Silvia Sommerlath

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Silvia Sommerlath
La regina Silvia nel 2023
Regina consorte di Svezia
Stemma
Stemma
In caricadal 19 giugno 1976
(47 anni e 246 giorni)
PredecessoreLuisa Mountbatten
Nome completotedesco: Silvia Renate
italiano: Silvia Renata
TrattamentoSua Maestà
Onorificenzesi veda sezione
NascitaHeidelberg, Grande Reich tedesco, 23 dicembre 1943 (80 anni)
Casa realeBernadotte per matrimonio
PadreWalther Sommerlath
MadreAlice Soares de Toledo
Consorte diCarlo XVI Gustavo di Svezia
FigliVittoria
Carlo Filippo
Maddalena
ReligioneLuteranesimo per nascita
Luteranesimo svedese per matrimonio
Firma

Silvia Renate Sommerlath (Heidelberg, 23 dicembre 1943) è la regina consorte di Svezia dal 1976, in quanto moglie di Carlo XVI Gustavo.

Dal 2011 è la consorte sovrana svedese con il regno più lungo, primato detenuto in precedenza da Sofia di Nassau.[1] È impegnata a livello umanitario nello sviluppo dei diritti dei bambini, nel miglioramento della qualità della vita dei disabili e delle persone affette da demenza.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e infanzia[modifica | modifica wikitesto]

La regina Silvia a cena durante una visita di Stato nei Paesi Bassi, 1976

La regina Silvia è nata nel 1943 a Heidelberg, ultima figlia dell'imprenditore tedesco Walther Sommerlath (1901-1990), presidente della filiale brasiliana della multinazionale svedese Uddeholm AB, e della brasiliana Alice Soares de Toledo (1906-1997), che prima di morire soffrì di demenza.[3][4]

Attraverso il nonno materno, Artur Floriano de Toledo (1873-1935), è una discendente diretta di Alfonso III del Portogallo e della sua concubina Maria Peres de Enxara.[5] La nonna materna era Elisa Novais Soares (1881-1928).[6]

Ha tre fratelli, Ralf (1929), Walther-Ludwig (1934-2020) e Hans Jörg (1941-2006), e venne educata in rigide scuole di fede protestante, la stessa di suo padre, mentre sua madre era cattolica.[7] Nel 1947 la famiglia si trasferì a San Paolo, per poi rimpatriare nel 1957.[3]

Educazione e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giunta in Brasile, venne cresciuta dai suoi genitori secondo un modesto stile di vita.[2] Nella città paulistana ricevette lezioni private di lingue e cucito e le venne impartita un'educazione in portoghese e tedesco, al Colégio Visconde de Porto Seguro.[1][2]

Silvia con il principe Claus dei Paesi Bassi ad Amsterdam, nel 1976

Tornata nella sua città natale, frequentò per meno di un anno l'Elisabeth-von-Thadden-Schule, poiché con la famiglia si trasferì a Düsseldorf, dove nel 1963 ottenne il diploma alla Luisenschule.[2][3][8] Tra il 1965 e il 1969 studiò all'Istituto di Lingue e Interpreti di Monaco di Baviera, formandosi in spagnolo per poi lavorare al consolato argentino della città.[1][3] Sa padroneggiare anche l'inglese e il francese e ha studiato la lingua dei segni svedese.[3][9]

In seguito fu impiegata presso una ditta spagnola come interprete nei convegni internazionali.[2] Dal 1971 lavorò come responsabile della formazione delle hostess delle Olimpiadi di Monaco.[3] Proprio ai giochi olimpici del 1972 fu tra le undici ragazze che consegnarono le medaglie d'oro agli atleti e venne incaricata di assistere le personalità di spicco della politica o della nobiltà.[3][10][11]

Fu in tale contesto che si occupò del cancelliere tedesco Willy Brandt, del primo ministro britannico Edward Heath, di Ranieri III di Monaco e Grace Kelly e incontrò anche il suo futuro marito.[11] Nel 1973 fu nominata Vice Capo del Protocollo al Comitato Organizzatore delle Olimpiadi di Innsbruck.[3]

Fidanzamento[modifica | modifica wikitesto]

Silvia e Carlo XVI Gustavo nel 1976

Silvia, che all'epoca intratteneva una relazione con un consulente finanziario di 36 anni, rivide Carlo XVI Gustavo a un anno dal loro primo incontro, durante una festa.[2] Nel 1974 Silvia si trasferì a Stoccolma, in un appartamento di proprietà della principessa Cristina, e il fidanzamento venne annunciato il 12 marzo 1976.[3][12]

In occasione del fidanzamento venne istituito il Kungaparets Bröllopsfond, che ad oggi finanzia per un massimo di cinque anni le attività di associazioni sportive, culturali o di persone disabili attive a favore di bambini o di giovani con disabilità.[13] Il fondo è presieduto dalla regina e ogni anno sostiene circa 25 progetti.[13]

Regina di Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

La regina Silvia nel 1977

Silvia e Carlo XVI Gustavo si sposarono il 19 giugno 1976 nella Storkyrkan.[3] A officiare la cerimonia furono l'arcivescovo Olof Sundby, il capo cappellano di corte Hans Åkerhielm e lo zio Ernst.[3] Silvia fu la prima consorte reale svedese ad acquisire lo status di regina nel giorno stesso del proprio matrimonio, dai tempi di Federica di Baden.[2]

Il giorno precedente alle nozze il gruppo di musica pop ABBA interpretò una nuova canzone all'Opera reale svedese, Dancing Queen, cantata in omaggio alla nuova regina nonostante non fosse stata scritta per l'occasione.[12] Due giorni prima di sposarsi, divenne anche cittadina svedese.[12]

Incoraggiò il marito a sostenere l'adozione della primogenitura assoluta nella linea di successione al trono, che entrò ufficialmente in vigore nel 1980.[2] La coppia visse in un appartamento del palazzo reale fino al 1981, quando si trasferì con i figli al castello di Drottningholm.[3]

Attività negli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

La regina nel 1992 con gli studenti del Gustav Adolfi Gümnaasium di Tallinn

Nel 1990 la regina ricevette il Deutsche Kulturpreis, per il suo lavoro a favore dei disabili.[2] Nel 1993 fu creato il Queen Silvia's Jubilee Fund, che supporta la ricerca sulle disabilità infantili.[3] Nello stesso anno, per promuovere la ricerca scientifica sulle forme di demenza, fu aperta la Queen Silvia's Foundation for Research and Training, il cui consiglio è presieduto dalla regina stessa.[3]

L'anno seguente istituì la Mentor Foundation, oggi nota come Mentor International.[3] La fondazione si prefigge di sviluppare l'autostima dei giovani e di fornire loro sane opportunità di crescita attraverso il mentoring.[3] È attiva anche in Germania, Lettonia e Stati Uniti d'America, oltre che in 22 nazioni arabe attraverso Mentor Arabia, fondata nel 2006 a Dubai con quartier generale a Beirut.[3][14]

Nel 1996 diede vita a Silviahemmet, di cui presiede il consiglio di amministrazione.[3] La fondazione collabora con la Sophiahemmet Högskola e l'Istituto Karolinska per promuovere la ricerca e la formazione di fisioterapisti, infermieri, operatori di assistenza, terapisti occupazionali e di medici specializzati nel trattamento della demenza.[3] Inoltre prese parte al Primo Congresso Mondiale contro lo Sfruttamento Sessuale dei Bambini a fini Commerciali tenutosi a Stoccolma.[2]

Nella primavera del 1999 fondò la World Childhood Foundation, che si dedica a migliorare la vita dei bambini vittime di violenza, di aggressioni sessuali o in condizioni di vulnerabilità.[3] Dalla sua istituzione, è stata attiva con i suoi progetti in 19 paesi diversi.[3]

Dagli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

La regina nel 2015 con la studentessa Pernilla Rönntoft, vincitrice del QSNA

Nel 2008, in un'intervista al canale P1 della Sveriges Radio, invitò il governo ad ampliare la legislazione svedese in materia di pornografia infantile.[15][16] In particolare chiese che la sola fruizione di materiale pedopornografico diventasse un reato, allineando così le leggi svedesi a quelle vigenti in Danimarca e Norvegia.[15] Nel 2009 avviò con il re il World Child & Youth Forum, oggi denominato Global Child Forum, che opera affinché le aziende siano attive con consapevolezza nell'ambito dei diritti infantili.[3]

Nel 2012 l'Ideella föreningen Forum for Elderly Care e la Swedish Care International istituirono il Queen Silvia Nursing Award (QSNA), in onore alle attività della regina.[17] Il premio è destinato agli studenti di infermieristica che con idee innovative si impegnano a migliorare l'assistenza agli anziani e ai malati di demenza.[17] Viene consegnato in Svezia, Finlandia, Polonia, Germania, Lituania e presso l'Università del Washington.[17] Nel 2013, in occasione del suo 70⁰ compleanno, nacque la Queen Silvia's Foundation - Care About the Children, per sostenere i bambini a livello globale al fianco delle agenzie umanitarie.[3] Come da programma, la fondazione ha cessato di essere operativa il 31 dicembre 2023.[18]

Nell'aprile 2015, nella Casina di Pio IV in Vaticano, partecipò con i ministri svedesi dell'infanzia e della giustizia a una conferenza sulla lotta al traffico di esseri umani, in particolare di bambini, organizzata tra l'Ambasciata di Svezia nella Santa Sede e la Pontificia accademia delle scienze sociali.[19][20] Nell'ambito delle malattie cognitive è stata anche impegnata nell'elaborazione di spazi abitativi sicuri e adattati ai bisogni dei malati.[21] A novembre 2015 incontrò Ingvar Kamprad, fondatore di IKEA, che restò positivamente colpito dalle attività di Silviahemmet e decise perciò di affiancare la regina nel suo nuovo progetto.[21] Nacque quindi il concetto abitativo di "SilviaBo", dalla collaborazione con BoKlok e IKEA, che consiste nella realizzazione di appartamenti sostenibili e protetti per chi soffre di demenza.[21]

Nel 2018 andò in onda il documentario "Drottning Silvia 75 år" sul canale SVT1, in occasione del suo 75⁰ compleanno.[22] Il 21 novembre 2022 si tenne la prima conferenza in materia di diritti dei bambini, allo Stockholm Centre for the Rights of the Child presso l'Università di Stoccolma, istituita su iniziativa della vicerettrice Astrid Söderbergh Widding in onore della regina.[23] Nel marzo 2023 prese parte al convegno sulla tratta di esseri umani per scopi sessuali, tenuto a Stoccolma dalla presidenza svedese del Consiglio dell'Unione europea.[24] A maggio le è stata conferita la cittadinanza onoraria di Heidelberg, sua città natale, dal sindaco Eckart Würzner.[25]

Controversie sull'adesione al nazismo di Walther Sommerlath[modifica | modifica wikitesto]

La regina nel 2012 alle celebrazioni del 150⁰ anniversario del Gustavus Adolphus College di Minneapolis

Nel 2002 il quotidiano svedese Arbetaren rivelò che il padre di Silvia entrò nel Partito nazista nel 1934.[22] Dopo aver ricevuto prove certe della notizia, la regina rivelò che fu per lei "un grande shock" e dichiarò di voler svolgere ricerche più approfondite.[22]

Nel 2010 un documentario trasmesso su TV4 riportò che nel 1939 Walther Sommerlath rilevò una fabbrica dall'uomo d'affari ebreo Efim Wechsler (cedendogli in cambio una piantagione di caffè e tre terreni in Brasile), come parte del programma di arianizzazione della Germania nazista, in cui gli ebrei venivano espropriati delle proprie imprese.[26][27] In contrasto a quanto mostrato dal documentario, lo storico Erik Norberg (ciambellano del gabinetto della Corte Reale svedese) ritenne che il signor Sommerlath compì tale scambio per poi aiutare Wechsler a ottenere un visto per fuggire in Brasile dalle persecuzioni.[26]

Il giornalista svedese Johan Åsard affermò che in realtà fu la figlia di Wechsler, Ilse, a fornire un visto a suo padre, già due mesi prima che Sommerlath ne rilevasse la fabbrica.[26] Criticò in seguito le indagini svolte da Norberg (durate due anni), affermando che "falsificassero la storia" e che la casa reale avrebbe dovuto assumere più ricercatori.[26]

Nello stesso documentario, la regina difese suo padre dichiarando che "non era politicamente attivo, non era un soldato. Era responsabile per gli operai della fabbrica. E se andavi contro, era come andare contro l'intero meccanismo".[26] Per tali affermazioni venne criticata da Åsard, per il quale Silvia aveva agito "in base alle emozioni", senza essere in grado di "separare il suo ruolo di figlia da quello di regina".[26]

Nel 2012 la Corte Reale svedese pubblicò un video in cui la regina si espresse per l'ultima volta sulla questione, affermando di respingere con disgusto i modi "disumani e brutali in cui è stato trattato il popolo ebraico".[28]

Interessi personali[modifica | modifica wikitesto]

Silvia e Carlo XVI Gustavo nel 2007

Gli interessi della regina includono la storia, la lettura, il teatro, l'opera, i concerti e la natura.[3] Appassionata di giardinaggio, con il marito è impegnata nella conservazione dei giardini del palazzo Solliden, residenza estiva della famiglia reale.[3]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Silvia Sommerlath e Carlo XVI Gustavo di Svezia ebbero due figlie e un figlio:

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

  • 23 dicembre 1943 - 19 giugno 1976: Silvia Renate Sommerlath
  • 19 giugno 1976 - attuale: Sua Maestà, la regina di Svezia

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carl Louis Sommerlath Johannes Heinrich Philipp Sommerlath  
 
Marie Philippine Meine  
Louis Carl Moritz Sommerlath  
Anna Lucie Tille Ernst Gottlieb Tille  
 
Caroline Friederike Pröpping  
Carl Walther Sommerlath  
Johann Friedrich Waldau Johann Friedrich Waldau  
 
Johanne Marie Fricke  
Erna Sophie Christine Waldau  
Sophie Marie Schmidt Heinrich Andreas Schmidt  
 
Catharine Marie Christine Prien  
Silvia Sommerlath  
Joaquim Floriano de Toledo Joaquim Floriano de Toledo  
 
Mathilde Aguiar de Campos  
Artur Floriano de Toledo  
Maria Júlia de Barros Francisco Antonio de Barros  
 
Gertrudes Olaia de Toledo  
Alice Soares de Toledo  
Emiliano Baptista Soares José Baptista Soares  
 
Vitoria de Freitas  
Elisa Novais Soares  
Joaquina Dias Novais Joaquim Dias de Novaes  
 
Lúcia Maria Brandina  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Silvia, regina consorte di Svezia

Onorificenze svedesi[modifica | modifica wikitesto]

Membro e Commendatore degli Ordini di S. M. il Re (Reale Ordine dei Serafini) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama dell'Ordine famigliare reale di re Carlo XVI Gustavo - nastrino per uniforme ordinaria
I Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtI) - nastrino per uniforme ordinaria
I Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtI)
— 30 aprile 1996
Medaglia commemorativa delle nozze della Principessa della Corona Victoria e del Principe Daniel - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa delle nozze della Principessa della Corona Victoria e del Principe Daniel
— 19 giugno 2010[37][38]
II Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtII) - nastrino per uniforme ordinaria
II Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtII)
— 15 settembre 2013[39][40]
III Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtIII) - nastrino per uniforme ordinaria
III Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtIII)
— 30 aprile 2016[41]
IV Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtIV) - nastrino per uniforme ordinaria
IV Medaglia commemorativa del Giubileo di re Carlo XVI Gustavo (CXVIG:sJmtIV)
— 15 settembre 2023

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine di Al-Nahayan (Abu Dhabi) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria
Grande Stella della Decorazione d'Onore per servizi della Repubblica austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria
Premio Quadriga - nastrino per uniforme ordinaria
— 3 ottobre 2007
Membro di I classe dell'Ordine famigliare del Brunei (Brunei) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Monti Balcani (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Bernardo O'Higgins (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria
Grande Medaglia Gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce del Grand'ordine della regina Jelena (Croazia) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per meriti eccezionali nella promozione dell'amicizia e nello sviluppo della cooperazione reciproca tra la Repubblica di Croazia e il Regno di Svezia.»
— 8 aprile 2013[51]
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro di I classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro di I classe dell'Ordine della Stella bianca (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa bianca di Finlandia (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine nazionale al merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria
Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Federale di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg (Baden-Wuerttemberg) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine al merito bavarese (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria
I Classe Gran Cordone (Paulownia) dell'Ordine della Corona preziosa (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine supremo del Rinascimento (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine d'onore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine del Falcone islandese (Islanda) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Croce di Riconoscimento (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Lituania (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama dell'Ordine del Leone d'oro della Casa di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine della Corona del Reame (Malesia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo di re Harald V 1991-2016 (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine dell'infante dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria
Croce pro Benemerenti (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine per meriti eccezionali (Slovenia) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Chula Chom Klao (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine al Merito (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria
Ordine di Jaroslav il Saggio di I classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria
Dama di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria

Altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Deutsche Kulturpreis (Monaco di Baviera, 1989);[3]
  • Alzheimer Europe Award (Bruxelles, 2001);[3]
  • SWEA International's Swedish Woman of the Year Award (Göteborg, 2001);[3]
  • German Media Award (Baden-Baden, 2002);[3]
  • Dr Jushichiro Naito International Childcare Award (Stoccolma, 2005);[3]
  • Bambi (Stoccarda, 2006);[3]
  • BRIS Award (Stoccolma, 2007);[3]
  • Premio Quadriga (Berlino, 2007);[3]
  • Courage Prize (Bad Iburg, 2009);[3]
  • Medaglia di Sant'Erik (Stoccolma, 2010);[3]
  • Health and Human Rights Leadership Award (New York, 2011);[3]
  • Premio Solsticksan (2011);[3]
  • Premio Stenbeck (2012);[3]
  • Premio Steiger Carità (2012);[3]
  • Der Friedenstein Cultural Prize (2014);[3]
  • Premio Martin Buber (2014);[3]
  • A Heart for Children (2014);[3]
  • European Humanitate Prize (2015);[3]
  • Premio Onorario del National German Sustainability Award (2015);[3]
  • Benedikt Prize (2016);[3]
  • Bayerischer Stiftungspreis (2016);[3]
  • Humano – Botschafter der Menschlichkeit (2017);
  • Premio Theodor Wanner (2017);[3]
  • Premio Karl Kübel (2019);[3]
  • Butterfly Prize, Women's Organisations Committee on Alcohol and Drug Issues (2020).[3]

Onorificenze accademiche[modifica | modifica wikitesto]

Dottorato onorario - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato onorario
Dottorato onorario - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato onorario
Dottorato onorario - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato onorario
Dottorato onorario - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato onorario
Dottorato onorario - nastrino per uniforme ordinaria
Dottorato onorario

Cittadinanze onorarie[modifica | modifica wikitesto]

Cittadinanza onoraria di Heidelberg - nastrino per uniforme ordinaria
Cittadinanza onoraria di Heidelberg
— 26 maggio 2023[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Susan Flantzer, Queen Silvia of Sweden, in unofficialroyalty.com, 16 luglio 2014. URL consultato il 2 gennaio 2023.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Silvia Sommerlath (1943—), su encyclopedia.com. URL consultato il 10 ottobre 2023.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb (MUL) H.M. Drottningen, su kungahuset.se. URL consultato il 2 gennaio 2023.
  4. ^ (EN) Her Majesty Queen Silvia of Sweden, su diplomatic-world.com. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  5. ^ (EN) Arthur Floriano DE TOLEDO, su gw.geneanet.org. URL consultato il 12 ottobre 2023.
  6. ^ (EN) William Addams Reitwiesner, Ancestry of Queen Silvia of Sweden, su wargs.com.
  7. ^ (EN) Brittani Barger, 75 facts about Queen Silvia of Sweden on her 75th birthday, su royalcentral.co.uk, 23 dicembre 2018. URL consultato il 10 ottobre 2023.
  8. ^ (DE) Königin Silvia kommt nach Heidelberg, su elisabeth-von-thadden-schule.de, 23 agosto 2019. URL consultato il 10 ottobre 2023.
  9. ^ (DE) Eva-Maria Moosmüller, Königin Silvia von Schweden: Alles über die Monarchin aus Heidelberg, su 24royal.de, 8 luglio 2021. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  10. ^ (DE) Sie war eine von elf Mädchen, die den Sportlern die Goldmedaille überreichten, su gettyimages.it. URL consultato il 10 ottobre 2023.
  11. ^ a b (EN) Jans Bock-Schroeder, From Olympic hostess to Queen of Sweden, su bock-schroeder.com, 17 gennaio 2022. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  12. ^ a b c (EN) Brittani Barger, Queen Silvia, Sweden’s consort and vital part in the success of the reign of the country’s Jubilee king, su royalcentral.co.uk, 14 settembre 2023. URL consultato il 12 ottobre 2023.
  13. ^ a b (MUL) Kungaparets Bröllopsfond, su kungahuset.se. URL consultato il 14 ottobre 2023.
  14. ^ (EN) Our Story, su mentorarabia.org. URL consultato il 14 ottobre 2023.
  15. ^ a b (EN) Queen Silvia demands child porn ban, su thelocal.se, 1⁰ novembre 2008. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  16. ^ (EN) Queen Silvia Calls For Tighter Child Porn Laws, su sverigesradio.se, 3 novembre 2008. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  17. ^ a b c (EN) QSNA International, su queensilvianursingaward.com. URL consultato il 14 ottobre 2023.
  18. ^ (ENSV) HMD, su drottningsilviasstiftelse.se. URL consultato il 13 gennaio 2024.
  19. ^ Udienza privata del Papa alla Regina Silvia di Svezia (Informazione di P. Lombardi), su press.vatican.va, 27 aprile 2015. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  20. ^ Angela Ambrogetti, La Regina Silvia di Svezia: dobbiamo parlare di più dei diritti dei bambini, su acistampa.com, 28 aprile 2015. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  21. ^ a b c (SVENDEPT) SilviaBo, su silviahemmet.se. URL consultato il 14 ottobre 2023.
  22. ^ a b c (EN) Laura Dekkers, Queen Silvia father's nazi scandal in new interview, su royalcentral.co.uk, 16 dicembre 2018. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  23. ^ (EN) New lecture series dedicated to HM Queen Silvia, su su.se, 25 novembre 2022. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  24. ^ (ENSVFR) Swedish Presidency held conference on human trafficking, su swedish-presidency.consilium.europa.eu, 4 aprile 2023. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  25. ^ a b (EN) Swedens queen becomes honorary citizen of Heidelberg, Germany, su anews.com.tr, 26 maggio 2023. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  26. ^ a b c d e f (EN) Swedish Queen 'falsified past of Nazi father', su thejc.com, 31 ottobre 2013. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  27. ^ (EN) Swedish queen's report denies father had Nazi links, su bbc.com, 10 agosto 2011. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  28. ^ (EN) Queen Silvia speaks out about father's Nazi past, su sverigesradio.se, 20 dicembre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2023.
  29. ^ Immagine, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  30. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  31. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  32. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  33. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  34. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  35. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  36. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  37. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  38. ^ Medal image (JPG), su 62.88.129.39. URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2014).
  39. ^ Giubileo di rubino di Carlo XVI Gustavo, su europapress.es. URL consultato il 20 settembre 2013 (archiviato il 21 settembre 2013).
  40. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  41. ^ Daily Mail, su dailymail.co.uk. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato il 24 marzo 2019).
  42. ^ Immagine Archiviato il 3 marzo 2016 in Internet Archive.
  43. ^ (DE) Reply to a parliamentary question about the Decoration of Honour (PDF), su parlament.gv.at, p. 551. URL consultato il November 2012 (archiviato il 28 maggio 2016).
  44. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  45. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  46. ^ State visit of Sweden in Belgium 2001, Gala dinner, group photo Archiviato il 15 ottobre 2013 in Internet Archive.
  47. ^ ANP Immagine
  48. ^ Immagine, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 23 novembre 2015).
  49. ^ Getty Images, su gettyimages.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2016 (archiviato l'8 dicembre 2015).
  50. ^ group Immagine Archiviato il 15 maggio 2013 in Internet Archive.
  51. ^ Narodne
  52. ^ Immagini Archiviato il 24 maggio 2012 in Archive.is.
  53. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  54. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  55. ^ Estonian State Decorations, Kuninganna Silvia Archiviato il 27 settembre 2013 in Internet Archive. - website of the President of Estonia (Estonian)
  56. ^ Estonian State Decorations, Silvia Archiviato il 27 settembre 2013 in Internet Archive. - website of the President of Estonia (Estonian)
  57. ^ Immagine, su kungahuset.se. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 24 maggio 2013).
  58. ^ "Noblesse et Royautés" website Archiviato il 23 gennaio 2011 in Internet Archive. (French), State visit of Estonian presidential couple in Sweden (18-20/01/2011)
  59. ^ Immagine (JPG), su 25.media.tumblr.com. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato il 4 marzo 2016).
  60. ^ Immagini, su reservoirphoto.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2012).
  61. ^ Immagine, su reservoirphoto.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2012).
  62. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  63. ^ Gallery on www.theroyalforums.com Archiviato il 7 giugno 2012 in Internet Archive., State visit of President Johannes Rau in Sweden in 2003 : Group photo Archiviato il 10 dicembre 2012 in Internet Archive.
  64. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  65. ^ Immagine, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  66. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 23 novembre 2015).
  67. ^ Immagini, su gettyimages.be. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  68. ^ Immagine, su cdn.theroyalforums.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 6 novembre 2012).
  69. ^ Immagine, su royalcourt.se. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2009).
  70. ^ Immagine, su cdn.theroyalforums.com, Seegers Press, 6 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2012).
  71. ^ Order of the Falcon Archiviato il 13 marzo 2016 in Internet Archive., search form
  72. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  73. ^ Immagine, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  74. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato., su quirinale.it. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 28 settembre 2013).
  75. ^ Immagine, su cdn.theroyalforums.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 6 novembre 2012).
  76. ^ Copia archiviata, su vestnesis.lv. URL consultato l'11 aprile 2019 (archiviato l'11 aprile 2019).
  77. ^ Lietuvos Respublikos Prezidentė Archiviato il 19 aprile 2014 in Internet Archive. - Search form on Lithuanian presidency website
  78. ^ Copia archiviata, su kungahuset.se. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 23 novembre 2015).
  79. ^ Immagini, su monarchie.lu. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  80. ^ AMP Picture Archiviato il 2 maggio 2013 in Internet Archive., State visit of Grand-Dukes of Luxembourg in Sweden, gala dinner Archiviato il 28 marzo 2014 in Internet Archive. on 15/04/2008
  81. ^ Immagine, su cdn.theroyalforums.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 6 novembre 2012).
  82. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 2 gennaio 2016).
  83. ^ Immagini (JPG), su img.photobucket.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 13 febbraio 2013).
  84. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  85. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  86. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  87. ^ Elenco degli insigniti, su kongehuset.no. URL consultato il 27 gennaio 2016 (archiviato il 25 gennaio 2016).
  88. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 20 dicembre 2012 in Internet Archive. (French), State visit of Sweden in the Netherlands (04/2007), Gala dinner
  89. ^ Portuguese Presidency Website, Orders search form Archiviato il 20 ottobre 2017 in Internet Archive. : type "RAINHA SÍLVIA" in "nome", then click "Pesquisar"
  90. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  91. ^ Portuguese Presidency Archiviato il 26 aprile 2012 in Internet Archive., King Carl XVI receives the Grand Collar of the Order of Saint James of the Sword and Queen Silvia receives the Grand Cross of the Order of Prince Henry : Photo Archiviato il 29 ottobre 2013 in Internet Archive..
  92. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  93. ^ Recipients of Order of the Star of Romania (excel file) (XLS), su canord.presidency.ro. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  94. ^ Immagine, su ppe-agency.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 23 novembre 2015).
  95. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2019).
  96. ^ Immagini, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  97. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  98. ^ Immagine, su pinterest.com. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  99. ^ Immagine, su cdn.theroyalforums.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato il 6 novembre 2012).
  100. ^ Articolo, su kungahuset.se. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2016).
  101. ^ Immagini, su newmyroyals.com. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte di Svezia Successore
Luisa Mountbatten dal 19 giugno 1976 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN71365969 · ISNI (EN0000 0001 0535 1633 · LCCN (ENn79043924 · GND (DE118614398 · J9U (ENHE987008575667905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n79043924