Adolfo Natalini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Natalini (Roermond)

Adolfo Natalini (Pistoia, 10 maggio 1941Firenze, 22 gennaio 2020) è stato un architetto italiano. Era considerato uno degli iniziatori dell'architettura radicale, di cui tracciò le origini nel nº 10&11 della rivista Spazioarte, curato da Ugo La Pietra.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Boscotondo, Helmond
Il nuovo Museo dell'Opera del Duomo a Firenze

Si laureò nel 1966 a Firenze e, nel medesimo anno, fondò il Superstudio con Cristiano Toraldo di Francia, Gian Piero Frassinelli, Roberto e Alessandro Magris e Alessandro Poli.

L'esperienza del Superstudio terminò dopo circa venti anni; i progetti maturati durante quel periodo trovarono ampio risalto sulle riviste specializzate. Opere realizzate e progetti di questa esperienza fanno parte delle collezioni di musei come il Museum of Modern Art a New York, Museo d'Israele a Gerusalemme, il Deutsches Architekturmuseum a Francoforte sul Meno e il Centro Georges Pompidou a Parigi.[2]

Alla fine degli anni sessanta, con Roberto Barni, Umberto Buscioni e Gianni Ruffi fu membro della Scuola di Pistoia. Fu accademico ordinario nell'Accademico delle Arti del Disegno di Firenze[3].

Gli viene conferito nel 2006 il premio Leone di Pietra alla 10ª Mostra Internazionale di Architettura di Venezia nella sezione "Città di Pietra" (capogruppo Adolfo Natalini, Enrico Nieri, Lapo Galluzzi, Saverio Pisaniello, Franco Puccetti).

Proseguendo l'attività autonoma, Natalini elaborò una serie di progetti in Italia, Germania e Paesi Bassi. Docente presso l'Università di Firenze, nel 1991 assieme a Fabrizio Natalini creò lo studio "Natalini Architetti".

Progetti e realizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Scrittoio disegnato da Natalini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adolfo Natalini, Spazioarte, n.10&11, giugno-ottobre 1977, pp.6-11
  2. ^ Firenze, addio all'architetto Adolfo Natalini, su la Repubblica, 23 gennaio 2020. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  3. ^ "Elenco ordinari classe architettura", su aadfi.it. URL consultato il 29 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3354439 · ISNI (EN0000 0001 2208 3167 · SBN CFIV002589 · ULAN (EN500011343 · LCCN (ENn79079794 · GND (DE122454553 · BNE (ESXX1688273 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79079794