), contribuì a scatenare la rivalità tra il re e il suo vassallo, che presto sarebbe sfociata in guerra aperta.[2]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1039 Duncan condusse un grande esercito di scozzesi a sud assediando Durham,[1][2] ma la spedizione si concluse in un disastro. Il re sopravvisse, ma l'anno seguente guidò l'esercito a nord nella regione di Moray, vista tradizionalmente come dominio di Macbeth, probabilmente per sbarazzarsi del suo principale rivale. Tuttavia anche qui non ebbe successo, venendo ucciso in battaglia a Pitgaveny, vicino Elgin, probabilmente il 14 agosto 1040.[1][2]

Dopo la morte di Duncan Macbeth si ritrovò padrone incontrastato della Scozia. I Dunkeld provarono ad opporglisi, ma dopo la morte in battaglia di Crinán e dei suoi sostenitori nel 1045, i figli di Duncan I fuggirono in Inghilterra.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Sempre secondo Fordun[1] Duncan sposò una tale Sibilla, cugina del conte Siward di Northumbria, ma anche questo fatto probabilmente è errato. Una fonte più antica, una variante delle Cronache dei re di alba, dà alla moglie di Duncan il nome gaelico Suthen. Qualunque nome abbia avuto sua moglie, Duncan ebbe almeno due figli:

Máel Muire, conte di Atholl, è un possibile terzo figlio di Duncan, ma il fatto è incerto.[1]

In Shakespeare[modifica | modifica wikitesto]

Re Duncan I compare come personaggio nel Macbeth di Shakespeare,[3] e il suo assassinio per mano di Macbeth stesso permette alla trama di svilupparsi. Duncan I non corrisponde perfettamente al "Re Duncan" della tragedia, poiché il sovrano reale era molto più giovane; inoltre Shakespeare lo raffigura quasi come uno stereotipico vecchio re saggio, al fine di esaltare la negatività del personaggio di Macbeth.[3]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
 
 
 
 
 
 
 
Crinán di Dunkeld  
 
 
 
 
 
 
 
Duncan I di Scozia  
Kenneth II di Scozia Malcolm I di Scozia  
 
 
Malcolm II di Scozia  
 
 
 
Bethóc di Scozia  
 
 
 
 
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Kings of Scotland, su fmg.ac., cap. 3, sez. B.
  2. ^ a b c d Duncan I, king of the Scots, su britannica.com.
  3. ^ a b Macbeth, atto I, su it.wikisource.org.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Scozia Successore Royal arms of Scotland.svg
Malcolm II di Scozia 1030–1040 Macbeth di Scozia
Controllo di autoritàVIAF (EN306356488 · CERL cnp01938275 · GND (DE1023271796