Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Amon - The Darkside of Devilman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amon - The Darkside of Devilman
AMON デビルマン黙示録
(Debiruman Mokushiroku - Amon)
Amon - The Darkside of Devilman.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana
manga
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Go Nagai
Disegni Yu Kinutani
Editore Kodansha
Rivista Magazine Z
Target seinen
1ª edizione luglio 1999
Tankōbon 6 (completa)
Editore it. d/visual
1ª edizione it. 10 giugno 2005
Periodicità it. mensile
Testi it. Federico Colpi traduttore
Generi horror, Splatter
Amon - The Apocalypse of Devilman
AMON デビルマン黙示録
(Amon: Devilman mokushiroku)
A-tdod.png
OAV
Regia Toyoo Ashida, Kenichi Takeshita
Soggetto Go Nagai (personaggio), Yu Kinutani (manga)
Char. design Yasushi Nirasawa (demoni)
Dir. artistica Hiroshi Kamishina, Hiroshi Takeuchi
Studio Dynamic Planning
1ª edizione 24 maggio 2000
Durata 45 min
Rete it. Man-ga
1ª edizione it. ottobre 2012
Dialoghi it. AD LIBITUM
Studio dopp. it. RAFLESIA Srl
Dir. dopp. it. Stefania Patruno
Generi horror, Splatter
Cronologia
  1. Devilman - L'arpia Silen
  2. Amon - The Apocalypse of Devilman

Amon - The Darkside of Devilman (AMON デビルマン黙示録 Debiruman Mokushiroku - Amon?), è un manga di Yu Kinutani basato sulla serie di Devilman di Go Nagai.
Si ricollega al manga Devilman e narra le origini dei vari personaggi "demoniaci" della serie e di Lucifero, spiegando meglio il suo particolare legame con Amon, il demone che si fonderà con Akira Fudo per divenire Devilman.

Dal manga è stato tratto un OAV uscito nel 2000, Amon - The Apocalypse of Devilman pubblicato in Italia da Yamato Video il 28 ottobre 2011, come doppiaggio è stato riutilizzato il cast dei due episodi precedenti, quindi Akira Fudo ha la voce di Ivo De Palma.

È stato trasmesso per la prima volta sul canale Man-Ga di Sky Italia nell'ottobre 2012.

Amon - The Apocalypse of Devilman[modifica | modifica wikitesto]

Apocalypse of Devilman, terzo degli OAV della serie Devilman, come i primi prende spunto direttamente dal manga di Go Nagai, discostandosi così totalmente dalla serie TV, e tornando come cruda denuncia sociale nei confronti di un'umanità vigliacca e violenta.

La trama di questo OAV inizia con la spietata lotta fra uomini e demoni, durante la quale, non potendo riconoscere i demoni, gli uomini si uccidono a vicenda. Akira Fudo resosi conto della crudeltà della specie umana, in seguito alla morte di Miki per mano di un gruppo di uomini a caccia di demoni, si trasforma e stermina il manipolo di fanatici che porta su un'asta la testa della ragazza in segno di trionfo.

In un momento di sconforto Akira si lascia andare ed Amon fuoriesce dal suo corpo, compiendo una strage di demoni. In seguito all'incontro tra Akira (Devilman) e Amon, vinto dal primo, c'è l'ultimo incontro tra Akira e Ryo (Satana), che termina l'OAV senza parole.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ormai il mondo è impazzito. Non sapendo riconoscere i demoni, l'umanità intera si massacra a vicenda dal momento che nessuno si fida più di nessuno. Miki viene macabramente uccisa da una folla di pazzi che pensavano che la ragazza fosse una strega e questo fatto fa scomparire dall'anima di Akira Fudo l'ultimo resto di umanità che gli era rimasto e con il sangue agli occhi e urlando dal dolore, il ragazzo fa strage dei pazzi che avevano ucciso Miki e fa uscire da dentro di sé il demone Amon, con il quale si era fuso per diventare Devilman. Amon fa strage di demoni e si reca da Satana per fargliela pagare, adirato dal fatto che l'Arcangelo abbia usato il corpo del demone per salvare Akira (del quale è profondamente innamorato) dall'apocalisse e farlo vivere come demone. Satana però avvisa Amon che Akira è ancora vivo dentro di lui dato che sono diventati la stessa cosa e Amon deciso a liberarsi del ragazzo, lo sfida in duello mortale. Akira si trasforma in Devilman e affronta Amon ma viene massacrato da quest'ultimo, però grazie all'aiuto del fantasma di Miki (che intravede durante la battaglia) e del suo immenso amore per lei, sconfigge brutalmente Amon e si fonde nuovamente con esso, riprendendone il controllo. L'ultima scena è senza parole. In una Tokyo devastata dalla morte, dal fuoco, dalla distruzione e dal terrore, Akira si risveglia e incrocia lo sguardo di Satana, che da lontano in piedi immobile, lo fissa. I due si fissano per qualche secondo. Akira si avvicina. Illuminati dalle luci delle bombe che incombono sulla città e del fuoco che divampa tra i palazzi, i due continuano a fissarsi. Dopo qualche secondo che sembra interminabile, Akira avanza verso l'Arcangelo e lo supera continuando a camminare nel buio della strada, consapevole del demone che porta dentro di sé e del destino che lo attende, lasciando Satana immobile dietro di lui con lo sguardo perso nel vuoto.

Differenze con i manga[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film non appare il Corpo Antidemoni, e apparentemente i genitori di Miki e Tare non sono stati arrestati e deportati alla sede del corpo speciale. Non è quindi nemmeno presente la sortita di Akira e dei devilman nella sede del Corpo Antidemoni per distruggere l'organizzazione e liberarne i prigionieri.
  • Nel film la folla impazzita non assedia casa Makimura, ma vi si introduce di nascosto, e non è presente il bullo Masa, che nel manga muore per difendere Miki e Tare.
  • Nel film è assente la figura del professor Rainuma, le cui tesi (errate) secondo cui la trasformazione da uomo in demone derivava da forti condizioni di stress e disagio gettavano ulteriore panico nella popolazione mondiale e inasprivano la "caccia alle streghe" da parte del Corpo Antidemoni.
  • Nel film l'aspetto di Amon è molto diverso rispetto al manga. Quello di Devilman invece diverge molto dai disegni del manga classico, ma è più fedele a quello dei disegni di Amon: Darkside of The Devilman
  • La scena in cui Akira si fonde con Amon è diversa nel film rispetto al manga.
  • I personaggi di Zuovo, Yumi e Seros sono stati inventati appositamente per il film. Tuttavia Seros presenta somiglianze con Zan (demone dal rango di generale delle armate demoniache che sfida Akira nel terzo volume del manga) e un devilman dalle fattezze di granchio apparso brevemente sia nel manga classico che in Amon: Darkside of The Devilman che comanda un gruppetto di devilman incaricato di uccidere Amon.
  • Nel manga classico Akira uccide gli assassini di Miki investendoli con un vortice di fiamme demoniache. Nel film li squarta tutti a mani nude.
  • Nel manga Amon risorge mentre è circondato dai soldati del Corpo Antidemoni e da alcuni cacciatori di taglie desiderosi di catturarlo. Nel film mentre si trova faccia a faccia con Seros e i suoi sottoposti.
  • Non appaiono, nel film, la banda di bulli di Dosuroku e i monaci buddisti divenuti devilmen. Mancando Doskuroku non è quindi presente il suo scontro con Amon dopo essersi fuso con tre potenti devilmen (scontro che porterà il ragazzo alla morte per mano di Zenon).
  • Nel manga Amon è protagonista di tre scontri: quello con i devilmen incaricati di ucciderlo, quello con Dosuroku e quello con Zenon (che non appare nel film), nel film solo di due: con Seros dopo aver decimato il suo esercito, e con Akira, in uno scontro interiore per decretare quale delle due coscienze è più forte (lo scontro tra Akira ed Amon nel manga avverrà molto più tardi, nel sesto volume).
  • Nel film Amon viene sconfitto da Akira, nel manga da Satana, che restituisce la coscienza ad Akira con un bacio.
  • Nel film apparentemente la testa mozzata di Miki viene distrutta da Amon; sia nel manga rimane intatta, e Akira la seppellisce.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga