Donatella Conzatti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Donatella Conzatti
Donatella Conzatti datisenato 2018.jpg

Senatrice della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Italia Viva (2019)
Forza Italia (2018-2019)
Circoscrizione Trentino-Alto Adige
Collegio 5 (Rovereto)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Italia Viva (dal 2019)
In precedenza:
UpT (2009-2018)
FI (2018-2019)
Professione Dottore commercialista; mediatore civile e commerciale

Donatella Conzatti (Rovereto, 20 febbraio 1974) è una politica italiana, segretaria della Commissione Bilancio del Senato della Repubblica[1] e della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di violenza di genere[2].

Dal 2020 è componente della Cabina di regia nazionale di Italia Viva[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Rovereto, nella Provincia autonoma di Trento, ha vissuto tra Trentino-Alto Adige, Veneto e Lombardia. Ha conseguito la maturità scientifica al liceo Antonio Rosmini di Rovereto, laureandosi poi in Economia e Commercio ad indirizzo aziendale presso l’Università degli Studi di Trento con una tesi in diritto tributario. Nel 2003 ha conseguito un Master in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 Ore[4]

È iscritta nel Registro dei Revisori Legali dal 2003, nonché all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e all’Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice dal 2004.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in politica in Trentino-Alto Adige, e nel 2010 viene eletta consigliere di Comunità di Valle con il movimento "Comunità Civica" di cui è coordinatrice. Nel 2013, il movimento aderisce a Scelta Civica di Mario Monti, partito con cui si candida alla Camera dei deputati. Non risultando eletta, viene comunque nominata nella Segreteria politica nazionale del partito centrista.

Nel 2014 si candida alla segreteria politica dell'Unione per il Trentino e viene eletta con una tesi di apertura ai mondi civici popolari e riformisti[5]. Successivamente lascia l'UpT e, dopo un passaggio in Alternativa Popolare di Angelino Alfano, si avvicina nuovamente a Scelta Civica, che nel frattempo sotto la segreteria di Enrico Zanetti è passata all'opposizione del Governo Gentiloni, e che nel 2018 concorre alla costituzione della lista elettorale Noi con l'Italia - UDC, all'interno della coalizione di centro-destra[6]. Conzatti viene quindi scelta dalla coalizione come candidata alle elezioni politiche del 2018 nel collegio uninominale di Rovereto, e viene eletta senatrice con il 37,4% degli scrutini.

Il 10 settembre 2019 non ha partecipato al voto sulla fiducia al Governo Conte II, andando contro le indicazioni del gruppo di Forza Italia di votare contro. Il 18 settembre 2019 annuncia l'adesione al nuovo partito di Matteo Renzi, Italia Viva, e si iscrive al relativo gruppo in Senato[7]. Il 10 settembre 2020 viene nominata nella Cabina di regia nazionale di Italia Viva[8].

Attività parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Svolge l'incarico di segretario della 5ª Commissione permanente (Bilancio) del Senato della Repubblica[9] , di segretario della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di violenza di genere, ed è membro della Commissione bicamerale per le questioni regionali.

Nel corso della sua carriera parlamentare si è distinta per l'impegno a favore della parità di genere[10][11] e per il contrasto alla violenza contro le donne[12].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposata e madre di tre figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]