Codice a barre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Barcode" rimanda qui. Se stai cercando il gruppo hardcore newyorkese, vedi Barcode (gruppo musicale).
Codice a barre in Code 128

I codici a barre sono un insieme di elementi grafici a contrasto elevato disposti in modo da poter essere letti da un sensore a scansione e decodificati per restituire l'informazione contenuta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Codice a barre bidimensionale o codice QR (in inglese QR code che è il testo codificato)

L'idea dei codici a barre fu sviluppata da Norman Joseph Woodland e Bernard Silver, all'epoca studenti di ingegneria dell'Università di Drexel. Il 7 ottobre 1948 l'idea nacque dopo aver ascoltato le esigenze di automatizzare le operazioni di cassa da parte del presidente di un'azienda del settore alimentare.

Una delle prime idee era stata quella di utilizzare il Codice Morse stampato ed esteso in senso verticale, realizzando così barre strette e barre larghe. In seguito utilizzarono dei codici a barre ovali e brevettarono la loro invenzione.

I primi tentativi di riconoscere i codici a barre con un fotomoltiplicatore originariamente utilizzato per la lettura ottica delle bande audio dei film non ebbero successo: l'eccessivo rumore dei dispositivi termoionici, il calore generato dalla lampada utilizzata per l'illuminazione e il peso risultante dall'insieme erano ostacoli insormontabili in quanto le lampade allo xeno, l'unica fonte luminosa all'epoca abbastanza intensa, avevano prezzi improponibili, specie quelle a flusso continuo.

Il successivo sviluppo della tecnologia laser permise ai lettori di essere costruiti a prezzi più accessibili e lo sviluppo dei circuiti integrati permise la decodifica vera e propria dei codici. Silver morì nel 1963 a soli 38 anni, prima di vedere le numerose applicazioni pratiche del suo brevetto.

Nel 1972, un grande magazzino di Cincinnati fece degli esperimenti con un lettore con l'aiuto della RCA, ma i codici a barre ovali si macchiavano facilmente o si producevano delle sbavature durante la stampa, per cui l'esperimento fu un insuccesso. Nel frattempo, Woodland sviluppò presso IBM i codici a barre lineari, che furono adottati il 3 aprile 1973 con il nome "UPC" (Universal Product Code). Il 26 giugno 1974 presso un supermarket a Troy, nell'Ohio, il primo prodotto (un pacchetto di gomme americane) veniva venduto utilizzando un lettore di codici a barre. Quel pacchetto di gomme si trova ora nello Smithsonian's National Museum of American History.

Nel 1992, Woodland ha ricevuto dal presidente statunitense George H. W. Bush la medaglia nazionale per la tecnologia.

Tipi di codici a barre[modifica | modifica wikitesto]

I codici a barre si dividono in codici lineari e codici bidimensionali (Matrix):

Codici a barre lineari[modifica | modifica wikitesto]

Tra i tipi più diffusi in Italia, senz'altro troviamo il codice EAN (European Article Number) che viene utilizzato nella grande distribuzione, seguito dal Farmacode o codice 32 (una rielaborazione matematica del Codice 39), adottato per l'identificazione dei farmaci e delle specialità vendibili al banco nelle farmacie. Sempre nella grande distribuzione, possiamo trovare il Universal Product Code per i prodotti importati da Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada, Stati Uniti. Sempre nell'ambito della grande distribuzione, a partire dal 2014 è possibile usare la famiglia di barcode GS1 DataBar per la sua caratteristica di memorizzare un maggior numero di informazioni in minor spazio. Nell'ambito industriale hanno trovato grande diffusione il codice 128 (soprattutto attraverso lo standard GS1-128, il codice 39 (alfanumerico) e il 2/5 (si legge 2 di 5) interlacciato (anche nello standard ITF-14). A seconda del tipo di codice adottato vi sono dei limiti nel ridimensionamento, nel numero e nel tipo caratteri rappresentabili[1]. Ad esempio, il già citato codice EAN13 può rappresentare solo dodici caratteri numerici, il codice UCC/EAN-128, utilizzato nel settore medico, può rappresentare l'intero set di caratteri ASCII.

La maggior parte dei codici ha un codice di controllo (check digit) che l'unità di lettura è in grado di ricalcolare e verificare per assicurare la corretta lettura e l'integrità dei dati; .

Esempio Barcode Continuo o discreto Ampiezza barre Uso
Codabar.png Codabar Discreto Due Vecchio formato utilizzato nelle biblioteche e banche del sangue(obsoleto)
Code 25 – Non-interleaved 2 of 5 Continuo Due Industriale
Barcode2of5example.svg Code 25 – Interleaved 2 of 5 Continuo Due Commercio all'ingrosso, biblioteche Standard internazionale ISO/IEC 16390
Code11 barcode.png Code 11 Discreto Due Telefonia (obsoleto)
Code32 01234567.png Farmacode o Code 32 Discreto Due settore farmaceutico italiano e svizzero – usa il Code 39 (nessun standard internazionale disponibile)
Code 3 of 9.svg Code 39 Discreto Due Vari – Standard internazionale ISO/IEC 16388
Code 49 wikipedia.png Code 49 Continuo Variabili Vari
Code 93 Continuo Variabili Vari, usato soprattutto dalle poste canadesi
Code 128B-2009-06-02.svg Code 128 Continuo Variabili Vari – Standard internazionale ISO/IEC 15417
CPC Binary Discreto Due
Dx-film-edge-barcode.jpg DX film edge barcode Nessuno dei due Alto/basso pellicola fotografica
Issn barcode.png EAN 2 Continuo Variabili Codice aggiuntivo (periodici), approvato GS1 non come propria simbologia – da esser usato solo assieme ad un EAN/UPC in accordo all'ISO/IEC 15420
Isbn add5.png EAN 5 Continuo Variabili Codice aggiuntivo (libri), approvato GS1 non come propria simbologia – da esser usato solo assieme ad un EAN/UPC in accordo all'ISO/IEC 15420
EAN8.svg EAN-8, EAN-13 Continuo Variabili vendita al dettaglio diffuso in tutto il mondo, approvato GS1 - Standard internazionale ISO/IEC 15420
Facing Identification Mark Discreto Due USPS business reply mail
Gs1-128 example.svg GS1-128 (una volta chiamato UCC/EAN-128), erroneamente chiamato EAN 128 and UCC 128 Continuo Variabili Vari, approvato GS1– solo come applicazione del code 128 (ISO/IEC 15417) usa ANS MH10.8.2 AI Datastructures. Non sono simbologie separabili.
Databar 14 00075678164125.png GS1 DataBar, una volta conosciuto con: Reduced Space Symbology (RSS) Continuo Variabili Vari, approvato GS1
Intelligent Mail Barcode Wiki22.png Intelligent Mail barcode Discreto 4 bar heights United States Postal Service, sostituisce sia POSTNET che PLANET symbols (una volta conosciuto con OneCode)
ITF-14.svg ITF-14 Continuo Due imballi non primari, non destinati alla vendita al dettaglio, approvato GS1 – GS1 -approvato - è solo un Interleaved 2/5 Codice (ISO / IEC 16390), con alcune specifiche aggiuntive, secondo le specifiche GS1
EAN-13-5901234123457.svg JAN Continuo Variabili Usato in Giappone, simile e compatibile con EAN-13 (ISO/IEC 15420)
KarTrak ACI codes.svg KarTrak ACI Discreto Coloured bars Usato in nord America nel materiale ferroviario
MSI-barcode.png MSI Continuo Due Utilizzato per gli scaffali dei magazzini e per inventari
Pharmacode example.svg Pharmacode Discreto Due Imballi farmaceutici (nessun Standard internazionale disponibile)
PLANET Continuo Tall/short United States Postal Service (nessun Standard internazionale disponibile)
Plessey barcode.svg Plessey Continuo Due Cataloghi, scaffali dei negozi, inventario (nessuna norma internazionale disponibile)
PostBar Discreto 4 bar heights Poste canadesi
POSTNET BAR.svgPOSTNET 1.svgPOSTNET 2.svgPOSTNET 3.svgPOSTNET BAR.png POSTNET Discreto Tall/short United States Postal Service (nessun Standard internazionale disponibile)
Address with RM4SCC barcode.svg RM4SCC / KIX Discreto 4 bar heights Royal Mail / Royal TPG Post
Telepen barcode.png Telepen Continuo Due Biblioteche (Regno unito)
UPC A.svg Universal Product Code (UPC) Continuo Variabili vendita al dettaglio diffuso in tutto il mondo, approvato GS1 – Standard Internazionale ISO/IEC 15420

Codici a barre bidimensionali (Matrix)[modifica | modifica wikitesto]

Sono codici a barre a 2 dimensioni, adatti per essere letti con apparecchi fotografici e smartphone.

Esempio Nome Note
Azteccodeexample.svg Aztec Code Progettato da Andrew Longacre alla Welch Allyn (ora Honeywell Scanning and Mobility). Di pubblico dominio. - Norma internazionale ISO / IEC 24778
Code 1 Di pubblico dominio. Codice 1 è attualmente utilizzato nel settore sanitario per le etichette mediche e l'industria del riciclaggio per codificare i contenuti del contenitore per l'ordinamento.[2]
ColorCode ColorZip[3] ha sviluppato codici a barre di colorati che possono essere letti dai telefoni cellulari direttamente da schermi televisivi; utilizzato principalmente in Corea.[4]
Color Construct Code Color Construct Code è uno dei pochi codici progettati per sfruttare più colori.[5][6]
PhotoTAN mit Orientierungsmarkierungen.svg CrontoSign CrontoSign (chiamato anche photoTAN) è un crittogramma visivo [7] che contiene ordini bancari criptati e TAN (Transaction authentication number) monouso.[8]
CyberCode della Sony.
d-touch

leggibile se stampati su guanti deformabili, allungati e distorti[9][10]

DataGlyphs da Palo Alto Research Center

Brevettato.[11] DataGlyphs possono essere incorporati in un'immagine mezzo tono o di sfondo in un modo che è quasi invisibile percettivamente, simile alla steganografia.[12][13]

Datamatrix.svg Data Matrix da Microscan Systems. Di pubblico dominio - standard ISO / IEC 16022.
Datastrip Code da Datastrip, Inc.
digital paper carta modellata utilizzata in combinazione con una penna digitale per creare documenti digitali scritti a mano. Il modello di puntini stampato identifica univocamente la posizione coordinate sulla carta.
Example of an EZcode. EZcode Progettato per essere decodificato da smartphone;[14] da ScanLife.[15]
High Capacity Color Barcode Sviluppato da Microsoft; licensed by ISAN-IA.
Han Xin 2D Barcode.svg Han Xin Barcode Codice a barre progettato per codificare i caratteri cinesi introdotto da Association for Automatic Identification and Mobility nel 2011.
HueCode da Robot Design Associates. Uses greyscale or colour.[16]
InterCode Il codice a barre 2D standard Corea del Sud. Tutti e tre gli operatori sudcoreani di telefonia mobile mettono di serie il programma di scansione di questo codice nei loro cellulari per accedere a internet dal telefono.
MaxiCode.svg MaxiCode Usato da United Parcel Service (UPS). Ora di pubblico dominio
MMCC Progettato per diffondere contenuti ad alta capacità per i telefoni cellulare tramite stampa a colori esistente e media elettronici, senza la necessità di connettività di rete
NexCode.png NexCode NexCode è sviluppato e brevettato da S5 Systems.
Nintendo e-Reader#Dot code Sviluppato da Olympus Corporation per immagazzinare canzoni, immagini e piccoli giochi per Game Boy Advance nelle Pokémon trading cards.
Better Sample PDF417.png PDF417 Creato da Symbol Technologies. Pubblico Dominio.
Qode example. Qode Barcode di proprietà e di brevetto americani sviluppato da NeoMedia Technologies, Inc.[15]
Wikipedia mobile en.svg QR code Inizialmente sviluppato, brevettato e di proprietà di Denso (gruppo Toyota) per la gestione dei ricambi auto; hanno scelto di non esercitare i loro diritti del brevetto. Può codificare i caratteri giapponesi Kanji e Kana, musica, immagini, URL, email. Standard de facto per i telefoni cellulare giapponesi e non solo. Anche usato da BlackBerry Messenger per raccogliere contatti al posto di usare un codice PIN. È il più frequente barcode scansionato dagli smartphone. È utilizzato anche dal progetto qrpedia – standard internazionale: ISO/IEC 18004
Shotcode.png ShotCode barcode circolare progettato per smartphone. Progettato da High Energy Magic Ltd con il nome Spotcode. Il nome precedente era TRIPCode.
SPARQCode-sample.gif SPARQCode QR code che codifica lo standard di MSKYNET, Inc.
VOICEYE Sviluppato e brevettato da VOICEYE, Inc. in Corea del Sud, che ha lo scopo di permettere alle persone non vedenti e ipovedenti di accedere alle informazioni stampate. È il codice a barre 2D che ha la più grande capacità di memorizzazione del mondo.

Lettura dei codici a barre[modifica | modifica wikitesto]

Un lettore di codice a barre

La tipologia dei lettori di codici a barre è andata ampliandosi con l'avvento di nuove tecnologie e con la miniaturizzazione della componentistica elettronica.

Tipo di collegamento[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ai lettori collegati ad un personal computer o ad un registratore di cassa, troviamo dei lettori dotati di memoria e quindi in grado di immagazzinare un certo numero di letture prima che vi sia la necessità di scaricarle utilizzando un'unità base (detta calamaio nel caso delle penne ottiche). Altri lettori sono dotati di un trasmettitore di piccola potenza per comunicare in tempo reale ad un'unità ricevente i dati che vengono letti.

Tecnologia di lettura[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda i codici a barre lineare, la tecnologia prevalente e più affidabile impiega uno o più raggi laser, abbinato di solito ad una testina oscillante e in taluni casi ad un sistema di specchi, al fine di moltiplicare le probabilità che qualsiasi codice stampato su un oggetto venga letto al primo tentativo. Esistono anche dei lettori più economici che utilizzano una barra di LED per illuminare i codici a barre e un sensore CCD (Charged Coupled Device). Si ottengono così dispositivi più leggeri e più resistenti, adatti per scanner da impugnare, che però devono essere portati quasi a contatto con i codici a barre da leggere. Inoltre, in ambito industriale, le ultime tecnologie permettono la lettura del codice a barre tramite l'acquisizione di un'immagine fornita da un sistema video. Questo, tramite l'apposito software, permette di "fotografare" l'oggetto, riconoscere nella fotografia il codice a barre da leggere e successivamente interpretarlo.

Per quanto riguarda i codici a barre bidimensionali, la tecnologia più diffusa è quella fotografica.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi informazione utile alla gestione del magazzino e del movimento delle merci può essere codificata con codici a barre. La spesa per la loro stampa è infatti spesso trascurabile, visto che il relativo disegno è solitamente inserito direttamente nel bozzetto dell'etichettatura o dell'imballaggio della merce. Nel caso in cui la stampa e l'applicazione dei codici a barre avvengano in fasi successive, esistono sistemi di stampa a trasferimento termico o laser che rendono l'operazione non solo veloce, ma anche affidabile come la stampa offset.

Anche le pubblicazioni e i periodici, per facilitare l'identificazione e la classificazione, utilizzano i codici a barre, come previsto dai sistemi internazionali di codifica ISBN e ISSN.

I codici a barre permettono l'identificazione dei convogli in transito in alcune tratte ferroviarie o nelle linee della metropolitana.

Possiamo trovare codici a barre anche sulle carte fedeltà, usati per rappresentarne il codice identificativo che è associato al titolare della carta stessa.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

L'Apocalisse e il numero della Bestia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una leggenda metropolitana i codici a barre lineari applicati su tutti i prodotti commerciabili nel mondo occidentale contengono in forma cifrata il numero 666, il cosiddetto numero della Bestia: tale numero sarebbe rappresentato dalle tre barre di divisione, di forma uguale, delle quali una centrale separa la prima parte del codice dalla seconda, e le altre due sono poste al principio e alla fine del codice: tali barre sono in effetti formate da due righe sottili di uguale misura, identiche a quelle rappresentanti nel codice il numero 6. Tale combinazione ha dato adito a molte congetture: in particolare trovando una corrispondenza con un passo di una delle profezie dell'Apocalisse di San Giovanni (13:17-18) che riporta:

« 17. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome.
18. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza, calcoli il numero della bestia, perché è un numero d'uomo; e il suo numero è seicentosessantasei. »

Tuttavia le tre barre di separazione, pur richiamando quella corrispondente al numero 6, non rappresenterebbero alcuna cifra all'interno del codice stesso: sono semplicemente linee di riferimento utilizzate dai dispositivi di lettura per capire dove inizia e dove finisce lo stesso.[17][18][19][20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Codici a barre lineari, logicatecno.it. URL consultato il 7 maggio 2013.
  2. ^ Russ Adams, 2-Dimensional Bar Code Page, adams1.com, 15 giugno 2009. URL consultato il 6 giugno 2011 (archiviato il 7 luglio 2011).
  3. ^ Colorzip.com, Colorzip.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  4. ^ Barcodes for TV Commercials, Adverlab, 31 gennaio 2006. URL consultato il 10 giugno 2009.
  5. ^ About, Colour Code Technologies. URL consultato il 4 novembre 2012.
  6. ^ Frequently Asked Questions, ColorCCode. URL consultato il 4 novembre 2012.
  7. ^ CrontoSign Image, Cronto..
  8. ^ (DE) Neu bei comdirect: photoTAN [New at comdirect: photoTAN], Comdirect Bank Aktiengesellschaft, 9 aprile 2013..
  9. ^ d-touch topological fiducial recognition, MIT..
  10. ^ d-touch markers are applied to deformable gloves, MIT..
  11. ^ DataGlyphs: Embedding Digital Data, Microglyphs, 3 maggio 2006. URL consultato il 10 marzo 2014.
  12. ^ "DataGlyph" Embedded Digital Data, Tauzero. URL consultato il 10 marzo 2014.
  13. ^ DataGlyphs, Xerox. URL consultato il 10 marzo 2014.
  14. ^ Scanbuy, scanbuy.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  15. ^ a b Jeroen Steeman, Online QR Code Decoder, blog.qr4.nl. URL consultato il 9 gennaio 2014.
  16. ^ BarCode-1 2-Dimensional Bar Code Page, Adams. URL consultato il 10 giugno 2009.
  17. ^ Articolo Toxicidad radiònica y el número de la Bestia 666 en el codigo de Barras di Manuel Figueroa; rivista spagnola Próximo Milenio n.33 del Marzo 1996
  18. ^ IL MARCHIO DELLA BESTIA; Altre notizie sul 666 - DNA e codice a barre (666) (articolo di Pietro Arnese, traduzione di Susanna Giovannini): http://www.lagerusalemme-in-visibile.net/index.php/Studi-Biblici/Il-Marchio-della-Bestia-666.html ; http://www.lagerusalemme-in-visibile.net/index.php/Studi-Biblici/La-bestia-666-Le-grandi-profezie.html
  19. ^ 666 annidato nei codici a barre di tutto il mondo! smentita
  20. ^ (EN) Questions about the U.P.C. and the New Testament

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]