Cristiano Bortone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cristiano Bortone (Roma, 2 luglio 1968) è un regista, produttore cinematografico e sceneggiatore italiano.

Con il film Rosso come il cielo vince il Premio David Giovani ai David di Donatello 2007.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Finito il liceo si trasferisce negli Stati Uniti per frequentare il corso di studi in cinema alla University of Southern California. Si laurea nel 1991 alla New York University in regia e produzione cinematografica e televisiva. Tornato in Italia fonda nel 1992 la società Orisa Produzioni. Ad oggi ha prodotto lungometraggi, documentari e programmi televisivi per i maggiori network italiani. Come regista ha firmato cinque lungometraggi per il cinema e numerosi documentari e reportages.

Il suo primo film Oasi interpretato dall'Henry Arnold di Heimat e da una giovane Valentina Cervi ai suoi esordi, viene presentato alla Mostra del cinema di Venezia del 1994 ma non riscuote successo e non viene distribuito in sala. È del 2000 Sono positivo commedia nera sul tema dell'Aids.

Nel 2001 Bortone realizza L'erba proibita, film sulla marijuana con la partecipazione di comici come Dario Fo, David Riondino, Paolo Rossi. Parallelamente continua l'attività di Bortone come produttore. Nel 2006 viene candidato ai Nastri d'argento come miglior produttore per il film Saimir, opera prima di Francesco Munzi.

Nel 2006 il suo nuovo film Rosso come il cielo, ispirato alla vita del montatore del suono Mirco Mencacci, viene presentato come Evento Speciale alla prima Festa del cinema di Roma.

Nel 2012 Bortone torna alla regia con 10 regole per fare innamorare, interpretato da Vincenzo Salemme.

Nello stesso anno Bortone co-produce il nuovo film del regista Stijn Coninx Marina, storia sull'emigrazione italiana e sulla musica degli anni cinquanta.

Nel 2015 torna a produrre un'opera prima, il film The Habit of Beauty del regista italo-inglese Mirko Pincelli. Ambientata fra Londra e Trento il film è interpretato da Francesca Neri e Vincenzo Amato.

Nel 2016 presenta il suo nuovo film Coffee, con Ennio Fantastichini.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • L'odore della terra (2010)
  • Kampi ya Kanzi - Un modello sostenibile (2003)
  • Noir Mediterraneo (2002)
  • Robin Hood di fine millennio (2000)
  • Nati sotto il segno del leone (1998)
  • Ritratti d'autore - Joe D'Amato [199]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • L'uomo dei guanti (1992)
  • By the Side of the Road (1990)
  • Loisaida (1990)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN293333627 · ISNI (EN0000 0004 0363 7939 · GND (DE1029516308 · BNF (FRcb166721189 (data)