Laurent de La Hyre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Reggenza di Anna d'Austria. Allegoria

Laurent de La Hyre (Parigi, 27 febbraio 1606Parigi, 28 dicembre 1656) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Hyre fu certamente allievo di Georges Lallemant, così come è certo ch'egli studiò e fu influenzato dall'opera di Francesco Primaticcio nel castello di Fontainebleau. Non risulta però che si sia mai recato in Italia, come era allora l'abittudine dei pittori francesi, che si recavano a Roma per studiare i modelli dell'Antichità e del Rinascimento prima di ritornare in patria.

La Hyre è stato, forse, il più perfetto esempio di quella espressività piena di ritegno e di moderazione che prese il nome di "atticismo parigino", e che si contrappose alle tendenze barocche di Simon Vouet, tornato dall'Italia nel 1627 e che domina la scena pittorica francese negli anni 1630 e 1640.

Agli inizi La Hyre fu, come il suo maestro Lallemant, un tipico esponente del tardo manierismo ancora in voga in Francia. Per il giovane La Hyre, gli anni trenta, periodo di effervescenza della pittura francese dopo il rientro di Vouet, sono quelli delle espirementazioni : dopo alcuni brevi tentativi di fuga sulla scia del Caravaggio, la sua opera si colloca in quella fase di transizione che, dalla pittura post-rinascimentale di maniera, apre le porte all'esperienza barocca per infine stabilizzarsi, sul finire degli anni 1630, verso un classicismo ispirato dall'esempio di Nicolas Poussin (che soggiorno due anni a Parigi, tra il 1640 e il 1642).

Pittore colto, interessato dalla matematica, La Hyre si compiace a trattare soggetti mitologici di solito poco rappresentati dai pittori. Pero' è nel campo della pittura di paesaggio che eccelle negli anni 1640 e 1650. Accanto a Claude Lorrain, La Hyre è uno dei migliori paesaggisti del suo tempo, creando scene equilibrate con colori chiari e armonici, con una particolare attenzione al disegno delle rovine antiche che popolano le sue vedute d'invenzione. I suoi interessi per la geometria, le proporzioni architettoniche e l'armonia matematica delle forme si riscontrano anche nei suoi disegni e le sue stampe.

Dalla metà degli anni 1630 divenne l'uno dei più riceracti pittori parigini, realizzando grandi pale d'altare per le maggiori chiese della capitale del regno, tra cui due cosiddetti "Mays" per la cattedrale di Notre-Dame. Realizzo' anche modelli per una grande serie di arazzi per la Reale manifattura dei Gobelins. Prova della sua fama, nel 1648 fu l'uno dei dodici membri fondatori dell'Académie royale de peinture et de sculpture, la massima istituzione reggente le Belle Arti in Francia.

Malato, morì a Parigi all'età di 50 anni, nel dicembre del 1656.

Suo figlio Philippe de La Hire fu un noto e importante matematico e astronomo, oltre che valente pittore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(Il vero soggetto di questo quadro potrebbe essere "La Decima Piaga d'Egitto". Vedi: Alastair Laing, «Le véritable sujet du tableau de La Hyre à Arras», in Revue de l'Art, 1990, vol. 89, pp. 82-83, consultabile sul sito: Persée.)

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti essenziali[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierre Rosenberg, Jacques Thuillier, "Laurent de La Hyre", Cahiers du Dessin Français, nº 1, Edit. Bayser, 1985.
  • Pierre Rosenberg, Jacques Thuillier, (Catalogo dell'esposizione), "Laurent de La Hyre", Edit. Rennes et Bordeaux, Grenoble, 1989-1990.
  • Marianne Le Blanc, "La notion d' «atticisme français» à l'épreuve de la perspective", in "L'artiste et l'oeuvre à l'épreuve de la perspective", Edit. M. Cojannot-Le Blanc, M. Dalai Emiliani, P. Dubourg Glatigny, Roma, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76324999 · LCCN: (ENn86138239 · ISNI: (EN0000 0000 8077 8613 · GND: (DE122119363 · BNF: (FRcb119642687 (data) · ULAN: (EN500004322 · CERL: cnp01319481