Daniel Westling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniel Westling, Duca di Västergötland
Prince Daniel.jpg
Duca di Västergötland
Stemma
Predecessore Carlo di Svezia
Nome completo Olof Daniel Bernadotte Westling[1]
Trattamento Sua Altezza Reale
Nascita Örebro, Svezia, 15 settembre 1973 (46 anni)
Padre Olle Gunnar Westling
Madre Anna Ewa Kristina Westring
Consorte di Vittoria, Principessa Ereditaria di Svezia
Figli principessa Estelle, duchessa di Östergötland
Principe Oscar, duca di Scania
Firma Signature of Prince Daniel, Duke of Västergötland.PNG

Principe Daniel, Duca di Västergötland (in svedese: Daniel, Prins av Sverige, Hertig av Västergötland, nato Olof Daniel Westling; Örebro, 15 settembre 1973) è il consorte della Principessa Ereditaria Vittoria di Svezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Örebro da Olle Gunnar Westling e Ewa Kristina Westling, il giorno in cui Carlo XVI Gustavo di Svezia è asceso al trono, e viene battezzato nel gennaio 1974 nella Almby Church di Örebro. Ha una sorella maggiore, Anna Westling Söderström[2].

Educazione e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine dei suoi studi, nel 1991, ha prestato servizio militare nel regimento Hälsinge a Gävle. Nel 1994 si trasferisce a Stoccolma per studiare alla Lillsved Sports Folk High School, dove si è focalizzato sullo sport. Dopo aver completato il corso, ha iniziato a lavorare per una società di fitness[2].

Nel 1997 ha aperto la sua prima società, Master Training, e lavorara come consulente sportivo. Successivamente, insieme ad un collega, inizia a dirigere la sua prima palestra. Attualmente la sua società, Master Training, conta due palestre nel centro di Stoccolma[2]. Nel 2002 ha conosciuto la Principessa Vittoria, diventando suo personal trainer.

Nel 2006 ha aperto un'altra società denominata Balance, anch'essa nel centro di Stoccolma, che ha circa 100 impiegati[2][3].

Durante la primavera del 2011, il Principe Daniel ha studiato fisiologia, attività fisica e salute. Nell'autunno si è concentrato sullo sviluppo fisico nei bambini e nei ragazzi in relazione alla malattia ed all'attività fisica. Nella primavera 2013 ha completato i suoi studi in geriatria e patologia, sempre grazie allo staff dell'Ospedale universitario Istituto Karolinska[2].

Salute[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, ha subito il trapianto di un rene, donatogli dal padre[4], a causa dell'insufficienza renale di cui era affetto fin dalla nascita[5].

Fidanzamento e matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

La Principessa e Daniel Westling nel giorno del loro matrimonio.

Il 24 febbraio 2009, la Principessa e Daniel si sono fidanzati ufficialmente[6], dopo avere avuto il consenso del padre, il re Carlo XVI Gustavo di Svezia e del Governo Svedese. Infine il 19 giugno 2010 si sono sposati nella Cattedrale di Stoccolma[7].

Il 18 agosto 2011 il palazzo reale ha annunciato la gravidanza della principessa e che la nascita era prevista per marzo 2012[8].

Il 23 febbraio 2012, presso l'Ospedale universitario Istituto Karolinska di Stoccolma, la Principessa Victoria ha dato alla luce la loro prima figlia, a cui è stato dato il nome di Estelle Silvia Ewa Mary, con il titolo di duchessa di Östergötland[9]. La bambina al momento della nascita era lunga 51 centimetri e pesava 3 chili e 280 grammi.

Il 7 settembre 2015 il palazzo reale annunciò che la principessa era incinta del suo secondo figlio atteso per marzo 2016. Il 2 marzo 2016 alle 20:28 la principessa Victoria, ha dato alla luce il suo secondogenito a cui è stato dato il nome di Oscar Carl Olof, con il titolo di duca di Scania[10]. Il piccolo al momento della nascita era lungo 56 cm e pesava 3 chili e 655 grammi.[11]

Finché la Principessa Vittoria di Svezia non diventerà Regina, gli sposi vivranno all'Haga Palace[2].

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere diventato marito della Principessa, egli è diventato anche Duca di Västergötland. Dal matrimonio ha anche ottenuto il trattamento di Altezza Reale[6], quale membro della Famiglia Reale Svedese.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Olof Daniel Westling Padre:
Olle Gunnar Westling
Nonno paterno:
Anders Westling
Bisnonno paterno:
Anders Andersson
Trisnonno paterno:
Anders Andersson
Trisnonna paterna:
Karin Hansdotter
Bisnonna paterna:
Brita Westling
Trisnonno paterno:
Nils Westling
Trisnonna paterna:
Margta Jansdotter
Nonna paterna:
Frida Berta Elisabet Borg
Bisnonno paterno:
Anders Erik Borg
Trisnonno paterno:
Nils Borg
Trisnonna paterna:
Margta Andersdotter
Bisnonna paterna:
Anna Båth
Trisnonno paterno:
Johan Erik Båth
Trisnonna paterna:
Anna Lisa Jansdotter
Madre:
Ewa Westring
Nonno materno:
John Einar Westring
Bisnonno materno:
Johan Gregorius Westring
Trisnonno materno:
Johan Westring
Trisnonna materna:
Anna Wiklund
Bisnonna materna:
Anna Samuelsdotter
Trisnonno materno:
Samuel Samuelsson
Trisnonna materna:
Kerstin Mårtensdotter
Nonna materna:
Nanny Birgitta Hugg
Bisnonno materno:
Johan Teodor Hugg
Trisnonno materno:
Johannes Hugg
Trisnonna materna:
Brita Eriksdotter
Bisnonna materna:
Kristina Jonsdotter
Trisnonno materno:
Jonas Jonsson
Trisnonna materna:
Anna Eriksdotter

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Daniel Westling, duca di Västergötland
Prins Daniel vapen med Serafimerorden.svg

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere e Commendatore degli Ordini di S. M. il Re (Reale Ordine dei Serafini) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere e Commendatore degli Ordini di S. M. il Re (Reale Ordine dei Serafini)
— 19 giugno 2010[12]
Commendatore del Reale Ordine della Stella polare - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore del Reale Ordine della Stella polare
— 2013[13][14][15]
II Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo - nastrino per uniforme ordinaria II Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo
— 15 settembre 2013
III Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo - nastrino per uniforme ordinaria III Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo
— 30 aprile 2016

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Bernardo O'Higgins (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Bernardo O'Higgins (Cile)
— 10 maggio 2016[16]
Grande Medaglia Gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Medaglia Gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud)
— 14 giugno 2019
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 12 gennaio 2011[17]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca di Finlandia (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca di Finlandia (Finlandia)
— 17 aprile 2012[18]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone islandese (Islanda) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone islandese (Islanda)
— 17 gennaio 2018[19]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 2 novembre 2018[20][21]
Medaglia dell'Investitura di Re Guglielmo Alessandro (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Investitura di Re Guglielmo Alessandro (Paesi Bassi)
— 30 aprile 2013
Grand'Ufficiale dell'Ordine del Merito (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine del Merito (Tunisia)
— 4 novembre 2015[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come risulta dal registro di stato civile svedese, dopo il matrimonio ha adottato il nome della dinastia di sua moglie pur conservando il suo cognome di famiglia, anche se non viene utilizzato quando ci si riferisce a lui come principe
  2. ^ a b c d e f (EN) HRH Prince Daniel's Biography, su Sveriges Kungahus. URL consultato il 22 settembre 2017.
  3. ^ intervista (in svedese) della Sveriges Television il 19 giugno 2010
  4. ^ (EN) Prince Daniel of Sweden breaks his silence about his kidney transplant, su us.hellomagazine.com, 11 novembre 2015. URL consultato il 22 settembre 2017.
  5. ^ Il principe Daniel: "Dentro di me portavo un veleno mortale", su Bluewin, 5 novembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2017).
  6. ^ a b (EN) Kronprinsessan Victoria och Daniel Westling förlovade - Engagement between Crown Princess Victoria and Daniel Westling, su Sveriges Kungahus, 24 febbraio 2009. URL consultato il 22 settembre 2017.
  7. ^ Svezia, Vittoria e Daniel hanno detto sì, su www.corriere.it, 19 giugno 2010. URL consultato il 22 settembre 2017.
  8. ^ Kronprinsessparet väntar barn - The Crown Princess Couple is expecting a child, Sveriges Kungahus, 17 agosto 2011. URL consultato il 5 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2017).
  9. ^ (SV) Prinsessan Estelle Silvia Ewa Mary, Hertiginna av Östergötland, su Sveriges Kungahus. URL consultato il 22 settembre 2017.
  10. ^ (SV) H.K.H. Prins Oscar Carl Olof, hertig av Skåne, su Sveriges Kungahus. URL consultato il 22 settembre 2017.
  11. ^ (SV) Kronprinsessan Victoria och Prins Daniel har fått en son, su Sveriges Kungahus. URL consultato il 22 settembre 2017.
  12. ^ (SV) Mr Daniel Westling will be knight of the order of the Seraphim after the wedding, Royal Court of Sweden, 19 giugno 2010. URL consultato il 19 giugno 2010.
  13. ^ 20 Minutes
  14. ^ Hello
  15. ^ Kungahuset
  16. ^ Photographic image (JPG), su ".bp.blogspot.com. URL consultato il 6 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2016).
  17. ^ (ET) Bearers of decorations, President of the Republic of Estonia. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  18. ^ Blog "Scandinavian Royals", Photo of Daniel and Carl-Philipp wearing the order
  19. ^ https://forseti.is/falkaordan/orduhafaskra/
  20. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  21. ^ http://www.quirinale.it/elementi/18954#&gid=1&pid=2/
  22. ^ Articolo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN86434086 · ISNI (EN0000 0000 5919 2482 · LCCN (ENn2012059263 · WorldCat Identities (ENn2012-059263
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie