Chambre 666

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chambre 666
Titolo originale Chambre 666
Lingua originale Francese, inglese, italiano, portoghese, tedesco
Paese di produzione Francia, Germania Ovest
Anno 1982
Durata 45 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.33:1 (4:3)
Genere documentario
Regia Wim Wenders
Soggetto Wim Wenders
Sceneggiatura Wim Wenders
Produttore Michel Boujut, Chris Sievernich, Claude Ventura
Casa di produzione Antenne-2, Chris Sievernich Filmproduktion, Films A2, Gray City, Wim Wenders Productions
Fotografia Agnès Godard
Montaggio Chantal de Vismes
Musiche Bernard Herrmann, Jürgen Knieper
Interpreti e personaggi

Chambre 666 (traduzione: Camera 666) è un film documentario realizzato nel 1982 dal regista Wim Wenders.

In occasione del Festival di Cannes del 1982, Wenders preparò una macchina da presa fissa in una camera d'albergo (la numero 666 dell'Hotel Martinez) e invitò una serie di registi ad entrarvi da soli, accendere la camera e il registratore audio e rispondere in solitudine ad una serie di domande preparate su un foglio. Le domande erano sul tema "Qual è il futuro del cinema?" e in particolare: "Il cinema è un linguaggio che andrà perduto, un'arte che sta per morire?". Ogni regista aveva a disposizione una rullo di pellicola da 16 mm (circa 11 minuti di durata) per rispondervi. Wenders registrò il suo intervento come chiusura, aggiunse un'introduzione e montò il tutto. Tra gli altri appaiono Jean-Luc Godard, Steven Spielberg, Michelangelo Antonioni, Werner Herzog e Rainer Werner Fassbinder, che morì meno di un mese dopo.

È stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2006.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2006, festival-cannes.fr. URL consultato il 10 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema