YInMn Blue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
YInMn Blue
Mas Blue o Bluetiful (Crayola)
Coordinate del colore
HEX #2E5090
RGB1 (r; g; b) (45.82; 79.92; 143.51)
CMYK2 (c; m; y; k) (68.07; 44.31; 0; 43.72)
HSV (h; s; v) (219.06°; 68.07%; 56.28%)
1: normalizzato a [0-255] (byte)
2: normalizzato a [0-100] (%)

Lo YInMn Blue (Y per l'ittrio, In per l'indio e Mn per il manganese), noto anche come Mas Blue,[1] è un pigmento inorganico blu scoperto per caso dallo studente ricercatore Andrew Smith nel laboratorio del professor Mas Subramanian presso l'Università statale dell'Oregon nel 2009.[2][3] Crayola, attraverso un concorso indetto nel 2017, lo ha rinominato e commercializzato come Bluetiful.[4][5][6][7]

Si tratta dell'ultima tonalità blu ad essere stata sintetizzata, a distanza di più di due secoli dal blu di Prussia (1706) e dal blu cobalto (1802) e a quasi 160 anni dal blu di Brema (1858).[1][8] Lo YInMn Blue è considerato a tutti gli effetti un colore puro, ovvero un colore senza aggiunta di pigmenti neri o bianchi. L'eccezionale intensità del colore è paragonabile a quella dell'International Klein Blue.[6]

La scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Mas Subramanian con la struttura cristallina dello YInMn Blue

La scoperta del pigmento è stata fortuita e inattesa. Lo studente universitario Andrew Smith, nel tentativo di ottenere una fibra ad alta conducibilità elettrica, ottenne il composto chimico riscaldando a circa 1.100 °C il triossido di manganese con gli ossidi di ittrio e indio (YIn1−xMnxO3).[2][1] Il prodotto ottenuto non aveva le proprietà ferromagnetiche richieste, ma il docente, il professore Mas Subramanian, notò che il composto, di un colore blu brillante, era in grado di riflettere in modo inusuale la radiazione infrarossa.[1][9]

Proprietà e preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca di un blu perfetto, stabile, non pericoloso e che non si degradasse è andata avanti per migliaia di anni senza risultati ottimali: fu infatti sperimentata da numerose civiltà come gli Egizi, la dinastia Han in Cina e i Maya.[10] Lo YInMn Blue ha numerose caratteristiche che lo rendono uno dei primi pigmenti blu chimicamente stabili e che non cambiano colore con l'illuminazione.[9][6] Come afferma lo stesso Mas Subramanian esso è uno dei pochi pigmenti inorganici blu a bassa tossicità a differenza di altri più pericolosi come il blu cobalto, il blu di Prussia (che emette cianuro) e il blu oltremare (che emette acido solfidrico).[10][1][9] Un'altra peculiare proprietà della sostanza è quella di riflettere la radiazione infrarossa, in modo tale da diminuire il riscaldamento da irraggiamento luminoso di tutti gli oggetti verniciati con questo pigmento grazie alla sua struttura cristallina; tale proprietà fisica lo rende un ottimale componente per le vernici per automobili e per il restauro dei dipinti.[9][10]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Vittorio Sabadin, Scoperta una nuova tonalità, YInMn. Ora un concorso per darle un nome, su LaStampa.it. URL consultato il 22 maggio 2017.
  2. ^ a b Andrew E. Smith, Hiroshi Mizoguchi, Kris Delaney, Nicola A. Spaldin, Arthur W. Sleight e M. A. Subramanian, Mn3+ in Trigonal Bipyramidal Coordination: A New Blue Chromophore, in Journal of the American Chemical Society, vol. 131, nº 47, 2 dicembre 2009, pp. 17084–17086, DOI:10.1021/ja9080666, ISSN 0002-7863 (WC · ACNP), PMID 19899792.
  3. ^ A Chemist Accidentally Creates A New Blue. Then What? July 16, 2016 Gabriel Rosenberg http://www.npr.org/2016/07/16/485696248/a-chemist-accidentally-creates-a-new-blue-then-what?
  4. ^ (EN) Crayola's Miraculous New Superblue Crayon Officially Has a Name—And It Will Blue Your Mind, in artnet News, 14 settembre 2017. URL consultato il 19 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Crayola's newest crayon color is a shade of blue that was just discovered, su usatoday.com, 5 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  6. ^ a b c Francesca Bertuglia, La scoperta di YInMn Blue: una nuova esplosione di colore, in Artspecialday, 20 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  7. ^ (EN) Jennifer Sheehan, And the top five names for the new Crayola crayon are..., in themorningcall.com. URL consultato il 4 luglio 2017.
  8. ^ Blu di Brema, su lem.ch.unito.it. URL consultato il 22 maggio 2017.
  9. ^ a b c d Francesco Canino, Scoperta una nuova tonalità di blu: si chiama YInMn - Panorama, in Panorama, 16 maggio 2017. URL consultato il 22 maggio 2017.
  10. ^ a b c (EN) Licensing agreement reached on brilliant new blue pigment discovered by happy accident | News and Research Communications | Oregon State University, su oregonstate.edu. URL consultato il 30 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]