Cláudio José Gonçalves Ponce de Leão

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cláudio José Gonçalves Ponce de Leão, C.M.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Cláudio José Gonçalves Ponce de Leão.JPG
Template-Archbishop.svg
Incarichi ricoperti
Nato 21 febbraio 1841 a Salvador
Ordinato diacono 22 dicembre 1866
Ordinato presbitero 15 giugno 1867
Nominato vescovo 13 maggio 1881 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo 24 luglio 1881 dall'arcivescovo Angelo Di Pietro (poi cardinale)
Elevato arcivescovo 15 agosto 1910 da papa Pio X
Deceduto 26 maggio 1924 (83 anni) a Rio de Janeiro

Cláudio José Gonçalves Ponce de Leão (Salvador, 21 febbraio 1841Rio de Janeiro, 26 maggio 1924) è stato un vescovo cattolico brasiliano, primo arcivescovo di Porto Alegre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del giudice Domingos José Gonçalves Ponce de Leon e di Gertrudes Gonçalves de Araújo, nel 1861 è partito per Parigi dove si è unito alla Congregazione lazzarista.[1]

Ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno 1867 è stato ordinato sacerdote della Congregazione della missione a Parigi.

Di ritorno dalla Francia, è stato professore presso il seminario dello stato di Ceará per otto anni. Nel 1875 è stato trasferito al seminario di São José a Rio de Janeiro con l'incarico di vice-rettore.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio 1881, con decreto dell'imperatore Pietro II, è stato nominato vescovo di Goiás e il 24 luglio successivo è stato consacrato dall'arcivescovo Angelo Di Pietro, nunzio apostolico in Brasile, coconsacranti Pedro Maria de Lacerda, vescovo di São Sebastião do Rio de Janeiro, e Antônio Maria Corrêa de Sá e Benevides, vescovo di Mariana

Il 26 giugno 1890, è stato nominato da papa Leone XIII, vescovo della diocesi di São Pedro do Rio Grande do Sul di cui ha preso possesso il 20 settembre successivo.

Il suo episcopato è stato segnato dalla proclamazione della Repubblica (1889) e dalla Rivoluzione federalista (1893-1895) di cui ha denunciato le atrocità.

Come vescovo di Rio Grande do Sul, ha fatto numerose visite pastorali nel territorio e ha riorganizzato il seminario vescovile che il suo predecessore aveva prima affidato ai sacerdoti gesuiti e poi ai sacerdoti della sua congregazione religiosa e che lui ha affidato ai cappuccini francesi. Ha sempre sostenuto e favorito l'arrivo di congregazioni religiose nello Stato.

Il 15 agosto 1910, a seguito dello smembramento della diocesi di São Pedro do Rio Grande do Sul e la creazione dell'arcidiocesi di Porto Alegre, è divenuto il primo arcivescovo metropolita di Porto Alegre.

Il 9 gennaio 1912, papa Pio X ha accettato le sue dimissioni per motivi di salute e lo ha nominato arcivescovo titolare di Anazarbo.

È morto il 26 maggio 1924, all'età di 83 anni, nella città di Rio de Janeiro, dove viveva in una casa della congregazione lazzarista. I suoi resti mortali sono stati trasferiti a Porto Alegre il 28 maggio 1934 e sono sepolti nella cattedrale vicino a quelli degli altri arcivescovi.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Walter Spalding, Construtores do Rio Grande, Porto Alegre, Livraria Sulina, 1969.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arquivos da Cúria Metropolitana de Porto Alegre

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Goiás Successore BishopCoA PioM.svg
Antônio Maria Corrêa de Sá e Benevides 13 maggio 1881 - 26 giugno 1890 Joaquim Arcoverde de Albuquerque Cavalcanti
Predecessore Vescovo di São Pedro do Rio Grande do Sul Successore BishopCoA PioM.svg
Sebastião Dias Laranjeira 26 giugno 1890 - 15 agosto 1910 -
Predecessore Arcivescovo metropolita di Porto Alegre Successore ArchbishopPallium PioM.svg
- 15 agosto 1910 - 9 gennaio 1912 João Batista Becker
Predecessore Arcivescovo titolare di Anazarbo Successore Archbishop CoA PioM.svg
Raimondo Ingheo 9 gennaio 1912 - 26 maggio 1924 Raymund Netzhammer, O.S.B.
Controllo di autoritàVIAF: (EN81535231 · ISNI: (EN0000 0000 5666 1546