Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci
Centro Pecci.jpg
Tipo arte contemporanea
Data fondazione 25 giugno 1988
Indirizzo Viale della Repubblica 277, 59100, Prato
Direttore Fabio Cavallucci
Sito Sito ufficiale

Coordinate: 43°51′40″N 11°06′30″E / 43.861111°N 11.108333°E43.861111; 11.108333

Il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci è un'istituto culturale situato a Prato che ha come finalità lo studio, la collezione e la promozione artistica. Al Centro è riconosciuta la funzione pubblica di Coordinamento del sistema regionale dell’arte contemporanea [1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro fu costruito dall'architetto Italo Gamberini (autore anche della vicinissima Galleria Farsetti) su incarico dell'industriale pratese Enrico Pecci, in memoria del figlio scomparso Luigi Pecci. In un primo tempo venne elaborato un progetto, in collaborazione con l'ingegnere Attilio Mazzoni, ispirato al palazzo della Cee a Bruxelles (il cui modello venne presentato all'Amministrazione comunale alla fine del 1978). Finalmente nel 1981, approvato l'impianto urbanistico - consistente nell'edificio museale e in due corpi da destinarsi a terziario - e individuata l'area (un lotto di proprietà di una società di cui Pecci era consigliere delegato), Italo Gamberini ricevette l'incarico di procedere alla stesura definitiva del progetto e alla conseguente realizzazione. Lo studio urbanistico e architettonico fu approntato entro il dicembre del 1981: dopo numerosi incontri tra la committenza, l'amministrazione e il progettista, la concessione edilizia fu finalmente rilasciata il 28 febbraio del 1984. I lavori vennero avviati nel 1985; nell'autunno del 1986 era già completata la struttura (fondazioni, solai, telai metallici, scale esterne, e copertura), mentre i tamponamenti e le finiture furono portati a termine agli inizi del 1988. Il museo venne ufficialmente inaugurato il 25 giugno 1988 con la mostra panoramica Europa oggi.

La struttura originaria, inaugurata il 25 giugno 1988 sul modello polifunzionale del Centro Georges Pompidou di Parigi, comprende lo spazio espositivo, il CID/Centro di Informazione e Documentazione sulle Arti visive con la biblioteca specializzata sull’arte e sull’architettura contemporanea, il Dipartimento Educazione, inaugurato alla fine degli anni Ottanta con la didattica sperimentale di Bruno Munari, la Sezione Eventi dedicata nei primi quindici anni ad attività musicali, video e performative nell’auditorium e nell’anfiteatro, a cui si aggiungono le proposte editoriali, i programmi di incontri e approfondimenti culturali.

Gli scopi dell'attività sono la costituzione e l'incremento di una raccolta permanente incentrata prevalentemente sugli sviluppi artistici italiani e internazionali.

Edificio[modifica | modifica wikitesto]

Si compone oggi di due parti: l’edificio progettato negli anni Ottanta dall’architetto Italo Gamberini e la struttura in costruzione dallo studio Maurice Nio / NIO architecten di Rotterdam, che abbraccia quella di Gamberini e ne raddoppia la superficie espositiva.

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

La collezione include circa mille opere, in prevalenza sculture, installazioni e ambienti, dipinti e opere video, realizzati dagli anni Cinquanta del Novecento ad oggi e acquisiti per lo più in seguito alle mostre. Nuclei specifici di opere provengono dalla Collezione Carlo Palli, da acquisizioni degli Amici del Centro Pecci e della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato.

Di particolare rilievo risultano i lavori di vari esponenti dell’Arte Povera e della Transavanguardia, così come di artisti dell’ex URSS. La raccolta comprende inoltre un vasto repertorio di opere e progetti di Poesia Concreta, Poesia Visiva, esperienze visuali di musicisti e performer, sezioni dedicate all’Architettura Radicale, al Cinema d’artista in Toscana dal 1964 al 1980, al libro d’artista.

In collezione, tra le altre, vi sono opere di Vito Acconci, Nobuyoshi Araki, Stefano Arienti, Marco Bagnoli, Rossella Biscotti, Botto & Bruno, Paolo Canevari, Loris Cecchini, Enzo Cucchi, Jan Fabre, Lucio Fontana, Marco Gastini, Piero Gilardi, Dmitry Gutov, Emilio Isgrò, Ilya Kabakov, Anish Kapoor, Jannis Kounellis, Barbara Kruger, Francesco Lo Savio, Sol LeWitt, Philip-Lorca di Corcia, Eliseo Mattiacci, Fausto Melotti, Mario Merz, Liliana Moro, Robert Morris, Ugo Mulas, Bruno Munari, Vik Muniz, Maurizio Nannucci, Hermann Nitsch, Julian Opie, Anatoly Osmolovsky, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Gianni Pettena, Michelangelo Pistoletto, Anne e Patrick Poirier, Remo Salvadori, Julian Schnabel, Daniel Spoerri, Mauro Staccioli, Superstudio, David Tremlett, UFO, VALIE EXPORT, Massimo Vitali, Yelena & Viktor Vorobyev, Erwin Wurm, Gilberto Zorio.

La collezione è il frutto delle inclinazioni critiche, degli interessi artistici e delle effettive opportunità d’acquisizione dei direttori che si sono succeduti alla guida del Centro e dei curatori che vi hanno operato dal 1988 ad oggi: Amnon Barzel, Ida Panicelli, Antonella Soldaini, Bruno Corà, Daniel Soutif, Samuel Fuyumi Namioka, Marco Bazzini e Stefano Pezzato, affiancati nel corso degli anni da varie collaborazioni esterne, fra le altre di Jean-François Chevrier e James Lingwood, Claudia Jolles, Elio Grazioli, Octavio Zaya, Germano Celant, Giuliano Serafini, Filippo Maggia, Raffaele Gavarro, Marco Meneguzzo, Jean-Christophe Ammann, Jean-Pierre Criqui, Viktor Misiano, Achille Bonito Oliva, Marco Senaldi, Luca Beatrice e Davide Ferri. 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera Giunta regionale Toscana, n. 963 del 3 novembre 2014 su Bollettino ufficiale della Regione Toscana, nº 45, 12.11.2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Bazzini, Stefano Pezzato (a cura di), Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci. La Collezione, Giunti Editore, Firenze - Milano 2009.
  • Anche in Italia un Museo d'Arte Contemporanea, Castellano A., "L'Arca", 2/1986, pp.37-41
  • Il Centro per l'Arte Contemporanea a Prato, Franchetti Pardo V. e Nigro M., in "Archivio. Bollettino Periodico del C.I.D.A.V", 1985, pp.11-17
  • Museo d'Arte Contemporanea a Prato, Gamberini I., "Bollettino degli Ingegneri", 10/1989, pp.5-12
  • Museo L.Pecci. Centro d'Arte Contemporanea a Prato, Gamberini "Professione Architetto", 4/1989, pp.8-19
  • Il Museo Pecci di Arte Contemporanea, Gamberini I., "Firenze, ieri, oggi, domani", 16/1991
  • Italo Gamberini. L'architettura dal razionalismo all'internazionalismo, Gurrieri F., Macci L., Tramonti U., Firenze, 1995, pp.98-99
  • Centro per l'Arte Contemporanea a Prato, Mandolesi D., "L'Industria della Costruzioni", 208/1989
  • Guida all'architettura italiana del Novecento, Polano S., Milano, 1991, p.358
  • Il P'Arc. Nuovo Museo a Prato, Querci A., "L'Arca", 20/1988, pp.56-89

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]