Denise Tantucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Denise Tantucci (Fano, 14 marzo 1997) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di entrare nel mondo dello spettacolo, Denise inizia studiando teatro con il maestro Mauro Pierfederici nella sua città natale. Nel 2012 si trasferisce a Roma per studiare recitazione nell'accademia di Yvonne D'Abbraccio.

Inizia la sua carriera lavorativa interpretando la parte di Giusy nella quinta stagione di Provaci ancora prof! e la parte di Dafne nella nona stagione di Don Matteo. Nell'agosto 2013 viene scelta per interpretare il personaggio di Giada Spanoi, ragazza albanese alla ricerca dei genitori emigrati tempo prima, nella nona stagione di Un medico in famiglia. Nella serie si innamora del figlio del nuovo medico in famiglia, interpretato da Flavio Parenti, Tommaso "Tommy" Martini, interpretato dal coetaneo Riccardo Alemanni. Sarà questa serie a portarle la popolarità.[1]

Contemporaneamente si dedica anche al canto e alla scrittura. Nel 2013 esce la sua prima canzone, Dressed in Blood, e nell'ottobre dello stesso anno pubblica il suo primo libro di poesie, Fantasticherie e congetture, edito dalla Aletti Editore.

Nel 2014 scrive e produce il suo primo spettacolo, Un doppio legame, andato in scena a settembre. Nello stesso anno entra nel cast della seconda stagione di Braccialetti rossi e della terza di Fuoriclasse.[2][3] Sempre a settembre gira il film Ma tu di che segno 6?, regia di Neri Parenti, nelle sale dall'11 dicembre 2014.[4]

Nel 2015 continua la sua esperienza cinematografica, entrando nel cast del film internazionale Ben-Hur, remake del celebre Ben-Hur di William Wyler.[5] Nello stesso anno ritorna sul set per le riprese della terza stagione di Braccialetti rossi,[6] durante le quali partecipa insieme ai colleghi allo spot del Garante dell'Infanzia contro la discriminazione giovanile.

Nel 2016 gira il film 400 Boys, scritto e diretto da Alastair Paton.

Nel 2017 ottiene il ruolo di Irene nella fiction italiana Sirene.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Destini incrociati, regia di Yvonne D'Abbraccio (2012)
  • Analizzando La strana coppia, regia di Yvonne D'Abbraccio (2013)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Revolutionary road, regia di Yvonne D'Abbraccio (2012)
  • Moulin Rouge, regia di Yvonne D'Abbraccio (2012)
  • Le relazioni pericolose, regia dello staff dell'YD'Actors (2012)
  • La strana coppia di Neil Simon, regia di Yvonne D'Abbraccio (2013)
  • The quiet, regia di Yvonne D'Abbraccio (2014)
  • Un doppio legame, scritto e prodotto da Denise Tantucci, regia di Filippo Mantoni (2014)

Brani musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • Dressed in Blood (2013)
  • Lullaby - Un medico in famiglia 9 (2014)

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Fantasticherie e congetture (2013)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Internazionale di Letteratura Alda Merini per il libro Fantasticherie e congetture (2014)
  • Premio Rodolfo Valentino "New Generation" (2015)[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Denise Tantucci: New entry in Un medico in famiglia 9, su gossipetv.com. URL consultato il 24 aprile 2015.
  2. ^ Denise Tantucci: New entry in Braccialetti rossi 2 e Fuoriclasse 3, su velvetcinema.it. URL consultato il 16 settembre 2014.
  3. ^ Denise Tantucci, la nuova star di Braccialetti Rossi, su oggi.it. URL consultato il 25 maggio 2015.
  4. ^ Denise Tantucci nel cast di Ma tu di che segno 6?, su viveresenigallia.it. URL consultato il 19 settembre 2014.
  5. ^ Denise Tantucci tra gli interpreti principali di Ben Hur, su tvzap.kataweb.it. URL consultato il 22 marzo 2015.
  6. ^ Denise Tantucci in Braccialetti rossi 3, su sorrisi.com. URL consultato il 24 aprile 2015.
  7. ^ Ricevimento del Premio Rodolfo Valentino New Generation, su facebook.com. URL consultato il 25 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]