Ceruleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ceruleo
Coordinate del colore
HEX #007BA7
RGB1 (r; g; b) (0; 123; 167)
CMYK2 (c; m; y; k) (100; 26; 0; 35)
HSV (h; s; v) (196°; 100%; 65%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

A destra è mostrato il ceruleo, una tonalità che varia dal blu profondo fino a tonalità più brillanti e persino all'azzurro, quasi sempre passando attraverso tonalità di verde, ma non è detto. Il termine è usato anche come sinonimo di Cangiante.

Il primo utilizzo fatto di questo termine per indicare questo colore è stato nel 1590.[1] La parola deriva probabilmente dal latino caeruleus, "blu scuro, blu o blu-verde", che a sua volta deriva probabilmente da caelulum, diminutivo di caelum, "paradiso, cielo".[2]

Blu Ceruleo
Coordinate del colore
HEX #2A52BE
RGB1 (r; g; b) (42; 82; 190)
CMYK2 (c; m; y; k) (87; 74; 0; 0)
HSV (h; s; v) (224°; 78%; 75%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

A destra è mostrato il blu ceruleo, la tonalità di blu con la quale normalmente si indica il colore del cielo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maerz and Paul A Dictionary of Color New York:1930 McGraw-Hill Page 190; Color Sample of Cerulean: Page 89 Plate 33 Color Sample E6
  2. ^ Cerulean, Online Etymology Dictionary