Matrona (antica Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statua di una matrona (circa 100-110 d.C.), Gliptoteca di Monaco di Baviera.

La matrona era, nell'antica Roma, una donna che possedeva la cittadinanza romana ed aveva contratto un matrimonio romano con un uomo libero.

Durante il periodo della repubblica romana il posto che in prevalenza le era riservato era quello della realtà domestica, col compito di prendersi cura della Domus nell'ambito della famiglia romana, sotto la protezione e la tutela del paterfamilias, fosse esso il padre oppure il marito. Non le era in alcun modo consentito di ricoprire cariche pubbliche o avviare un'attività politica.

L'eccezione più eclatante a questo riguardo era però quella costituita dal gruppo delle sei vergini vestali le quali, pur essendo donne, mantenevano un altissimo status sociale nell'ambito della religione romana con offerte a loro espressamente dedicate.

Le matrone rappresentavano, nella società romana, quello che raffiguravano le divinità femminili più importanti, soprattutto nel loro ruolo di madri e mogli fedeli. La matrona era la madre (mater familias), dignitosa e rispettabile, responsabile della corretta manutenzione delle casa e della crescita dei figli; esente dal lavoro domestico e agricolo, tranne che per la filatura della lana, una tradizione che i romani facevano derivare dall'episodio storico del Ratto delle sabine. In quanto madre di famiglia ha un certo potere all'interno della casa, dirige i servi e gli schiavi e viene chiamata "domina" (padrona).

Le matrone romane avevano anche una loro festa appositamente celebrata a Roma, durante le calende di marzo, denominata Matronalia. Tra le donne più ammirate e stimate della storia romana ci sono le matrone Veturia (madre di Gneo Marcio Coriolano) e Cornelia (madre dei due Gracchi, Tiberio Gracco e Gaio Gracco)[1]. Durante l'impero romano, il termine è spesso usato in un senso più ampio a titolo onorifico, in particolare per le donne di più illustre lignaggio, quali Antonia minore, Servilia Cepione e Clodia.

Sembra anche che le matrone si siano, almeno in certe occasioni, coalizzate e organizzate, come dimostra la loro richiesta di abolizione della Lex Oppia[2] e la loro opposizione alle misure del secondo triumvirato[3]; il tutto anche se agli uomini romani questo comportamento appariva come altamente inappropriato per una matrona rispettabile.

Una matrona poteva essere riconosciuta dalla sua stola[4] e dai capelli intrecciati con vittae (fasce), considerate necessarie come oggetti da indossare tra i capelli.

Nelle prime chiese cristiane vi era un apposito spazio a loro dedicato, di solito una loggia sopraelevata, chiamato matroneo.

Nel linguaggio colloquiale corrente il termine è venuto col tempo a significare una signora che emana una particolare dignità e gravità ma anche, con un'accezione particolarmente dispregiativa, un'anziana sovrappeso[5].Si deve evidenziare che l'accezione in senso dispregiativo non trova nessun riscontro degno di rilevanza; quindi risulta totalmente infondata vista l'importanza dello "status" di matrona nell'Impero Romano quale esempio della prima emancipazione femminile. È di importanza rilevante anche il fatto che "Matrona", oltre ad essere, nell'Impero Romano uno Status Molto Importante della donna, con i secoli sia anche diventato nome comune di donna e nel V secolo sia divenuta Santa la cui ricorrenza è il 25 gennaio e Santa Patrona di San Prisco (CE). Durante il medioevo la parola viene invece ad indicare una donna matura che aiuta le giovani a partorire, col significato quindi di levatrice.

Matrona romana del II secolo.

Famose matrone romane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi Publio Cornelio Tacito, Dialogo degli oratori, 28, 6
  2. ^ Liv., XXXIV 1.5.
  3. ^ App., Bell. civ. IV 32-34.
  4. ^ Festo 112L.
  5. ^ https://www.duden.de/node/738161/revisions/1154288/view "Duden Matrone"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Roma