Lucio Cornelio Scipione Asiatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il console del I secolo a.C., vedi Lucio Cornelio Scipione Asiatico (console 83 a.C.).
Lucio Cornelio Scipione Asiatico
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Cornelius Scipio Asiaticus
Gens Cornelia
Consolato 190 a.C.

Lucio Cornelio Scipione Asiatico (238 a.C.post 184 a.C.) è stato un militare romano. Fratello di Publio Cornelio Scipione, del quale fu legato in Spagna nel 207 a.C. - 206 a.C., Sicilia (205 a.C.) e Africa (204 a.C. - 202 a.C.), fu pretore nel 193 a.C. e console nel 190 a.C.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra contro Antioco III e lega etolica.

La sua carriera politica fu offuscata dall'ombra di Publio, il fratello più famoso. Lucio, come Publio, divenne edile in giovane età. Console nel 190, fu comandante delle forze inviate contro Antioco III e la Lega Etolica, ma la guerra fu di fatto diretta dal fratello Publio.

Prese il soprannome di Asiatico, per la vittoria riportata su Antioco nella Battaglia di Magnesia, nel 189 a.C., ricevendo al suo ritorno a Roma, un grande trionfo.

Accusato di peculato da Marco Porcio Catone, fu da lui, censore nel 184 a.C., degradato dai suoi incarichi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

« Scipio Asiaticus, frater Africani, infirme corpore, tamen in Africa virtutis nomine a fratre laudatus, consul Antiochum regem Syriae legato fratre apud Sipylum montem, cum arcus hostium pluvia hebetati fuissent, vicit et regni parte privavit: hinc Asiaticus dictus. Post reus pecuniae interceptae, ne in carcerem duceretur Gracchus pater tribunus plebis, inimicus eius, intercessit. M. Cato censor equum et ignominiae causa ademit »
(Aurelio Vittore, De viris illustribus urbis Romae, 53)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore LupaCapitolina.png
Manio Acilio Glabrione
e
Publio Cornelio Scipione Nasica
(190 a.C.)
con Gaio Lelio
Gneo Manlio Vulsone
e
Marco Fulvio Nobiliore