La lettera scarlatta (film 1973)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La lettera scarlatta
Titolo originale Der scharlachrote Buchstabe
Lingua originale tedesco
Paese di produzione Germania Ovest, Spagna
Anno 1973
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,66:1
Genere drammatico
Regia Wim Wenders
Soggetto Nathaniel Hawthorne (romanzo)
Produttore Volker Canaris, Peter Schamoni, Joachim von Mengershausen
Fotografia Robby Müller
Montaggio Peter Przygodda
Musiche Jürgen Knieper
Scenografia Adolfo Cofiño, Manfred Luetz
Costumi Carmen Marín
Interpreti e personaggi

La lettera scarlatta (Der scharlachrote Buchstabe) è un film del 1973 diretto da Wim Wenders, tratto dall'omonimo romanzo di Nathaniel Hawthorne.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo si apre con Hester mostrata al popolo di Salem, sul patibolo. È il risultato del processo che è stato intentato contro di lei per adulterio. Hester infatti ha dato alla luce una bambina, Pearl, nonostante il marito sia assente da anni dalla città. Oltre al pubblico ludibrio, Hester deve sottostare a un'altra pena per la sua colpa: deve portare sul petto una A scarlatta (che sta per "Adultera"), diventando così la pecora nera della comunità puritana, assai poco incline al perdono e alla comprensione.

Hester non vuole rivelare chi sia il padre della bambina. Ma dopo qualche capitolo Hawthorne ci svela che il suo amante è il giovane reverendo Dimmesdale, colto teologo, eccellente predicatore, uno degli uomini più rispettati e venerati della città. Si capisce allora che se Hester tace, lo fa per amore, cioè per proteggere Dimmesdale. Il quale però si tormenta per la propria vigliaccheria e la propria falsità: predica ripetutamente contro il peccato, ma il primo a peccare è stato proprio lui; ed è un'altra, cioè Hester, a scontare la pena per entrambi.

La situazione si complica quando il marito di Hester, che in città nessuno conosce, torna dalla sua lunga assenza, che si spiega con la sua cattura da parte degli indiani e la successiva prigionia. Il marito di Hester impone alla moglie di non rivelare la sua identità: questo perché vuole indagare in incognito sull'identità dell'amante, il cui nome Hester si rifiuta categoricamente di rivelare anche al marito. Quest'ultimo assume così il nome di Roger Chillingworth, e prende a esercitare l'attività di medico in città, forte dei suoi studi in Inghilterra, ma anche delle cognizioni di medicina indiana che ha appreso durante la prigionia. Nel frattempo la comunità religiosa tenta inutilmente di sottrarre la figlia alla madre con la scusa che questa sarebbe indegna di fornire un'educazione religiosa alla figlia, ma l'intervento del reverendo ( il padre segreto della bambina) convince l'autorità a lasciare la figlia alla madre.

La vicenda si snoda quindi nel patologico triangolo che si viene a formare tra Hester, Roger e Dimmesdale, con un crescendo di tensione, sofferenza e angoscia che porta alla rivelazione finale.

Temi trattati[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema