Superstudio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Superstudio è uno studio di architettura fondato da un gruppo di architetti neolaureati, nel 1966 a Firenze.

I principali architetti erano Adolfo Natalini e Cristiano Toraldo di Francia, a cui si aggiungono Roberto Magris, Alessandro Magris, Gianpiero Frassinelli ed Alessandro Poli. Insieme agli Archizoom Associati, a Gianni Pettena, a Lapo Binazzi e altri furono gli esponenti dell'architettura radicale, presentano nel loro pensiero temi ancora attuali come il "monumento continuo" e la "supersuperficie".

Il massimo successo dei Superstudio avvenne nel 1972 quando parteciparono alla mostra al MOMA Italy New Domestic Landscape.

Insieme agli Archizoom Associati, Ettore Sottsass e altri realizzano i laboratori didattici Global Tools con lo scopo di diffondere le idee portate avanti dal movimento dell'architettura radicale; i seminari dei Global Tools non avendo molto successo determinano nel 1973 il separamento dei gruppi e il termine delle ricerca progettuale dei Superstudio. Ha lavorato presso lo studio di architettura di Roberto Magris, Roberta Cipriani - architetto e designer, dedicandosi allo studio del colore da Goethe a Steiner (teoria dei colori), lavorando con la creta attraverso un percorso che si è manifestato poi nella forma.

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento continuo, 1969
  • Le dodici città ideali, 1971
  • Supersuperficie, 1971

Mostre principali[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabio Focardi, La Superarchitettura e l'Avanguardia Radicale, postpopuli.it.
  2. ^ Museum of Modern Art, Italy: tne New Domestic Landscape (PDF), moma.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Gargiani e Beatrice Lampariello, Superstudio, Roma-Bari, Laterza, 2010, ISBN 978-88-420-9317-6.
  • Superstudio, La vita segreta del Monumento Continuo. Conversazioni con Gabriele Mastrigli, Macerata, Quodlibet 2015, ISBN 978-88-7462-751-6

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN150299286 · GND: (DE2023357-7 · BNF: (FRcb14008288f (data) · ULAN: (EN500115953