Cornelia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cornelia (disambigua).

«A chi la consolava della sua disgrazia rispose: "Mai dirò che non è stata fortunata la madre dei Gracchi".»

(Lucio Anneo Seneca, Consolazione a Marcia §16)
Laurent de La Hyre: Cornelia rifiuta la corona di Tolomeo VIII

Cornelia (189 a.C.? – 110 a.C. circa) è stata una matrona romana, famosa per essere stata la madre dei Gracchi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Publio Cornelio Scipione Africano e di Emilia, figlia di Lucio Emilio Paolo, il console caduto a Canne, sposò intorno al 175 a.C. Tiberio Sempronio Gracco e fu madre di dodici figli, di cui la maggior parte morì in tenera età: gli unici che arrivarono alla maggiore età furono i due famosi Tiberio e Gaio Gracco, e la loro sorella maggiore, Sempronia, che sposò Publio Cornelio Scipione Emiliano.

Fu una donna colta e di animo forte. Si racconta che Cornelia, rimasta vedova ancora giovane nel 154 a.C., avesse rifiutato di sposare il re d'Egitto, Tolomeo VIII Evergete, per consacrarsi all'educazione dei figli che seguì perfino nella carriera politica. Si dice che, a una matrona che ostentava le proprie pietre preziose, avesse risposto «haec ornamenta mea» - ecco i miei gioielli - mostrando alla donna i suoi figli Tiberio e Gaio. Fece parte della famiglia che più contribuì a diffondere la cultura ellenistica a Roma. [1]

Suvée, Cornelia e i suoi figli

È controverso se Cornelia abbia sostenuto l'operato politico riformista dei propri figli; una sua lettera, indirizzata al figlio Gaio, lo invita a rinunciare a vendicarsi del tribuno Ottavio, avversario del fratello Tiberio; una seconda lettera, un duro atto di accusa contro Gaio, è quasi certamente apocrifa.

Dopo la morte di Gaio, avvenuta nel 121 a.C. si ritirò a Miseno, «circondata sempre da Greci e da letterati [...] raccontava la vita e la condotta del padre, l'Africano, ed era ammirevole quando raccontava a chi glielo chiedeva le sventure e le imprese dei figli, ricordandoli senza manifestazioni di dolore e senza lacrime, come se si trattasse di personaggi delle età antiche». [2] Seneca nella "Consolatio ad Marciam" racconta che agli amici che cercavano di consolarla e la chiamavano infelice rispondeva: " Mai dirò di essere infelice, io che ho partorito i Gracchi". Venne ritenuta la figura di matrona ideale, grazie alle virtù, a lei attribuite di austerità e di carattere.[3]

Il piedistallo della statua di Cornelia Africana, dal Tabularium

In età più tarda le fu eretta una statua di bronzo nel Portico d'Ottavia, di cui si conserva il basamento con l'epigrafe: Cornelia Africani F. Gracchorum (ovvero: "Cornelia, [Publii Cornelii Scipionis] Africani filia, Graccorum mater", tradotto: "Cornelia, figlia dell'Africano, madre dei Gracchi"); fu la prima statua di una donna esposta in pubblico a Roma.

Cornelia è citata da Dante Alighieri nella Divina Commedia, nel Limbo, tra gli Spiriti Magni con il nome di Corniglia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. la voce Circolo degli Scipioni
  2. ^ Plutarco, Vita di Gaio Gracco, 19
  3. ^ Universo, De Agostini, Novara, 1964, Vol.IV, pag.124

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valerio Massimo Factorum et dictorum memorabilium libri IX IV 4,4
  • Plutarco Vite Parallele Tiberio e Gaio Gracco 40. 4
  • Tacito Dialogus de oratoribus 28

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN26957386 · ISNI (EN0000 0001 0395 2558 · LCCN (ENnr95039337 · GND (DE102385661 · CERL cnp00283902 · WorldCat Identities (ENviaf-61941238