Cavalli di battaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cavalli di battaglia
Cavalli di battaglia.png
PaeseItalia
Anno2017
Generevarietà
Edizioni1
Puntate4
Durata240 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreGigi Proietti
IdeatoreGigi Proietti
RegiaGian Marco Mori
Casa di produzioneRai con Tre Tredici Trentatre
Rete televisivaRai 1

Cavalli di battaglia è stato un programma televisivo di genere varietà andato in onda in prima serata su Rai 1 dal 14 gennaio al 4 febbraio 2017, con la conduzione di Gigi Proietti.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Cavalli di battaglia è un programma di e con Gigi Proietti, scritto con Federico Andreotti, Matteo Catalano, Stefano Disegni, Stefano Sarcinelli e Loredana Scaramella. Si tratta della trasposizione televisiva dell'omonimo successo teatrale che scaturisce dal vasto repertorio di Gigi Proietti, lungo 50 anni di vita nello spettacolo, accompagnato da un’orchestra e da un corpo di ballo[1].

Nel corso delle serate vari ospiti del mondo dello spettacolo (attori, cantanti e comici) si esibiscono con i propri pezzi migliori, i loro "cavalli di battaglia" per l'appunto. Oltre al loro pezzo, si esibiscono anche in duetti con Gigi Proietti, il quale ripropone anche alcuni pezzi storici del suo repertorio: da Nerone di Petrolini a Pietro Ammicca l'affarologo fino alla Signora delle camelie in versione comica[2]. Ospiti fissi di tutte e quattro le serate sono Marco Marzocca, Carlotta Proietti e Stefano Sarcinelli.

Il programma va in onda dal Teatro Verdi di Montecatini Terme.

Inizialmente erano previste tre puntate, ma alla vigilia della terza, visto il successo ottenuto, si è deciso di proporne una ulteriore [3].

Dal 2 giugno 2018 è stata riproposta la replica delle puntate su Rai 1[4].

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Messa in onda Telespettatori Share Ospiti
1 14 gennaio 2017 5.043.000 21,50%[5] Claudia Gerini, Alessandro Siani, Claudio Baglioni, Teo Teocoli, Serena Dandini, Corrado Guzzanti, Rodolfo Laganà e Francesco Cicchella
2 21 gennaio 2017 4.381.000 19,10%[6] Renzo Arbore, Neri Marcorè, Bianca Guaccero, Enrico Brignano, Max Tortora e Lillo e Greg
3 28 gennaio 2017 4.458.000 19,40%[7] Fabrizio Frizzi con le professoresse de L'eredità (Ludovica Caramis, Eleonora Cortini, Francesca Fichera e Laura Forgia), Nino Frassica, Paolo Bonolis, Antonello Venditti, Federico Zampaglione e Gabriele Cirilli
4 4 febbraio 2017 4.241.000 19,60%[8] Giuliano Sangiorgi, Beppe Fiorello, Vincenzo Salemme, Nancy Brilli, Marisa Laurito, Matthew Lee, Stefano Palatresi, Peppino Di Capri e Renato Zero
Media
4.531.000 19,90%


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cavalli di battaglia, in Ufficiostampa.rai.it, 12 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2018.
  2. ^ 'Cavalli di battaglia', il ritorno in tv di Gigi Proietti, in Ufficiostampa.rai.it, 12 gennaio 2017. URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ Cavalli di battaglia - In arrivo la quarta puntata, in Tvblog.it, 27 gennaio 2017. URL consultato il 2 giugno 2018.
  4. ^ Rai1: Cavalli di battaglia. Il ritorno di Gigi Proietti, dal Teatro Verdi di Montecatini Terme, in Ufficiostampa.rai.it, 2 giugno 2018. URL consultato il 2 giugno 2018.
  5. ^ ASCOLTI TV | SABATO 14 GENNAIO 2017. VINCE C'E' POSTA PER TE (5,3 MLN - 24.8%) MA CAVALLI DI BATTAGLIA SEGNA UN OTTIMO RISULTATO (5 MLN - 21.5%), su DavideMaggio.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  6. ^ ASCOLTI TV | SABATO 21 GENNAIO 2017. C'E' POSTA PER TE AL 22.2%, CAVALLI DI BATTAGLIA AL 19.1%. MALE SONO INNOCENTE (3.2%). MILAN-NAPOLI SU PAY AL 10.9%. BOOM PER TG1 E UNOMATTINA (30.4%), su DavideMaggio.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  7. ^ ASCOLTI TV | SABATO 28 GENNAIO 2017. C'E' POSTA PER TE AL 23.6%, CAVALLI DI BATTAGLIA AL 19.4%, su DavideMaggio.it. URL consultato il 18 giugno 2018.
  8. ^ ASCOLTI TV | SABATO 4 FEBBRAIO 2017: C'E' POSTA PER TE AL 23.4%, CAVALLI DI BATTAGLIA AL 19.6%, su DavideMaggio.it. URL consultato il 18 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione