Corpo Italiano di Liberazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corpo Italiano di Liberazione
Corpo Italiano di Liberazione.jpg
Stemma del Corpo Italiano di Liberazione
Descrizione generale
Attivo22 marzo 1944 - 24 settembre 1944
NazioneItalia Italia (Regno del Sud)
ServizioFlag of Italy (1860).svg Esercito Cobelligerante Italiano
TipoFanteria
Artiglieria
Genio
DimensioneCorpo d'armata
Battaglie/guerreSeconda guerra mondiale
Guerra di liberazione italiana
Campagna d'Italia
Comandanti
Degni di notaUmberto Utili
Simboli
Stellette
Stellette Italia2.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Corpo Italiano di Liberazione fu una unità militare operativa dell'Esercito Cobelligerante Italiano. Nato dopo l'armistizio di Cassibile (8 settembre 1943) nel Regno del Sud, dal Primo Raggruppamento Motorizzato, fu impiegato al fianco degli Alleati fino al settembre 1944. Successivamente la sua azione fu continuata dai Gruppi di Combattimento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Corpo Italiano di Liberazione nacque il 22 marzo 1944 come corpo d'armata su due unità di livello divisionale. La prima divisione venne creata ex novo fondendo due brigate di fanteria (tra cui il Primo Raggruppamento Motorizzato) con i relativi supporti; l'altra fu la 184ª Divisione paracadutisti "Nembo", di stanza in Sardegna e riportata sul territorio nazionale.

Trasferito sul fronte adriatico alle dipendenze dell'VIII Armata britannica, il C.I.L. incominciò l'8 giugno l'offensiva che lo porterà a conquistare Filetto, Canosa Sannita, Guardiagrele, Orsogna e Bucchianico da parte degli alpini e bersaglieri mentre i paracadutisti raggiungevano Chieti e la costa adriatica.

Nell'estate del 1944 il C.I.L., comandato dal generale Umberto Utili si distinse nella battaglia per la riconquista di Ancona combattendo al fianco dell'armata polacca. La divisione paracadutisti "Nembo", normalmente di stanza in Sardegna, liberò la cittadina di Filottrano eliminando il caposaldo tedesco e favorendo la conquista del porto di Ancona da parte degli Alleati. La battaglia di Filottrano fu un'altra tappa importante della guerra di liberazione italiana, e vide unità del II Corpo Polacco e il 183º Reggimento paracadutisti "Nembo", che da lì a poco sarebbe confluito nel Gruppo di combattimento "Folgore", contrapposti alla 71. e 278. infanterie-division tedesche facenti parte della 10. Armee, con il paese di Filottrano punto di cerniera tra le due divisioni tedesche e ordine di "tenere Ancona quanto più a lungo possibile, senza farsi colpire in forma distruttiva..."[1]. Prologo alla battaglia fu la fucilazione da parte tedesca di dieci cittadini di Filottrano in risposta a un non meglio precisato attacco a colpi d'arma da fuoco a un autocarro tedesco il 30 giugno[1].

Il giorno dopo il 15º Reggimento Ulani di Poznań, avanguardia della 5ª Divisione polacca Kresowa, attaccò l'abitato di S. Biagio costringendo alla reazione i tedeschi, ma il 2 luglio il loro attacco si arenò di fronte alle truppe alleate e in seguito i carristi polacchi e i paracadutisti italiani della "Nembo" appoggiati da guastatori proseguirono il tentativo di sfondamento in direzione di Ancona[1]. Nei giorni successivi e fino al 7 luglio, il paese e le zone circostanti vennero aspramente contese dalle due parti con aspri contrattacchi di fanteria e forze corazzate, ma persi Castelfidardo e Osimo i tedeschi dovettero ritirarsi dalla zona lasciando Filottrano in mano agli italiani, che entrarono in città col XIV Battaglione paracadutisti; le perdite italiane furono di 56 morti e 231 feriti, con 59 dispersi[1].

A metà luglio i polacchi conquistarono Ancona e il C.I.L riprese il movimento verso nord, liberando Santa Maria Nuova, Ostra Vetere, Belvedere Ostrense, Pergola, Castelleone di Suasa, Corinaldo, Cagli, Urbino, Urbania.

Il 24 settembre 1944 la grande unità viene sciolta, ma l'impegno e la volontà dimostrata convincono gli Alleati, i quali decidono di aumentare la possibilità d'impiego dei reparti italiani e di assegnare nuovi equipaggiamenti, consentendo la nascita di sei divisioni denominate Gruppi di Combattimento.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Comandante: generale di Corpo d'armata Umberto Utili

Persone legate al CIL[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d 1.htm La battaglia di Filottrano - Sito patrocinato dal Comune di Filottrano - La battaglia, su labattagliadifilottrano.it. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]