Devilman Crybaby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Devilman Crybaby
Devilman crybaby.jpg
Generehorror, soprannaturale, splatter
ONA
RegiaMasaaki Yuasa
SoggettoGō Nagai (autore originale), Ichirō Ōkouchi
Char. designAyumi Kurashima, Kiyotaka Oshiyama
Dir. artisticaRyō Kōno
MusicheKensuke Ushio
StudioScience SARU
ReteNetflix
1ª pubbl.5 gennaio 2018
Episodi10 (completa)
Aspect ratio16:9
Durata ep.25 min
Rete it.Netflix
1ª pubbl. it.5 gennaio 2018
Episodi it.10 (completa)
Durata ep. it.25 min
Dir. dopp. it.Pino Pirovano

Devilman Crybaby è un original net anime, adattamento del manga di Gō Nagai Devilman. Diretta da Masaaki Yuasa, la serie è stata distribuita in anteprima mondiale il 5 gennaio 2018 su Netflix come serie originale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Akira Fudō viene informato dal suo migliore amico, Ryo Asuka, che un'antica razza di demoni è tornata per riprendersi il mondo dagli umani. Credendo che l'unico modo per sconfiggere i demoni sia quello di incorporare i loro poteri, Ryo riesce a far sì che Akira si unisca a un demone. Akira si trasforma così in Devilman, possedendo i poteri di un demone, ma mantenendo l'animo di un umano, in modo da poter affrontare e distruggere i demoni in nome del genere umano, sebbene in più di un'occasione quest'ultimo si dimostra tanto brutale quanto i demoni.

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Devilman.
Personaggio Doppiaggio originale Doppiaggio italiano
Akira Fudō Kōki Uchiyama Jacopo Calatroni
Ryo Asuka Ayumu Murase Dario Sansalone
Miki Makimura Megumi Han Ludovica De Caro
Koji Nagasaki Kenjirō Tsuda Gianluca Iacono
Sirene Atsuko Tanaka Marina Thovez
Kaim Rikiya Koyama Marco Balzarotti
Taro Makimura Eri Inagawa Annalisa Longo
Sig. Makimura Pino Pirovano
Sig.ra Makimura Giuliana Atepi
Mi-Ko Ami Koshimizu Beatrice Caggiula
Wam KEN THE 390 Matteo De Mojana
Kwan Ruggero Andreozzi
Gabi Subaru Kimura Marco Benedetti
Moyuru Kōda Junya Hirano Alessandro Capra
Xenon Silvio Pandolfi
Fikira Alessandro Zurla
Sumi Tiziana Martello
Kukun Dais Young Ruggero Andreozzi
Kaori Fudō Chie Nakamura Lorella De Luca
Reijiro Fudō Takuya Kirimoto Francesco Orlando
Jinmen Silvio Pandolfi
Zay Massimo Di Benedetto
Web producer Mattia Bressan
Kudo Alessandro Lussiana
Takahama Andrea Rotolo
Zen Massimo Di Benedetto
Nuga Mattia Bressan
Psyco Jenny Yasuhiro Takato Cinzia Massironi

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano In onda
GiapponeseItaliano
1Ho bisogno di te5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Un angelo cacciato dal paradiso, un mondo popolato da mostri e una guerra che lo porta alla distruzione. La storia si sposta su Akira Fudō,un bambino che cerca di proteggere un gattino morente dal suo amico Ryo Asuka che vorrebbe sopprimerlo, piangendo per la sua morte; Ryo capirà il perché di quel gesto molti anni dopo. Dieci anni dopo, Akira è un giovane e timido liceale giapponese, ultimo della sua squadra di atletica e innamorato della sua amica Miki Makimura, giovane promessa dello sport e modella. Durante un incidente con dei bulli,viene salvato dal suo amico Ryo armato di mitraglietta, che lo porta via dai bulli e da Miki. Ryo spiega di avere bisogno di aiuto: tempo fa, in Amazzonia, stava aiutando un professore a studiare le lingue del posto (Ryo è un genio divenuto famoso in tutto il mondo grazie ad un suo talk show), ma quest'ultimo impazzì e, dopo aver tentato di ucciderlo, si suicidò cospargendosi di benzina prima di trasformarsi in un essere mostruoso. Ryo rivela ad Akira una sconcertante verità: i primi abitanti della terra non sono gli uomini, ma i Demoni, creature mostruose che rivogliono il loro pianeta e eliminare gli umani! I demoni hanno però bisogno di loro, in quanto esseri incorporei, pertanto devono fondersi con gli umani per avere un corpo solido. Ryo ha bisogno di Akira sia perché ha paura e vuole che stia al suo fianco sia perché ha scoperto un sistema per contrastarli: siccome i demoni sono esseri puri che si muovono in base ai loro istinti se si fondono con un umano puro e razionale (come Akira o lui) vengono soggiogati e l'umano ne acquisisce forma e poteri. Akira accetta di aiutarlo e Ryo lo coinvolge in un sabba a base di alcol, sesso e droghe, che culmina in una colluttazione con alcuni partecipanti e Ryo. I demoni, attratti dal sangue sparso dalla lotta, si teletrasportano e si fondono con gli umani presenti i quali, essendo perlopiù sbandati e criminali, vengono soggiogati da essi, mentre gli altri vengono trucidati orribilmente. Akira, in mezzo a questo inferno, vede Ryo schiacciato da un demone e, in preda al terrore, scappa. In quel momento la sua ragione è annullata e un demone di nome Amon si fonde con lui, ma essendo un puro di cuore, prevale sul demone e ne acquisisce i poteri: nasce così Devilman. Poco dopo il neonato Devilman fa una strage di tutti i demoni presenti sotto lo sguardo sbigottito di Ryo.

2Una mano è sufficiente5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

In seguito alla fusione con Amon Akira è cambiato, sia fisicamente che psicologicamente: è più forte, spavaldo e a tratti arrogante, oltre a sviluppare pulsioni primordiali. Tutti se ne rendono conto e in breve tempo acquisisce popolarità nella sua scuola, oltre a diventare una degli atleti migliori. Persino Miki si rende conto di questo cambiamento e ne rimane affascinata, ma al tempo stesso un po' preoccupata. Akira approfitta del suo nuovo corpo per farla pagare ai bulli e al loro capo Dosuroku che aveva incontrato nell'episodio precedente, battendoli con una mano sola. Miki però si spaventa a vederlo così e Akira, che ha solo ricordi confusi degli ultimi giorni decide di andare da Ryo in ospedale per capire cosa gli è successo. Nel mentre alcuni demoni sotto sembianze umane si divertono a uccidere gli umani sotto lo sguardo disgustato dei loro superiori Silen e Kaim. Ryo rivela ad Akira che la fusione con il demone ha avuto successo e che ora è un Devilman, un essere con poteri da demone e con il cuore umano. Decidono così di mettersi a caccia di demoni per fargli pagare i loro crimini. I primi a cdere sotto Akira sono i demoni che si divertivano a torturare ed uccidere gli uomini, ma qualcosa va storto: un fotografo che lavora per una rivista scandalistica che da un po' di tempo è in contatto con Miki ha registrato tutto.

3Credimi!5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Nagasaki, il paparazzo e fotografo di Miki, ha ripreso Akira mentre si trasforma in Devilman e cerca di vendere il video al suo editore, ottenendo un secco rifiuto e pressioni per ottenere il servizio fotografico che aveva progettato su Miki nuda. In macchina viene posseduto da un demone di nome Ghelmer. Kaim trova il video e lo rivela a Silen, dicendogli che l'essere somiglia ad Amon; i due decidono di organizzare un piano per risvegliare Amon, in modo che possa controllare il corpo di Akira. Nel frattempo Miko, amica di Miki e sua compagna di sport, comincia a provare gelosia nei suoi confronti, ma non ha il coraggio di ammetterlo e si crede meno veloce di lei. Miki esce di nascosto fuori di casa per incontrare Nagasaki per il servizio fotografico, ma comincia ben presto ad avere dei ripensamenti e cerca di andarsene, ma Il demone abbandona Nagasaki e possiede suo il corpo per attirare in Akira. Akira e Ryo rintracciano Nagasaki prima a casa sua dove recuperano il video e poi nel suo studio, con Miki che si comporta in modo strano. Deducendo che è posseduta, Akira riesce a rimuovere dalla ragazza e uccidere Ghelmer, mentre Ryo uccide il resto dei demoni. Ryo poi spara e uccide Nagasaki per poi tentare di convincere Akira che Miki non può essere attendibile e che solo loro devono conoscere il segreto di Devilman. Akira si rifiuta e fa da scudo a Miki contro Ryo.

4Vieni, akira5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Akira e Ryo sono ancora in contrasto per la questione di Miki, quando ad un certo punto squilla il telefono di Akira e Ryo gli dice che è sua madre (Akira non possedeva un telefono e il suo amico gliene aveva fornito uno con tutti i numeri di amici e conoscenti). Rispondendo il ragazzo scopre che la madre sta arrivando in Giappone per vederlo: sia lei che il padre di Akira, due medici senza frontiere di una certa fama, hanno spesso lasciato il ragazzo da solo e sono diversi anni che non lo vedono, ma nonostante ciò i due erano dei buoni genitori e un segno del loro affetto erano le scarpe sportive che i due gli compravano per iincoraggiarlo nel suo sogno di diventare atleta. Akira se ne va con Miki, mentre Ryo cerca di far sparire tutte le prove del loro passaggio. Miko intanto viene avvicinata da uno dei bulli di Akira, il quale prova un forte interesse nei suoi confronti (anche se all'inizio credesse che gli interessasse Miki, visto che spesso la avvicinavano per ottenere informazioni su di lei), e decide di frequentarlo. Il giorno dopo Miki ha solo vaghi ricordi sulla sera precedente, ma Akira riesce a farle credere che è stato tutto un sogno. La madre di Akira arriva all'aeroporto, ma sul bus incontra suo marito (i due infatti si erano dovuti dividere per lavoro) il quale, posseduto da un demone, fa una strage e uccide la sua stessa moglie. Akira e Ryo aspettano i genitori del primo, ma il demone chiama il ragazzo, che capisce che qualcosa non va. Rintracciando il telefono i due giungono in un hangar dove fanno un'agghiacciante scoperta: il padre di Akira è divenuto un demone e sulla sua pancia compaiono i volti ancora coscienti delle vittime, tra cui sua moglie. Akira scioccato si trasforma parzialmente e cerca di far ragionare il padre. La ragione dell'uomo per un attimo ha il sopravvento e si suicida tagliandosi a metà la testa, ma il demone riprende il sopravvento e attacca Akira il quale, incoraggiato dalla madre che gli dice che ormai è già morta, lo uccide e piange per la perdita dei suoi. Alla fine si vedono Miko e il bullo ad un sabba che vengono attaccati da un demone.

5La bella Silene5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Akira è ancora sconvolto per la morte dei suoi genitori e attacca i demoni con una ferocia ancora maggiore; non riesce neanche più a contenere le sue pulsioni sessuali nei confronti di Miki, rischiando di perdere il controllo su Amon. Intanto i demoni cercano di capire chi li sta uccidendo in Giappone e gli unici due a sapere chi sia sono Silen e Kaim. I due non vogliono rivelarlo perché la prima, amante di Amon, vuole incontrarlo, sicura che se la rivedrà tornerà quello di un tempo, mentre Kaim, innamorato alla follia ma non corrisposto di lei, non può che assecondarla. Scopriamo poi che Miko non è morta al sabba ma che si è fusa con un demone ed è divenuta una devilman (segno che pure lei fosse una pura di cuore), divento velocissima e più sicura di sé e sul fatto che batterà Miki nella gara che si terrà la prossima settimana. Miki invece riesce a salvare Dosuroku e i suoi che da una situazione pericolosa, ottenendo il loro rispetto e fiducia. Ryo riceve la visita nel suo appartamento dei membri del suo show, dove assieme alla sua segretaria Jenny si organizzano per intervistare il super liceale e campione di atletica Koda, che in realtà è un devilman, ma vengono interrotti da Akira che appare seminudo e coperto di sangue demoniaco che urla e impreca. Ryo è stizzito dal fatto che egli abbia usato la sua lista di demoni scovati e che abbia agito per conto suo, ma il giovane dichiara che non riesce a controllarsi, che vuole uccidere ma al tempo stesso gridare, così Ryo gli suggerisce di placare le sue pulsioni andando a divertirsi per essere lucido per la seconda parte del loro piano. Akira accetta e si reca in un quartiere a luci rosse: qui incontra Silen in forma umana e che si finge una prostituta, con il quale comincia a fare sesso. Silen si innervosisce quando vede che Amon non la riconosce e assume il suo vero aspetto: una gigantesca arpia che artiglia Akira e lo porta in cielo, sotto lo sguardo di Kaim. Mentre vola Akira riesce a liberarsi e si trasforma in Devilman, cadendo in una centrale elettrica. Qui Silen lo ferisce con i suoi artigli comandati a distanza, tagliandogli di netto un braccio e squarciandogli il ventre e prova a far prevalere la coscienza di Amon. Akira però mantiene saldo il controllo sul suo corpo, complice la morte dei genitori, e riesce a ferire Silen con i suoi artigli a staccargli un'ala, dopodiché la porta in cielo e la violenta selvaggiamente. Kaim li raggiunge e assume la sua vera forma, fermandoli con un fulmine. Silen, profondamente umiliata, giura di vendicarsi, e Kaim le propone di fondersi con lui. Silen è riluttante a causa delle sue ferite, che farebbero morire entrambi anche se si fondessero, ma Kaim ribadisce che non gli interessa più vivere e che la vuole far vincere. Al perché dell'arpia Kaim dichiara ancora una volta il suo amore per lei davanti a Devilman, per poi suicidarsi con i suoi stessi poteri. In lacrime Silen si fonde con il corpo esanime di Kaim, creando un nuovo demone che attacca Devilman, riducendolo in uno stato tale che regredisce a forma umana e si accascia privo di sensi. Ryo la mattina dopo ritrova il suo amico ancora vivo e con le ferite rimarginate (gli è ricresciuto persino il braccio), che gli domanda che ne è stato di Silen. Ryo lo porta fuori dove mostra il corpo di Silen morta in piedi per le ferite con uno sguardo soddisfatto suo volto. Akira chiede se i demoni si possano innamorare, ma alla risposta negativa dell'amico ribadisce che quello di Silen e Kaim era amore, mentre contempla il demone in tutta la sua bellezza e maestosità.

6Né demone, né umano5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Koda, il campione di atletica, non riesce più a contenere la sua forma da devilman e ogni volta che ricorda la fine del suo ragazzo si trasforma e commette dei massacri. Ryo intanto spiega ad Akira che intende smascherare Koda davanti al mondo per mostrare a tutti l'esistenza dei demoni, in modo che si preparino ad attaccarli; per riuscire in tale impresa Akira deve far bere una pozione a Koda che, combinata da un filmato di un sabba lo farà trasformare contro la sua volontà. Il ragazzo torna a casa e lì ha un dialogo con Miki, alla quale dichiara che ha qualcosa da rivelargli,ma che lo farà al momento opportuno. Arriva infine il giorno della gara: Koda dovrà gareggiare da solo contro quattro persone nella staffetta e la squadra in questione è quella di Akira. Akira cerca di far bere a Koda la pozione ma senza successo; a fargliela bere ci sarà Ryo durante la sua intervista, mentre Miko (incattivitasi per colpa della fusione con un demone) sfida apertamente Miki su chi delle due sia la migliore. La gara comincia poco dopo: Koda parte in testa ma viene raggiunto da Miko durante il suo turno, ma quando toccherebbe a Miki Akira la precede e comincia a gareggiare con Koda, al quale confessa che capisce cosa prova perché anche lui è un devilman e vorrebbe aiutarlo, ma Ryo fa partire il filmato del sabba e Koda si trasforma in un demone davanti a tutti e fa una strage di quasi tutti i presenti, per poi fuggire inseguito da Akira. Ryo annuncia al mondo intero l'esistenza dei demoni e ora tutti sanno del pericolo che incombe sopra di loro. Alla fine si vede Akira che telefona a Ryo dicendo di aver ucciso Koda, quando in realtà questi è ancora vivo e lo porta via in volo per nasconderlo.

7Deboli umani, saggi demoni5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Il mondo è nel caos: ora che è stata rivelata la presenza e l'esistenza dei demoni fra gli umani serpeggia la paura e il sospetto, in quanto chiunque può esserlo (i demoni d'altro canto sembrano apprezzare questa situazione); le strade sono deserte, tranne che per l'esercito regolare con i carri armati e dei volontari anti-demoni. Akira contatta Ryo per discutere della pessima piega presa dal loro piano, poiché molti sono ingiustamente accusati di essere demoni e vengono giustiziati, ma Ryo gli dice che è un sacrificio calcolato e che non deve intervenire perché Devilman è l'ultima risorsa per il genere umano. Innervosito da queste parole Akira chiude la conversazione e si reca dove ha nascosto Koda, al quale da delle provviste e a cui confessa che radunerà altri devilmen per combattere i demoni. Egli poi ne trova uno braccato dai soldati, al quale prova a parlare ma questi se ne va incontro al suo destino morendo per le mitragliate. Miki nel frattempo esce ma viene avvicinata da una truppa di volontari che vogliono approfittare di lei, ma in suo aiuto arrivano Dosuroku e la sua banda che fermano i tizi e la portano via. Miko invece diventa sempre più insensibile e violenta (uccidendo un pervertito con cui ha un rapporto sessuale e il tizio che la corteggiava), finché non decide di andare in giro per i tetti della città, ma arriva al nascondiglio di Koda e e viene attaccata da questi, ma si calmano entrambi quando scoprono di essere devilmen. Akira arriva all'appartamento di Ryo e litigano per il fatto che quest'ultimo sostenga che gli umani sono deboli e che i demoni vinceranno, come se tutto quello che è stato fatto sia stato inutile. Disgustato, Akira se ne va, lasciando Ryo da solo, con quest'ultimo che spera possa sopravvivere a tutto questo. Miki e Akira tornano a casa e trovano il padre di lei che le fa leggere un messaggio della madre: ella se ne è andata con il fratellino Tare, che è posseduto da un demone (ma omette di scriverlo per non spaventarli) e rischia di essere giustiziato in quanto tale. Il padre esce per cercarli, mentre in TV si dice che in America vige lo stato di emergenza, chiudendo ogni confine per prevenire l'arrivo dei demoni, mentre la Settima flotta e la NATO hanno schierato l'esercito è navigano verso il Giappone. I demoni prendono possesso degli ufficiali e fanno lanciare le bombe nucleari, ma una misteriosa sfera di luce del diametro di 10.000 km distrugge tutto ciò che si trova al suo interno, missili e demoni compresi. La luce fa rabbrividire i demoni solo a guardarla e, improvvisamente, anche Ryo ha la stessa reazione, urlando di paura poco dopo la visione.

8Devo scoprirlo da solo5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

In seguito alla visione della sfera di luce le azioni e le motivazioni di Ryo rimangono un mistero per sé stesso, come se questo caos fosse ciò che aveva sempre voluto, così parte in cerca di risposte. Alla fine visita ancora una volta l'Amazzonia per scoprire di più su se stesso e la vera natura del suo passato, trovando un gruppo di indigeni che lo accolgono e gli mostrano una statua di legno che lo lascia di stucco: la statua raffigura lui da bambino, ma improvvisamente dei soldati attaccano il villaggio e cercano di ucciderlo, ma lui si difende con una barriera simile alla sfera di luce, mentre dei demoni capitanati da Psychogenie (un demone con l'aspetto della segretaria Jenny) lo salva con i suoi demoni e inspiegabilmente lo riaccoglie tra loro. Nel frattempo, il padre di Miki è in cerca di sua moglie e di suo figlio, districandosi nella follia e nell'orrore scatenato dalla paura nei confronti dei demoni, con persone consumate dalla paranoia e ridotte relitti e una forza di polizia inflessibile e violenta. Alla fine il telefono di Taro viene localizzato da Akira grazie all'aiuto di Ryo, ma il padre di Miki lo precede e trova Tare posseduto da un demone intento a mangiare il cadavere di sua madre. Inorridito e sconvolto, il signor Makimura tira fuori la pistola e tenta di uccidere il demone, ma ha difficoltà a decidere se ucciderlo o no, in quanto il demone piange, segno che una parte di Tare è ancora presente in lui. I soldati presto li circondano e il signor Makimura disperatamente li supplica loro di non sparare a suo figlio, ma essi ignorano le sue richieste ed li crivellano di colpi. Akira come Devilman raggiunge il posto e porta via i loro corpi, seppellendoli in una collina al di fuori della città. Mentre Akira fa fronte alla morte della famiglia Makimura dopo la sepoltura, un demone di nome Zenon attacca e ferisce Akira, ma poco prima di ucciderlo un altro demone di nome Psychogenie gli ordina in nome di qualcuno superiore a Zenon di non uccidere Devilman. Akira viene salvato da Miko mentre Koda rimane per allearsi con i demoni, in quanto sicuro che nessun umano lo voglia più. Akira e Miko presto tornano a casa di Miki per informarla della notizia sconvolgente della morte della sua famiglia, e come risultato sia lei che Akira gridano e piangono dal dolore. Più tardi, Ryo invia una trasmissione di emergenza in tutto il mondo per informare tutti sull'origine dei demoni e il modo in cui vengono creati. Contrariamente a quando scoperto da lui e Akira, Ryo spiega al mondo che i demoni si formano a causa di qualcuno che non è soddisfatto della società, e che chiunque agisca anche leggermente in modo diverso potrebbe essere un possibile demone. Egli continua a mostrando il video del suo amico Akira trasformando in Devilman, rivelando al mondo la sua vera identità. Akira è sconvolto dal tradimento di Ryo e si trova da solo contro l'umanità.

9Andate all'inferno, voi mortali5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Tradito ed esposto dalla trasmissione di Ryo, Akira diventa un bersaglio. Anche se gli amici di Miki gli puntano contro le loro armi, ben presto per volere di Miki capiscono che non è come gli altri e lo lasciano andare. Dopodiché Miki prende parola sui social media per difendere Akira, sostenendo che non è un mostro come vogliono far credere, è un essere che ha mantenuto la sua umanità e che è sempre pronto a difendere che ne ha bisogno, spiegando che il suo continuo piangere è per le sofferenze altrui, mai per le sue, incoraggiando altri devilmen ad uscire allo scoperto senza vergognarsi della loro nuova condizione e accettarla implicitamente come dono e dichiarando il suo amore per Akira; inoltre lei e Miko hanno un ultimo confronto verbale in cui quest'ultima dichiara che un tempo provava odio per lei perché più brava e che se ne pente amaramente, ma Miki la perdona e le due si riconciliano, purtroppo però si trovano sotto attacco da una folla inferocita. Anche se cercano di difendersi in casa gli amici di Miki vengono massacrati dalla folla e che poi la dà alle fiamme. Miko tenta di tenere a bada quei folli nella sua forma di devilman, mentre Miki scappa a piedi. Miko si uccide subito dopo essere stato colpito dai pazzi, mentre Miki viene pugnalato a morte mentre cerca di scappare. Akira, nel frattempo, tenta di individuare Ryo, ma invece si ferma e cerca di evitare che una folla lapidi delle persone innocenti. Egli riesce a convincerli che ciò che stanno facendo è sbagliato, ma sono ben presto uccisi dai demoni accompagnati da Koda, il quale rivela la sua alleanza con costoro. Koda lo attacca e lascia che a finirlo sia Zenon, ma lo scontro tra lui e Devilman si protrae fino al monte Fuji, dove Zenon viene squartato in due e il vulcano dormiente si riattiva in seguito alla battaglia. Akira decide di tornare a casa, rendendosi conto che Miki è l'unica persona di cui veramente si preoccupa e ama, ma ad attenderlo c'è un orrendo spettacolo: la folla di fanatici sfila intorno alla casa che brucia con i corpi smembrati e impalati dei suoi amici, tra i quali spicca la testa di Miki. In un misto di dolore e rabbia per la ferocia degli uomini, Devilman impreca contro di loro sostenendo che sono loro i veri demoni, per poi evocare lingue di fuoco che li inceneriscono tutti. In una scena post-credits, Akira è visto in sella alla sua moto con Miki con le braccia amorevolmente avvolte intorno a lui.

10Piangere è un bene5 gennaio 2018
5 gennaio 2018

Akira, a pezzi per gli ultimi eventi, si confronta con Ryo sulle scogliere dove giocavano da bambini, portando la testa mozzata di Miki con lui. Akira chiede a Ryo il motivo per cui ha tradito lui e la sua gente, ma Ryo rivela che egli non è un umano, bensì un bellissimo angelo con un corpo ermafrodita e dodici ali: in realtà egli è Satana, l'angelo che tempo fa ha sfidato Dio e fu bandito dal cielo. In fuga per l'universo giunse sulla Terra, che trovò abitata da una razza di creature polimorfe che si adattatarono all'ambiente fondendosi con altre creature o mangiandole, i demoni. I demoni erano universalmente competitivi e la debolezza è stato rapidamente eliminati in questa strage senza fine, mentre Satana rimase affascinato dai semplici, cuori primordiali di una razza reietta come lui. Purtroppo per Satana Dio inviò una schiera di angeli che discese sulla terra, annientando i demoni e Satana e facendo saltare la crosta terrestre (come si vede all'inizio del primo episodio). Il loro istinto di sopravvivenza fece sì che le loro anime rimanessero ancorate al pianeta, dove si fusero nel tempo con gli umani (esseri come vampiri, licantropi e divinità con forme bestiali erano in realtà demoni). Anche Satana si reincarnò in un villaggio in Amazzonia, dove fu venerato come un dio per i suoi poteri, ignaro di chi fosse realmente. Un giorno, un gruppo di forze speciali per conto di qualcuno che aveva scoperto la verità uccise gli indigeni e tentò di catturarlo, ma egli scappò e vagò alla deriva fino in Giappone. Lì fece amicizia con Akira, ed entrambi crebbero adorandosi l'un l'altro, nonostante la mentalità universalmente sociopatica di Satana. Satana spiega inoltre che questa apocalisse era il suo piano fin dall'inizio, come parte della sua preparazione per la prossima battaglia contro gli angeli di Dio, e che aveva fatto fondere Akira con Amon, il campione dei demoni, non per farne un difensore degli umani ma per farlo sopravvivere nel nuovo mondo come un demone, considerando gli esseri umani deboli e quindi senza valore. Satana chiede Akira di unirsi a lui come un demone e di aiutarlo nello sterminio dell'umanità ma Akira, infuriato per le sue azioni di e la sua incapacità di riconoscere il dolore e la solitudine che ha inflitto, lo respinge e dichiara la sua intenzione di raccogliere altri devilmen e ucciderlo la prossima volta che si incontrano. Akira torna al luogo di sepoltura dei Makimura, dove seppelisce Miki e il resto dei suoi amici prima di unirsi all'esercito dei devilmen (richiamati dall'appello di Miki) per combattere l'esercito di Satana. I demoni continuano a distruggere sistematicamente l'umanità, mentre la terra è resa sabbiosa e sterile dagli attacchi nucleari e dalle azioni dei demoni e di Satana. Mentre Satana e il suo esercito sterminano gli ultimi umani rimasti nel loro ultimo bastione sulla Terra (Psychogenie morirà durante l'assalto per mano dei soldati), Akira e i suoi devilmen, macellano le legioni di Satana. Dopo aver ucciso Koda per il suo tradimento, Akira come Devilman comincia a combattere Satana in tutto il pianeta. Satana si dimostra più potente, ferendo più volte Akira, mentre gli altri devilmen si sacrificano per lui facendoglii assorbire i loro corpi per farlo diventare più potente; purtroppo Satana trionferà tagliando Devilman in due. Satana trascorre del tempo con i ricordi con Akira sulla loro casa vecchia d'infanzia, mentre il resto del mondo è in rovina. Satana spiega che ha sempre creduto che l'amore (e quindi la sofferenza e il dolore) non esisteva, ma che Akira lo ha cambiato, professando il suo amore per lui, ma ormai è tardi: Satana si rende conto che ha ucciso Akira molto prima della sua confessione e aveva parlato al suo cadavere. Emotivamente sopraffatto dalla morte di Akira, Satana si dispera sul suo corpo senza vita mentre gli angeli, infine, scendono dal cielo per occuparsi di lui e cominciano a devastare la Terra come avevano fatto millenni fa. In una scena post-credits, l'ultimo degli angeli lascia la Terra devastata, che viene poi completamente ripristinata (per mano di Dio), con due lune più piccole al posto della prima.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]