Carolina d'Orange-Nassau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carolina d'Orange-Nassau
Portrait of Carolina van Oranje-Nassau, PF de la Croix.jpg
Carolina d'Orange-Nassau ritratta da Pierre Frédéric de la Croix
Principessa di Nassau-Weilburg
Stemma
Predecessore Augusta Federica Guglielmina di Nassau-Idstein
Successore Barbara Giessen von Kirchheim
Nascita Leeuwarden, 28 febbraio 1743
Morte Kirchheimbolanden, 6 maggio 1787
Padre Guglielmo IV, Principe d'Orange
Madre Anna di Gran Bretagna
Consorte Carlo Cristiano, Principe di Nassau-Weilburg

Carolina d'Orange-Nassau (Leeuwarden, 28 febbraio 1743Kirchheimbolanden, 6 maggio 1787) fu principessa d'Orange e reggente della Repubblica delle Sette Province Unite.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Carolina in tenera età col fratello infante Guglielmo, il padre Guglielmo IV d'Orange-Nassau e la madre Anna di Gran Bretagna

Carolina era la figlia primogenita di Guglielmo IV d'Orange-Nassau e di Anna di Gran Bretagna. Nel 1747 fu stabilito che la carica di Stadtholder potesse essere ereditata anche dalle donne. Quindi Carolina divenne l'erede presunta a tale carica. Tale ruolo durò poco, perché l'anno successivo nacque un erede maschio, il fratello Guglielmo.

Reggente delle Sette Province[modifica | modifica wikitesto]

Carolina d'Orange-Nassau

Il padre morì nel 1751, lasciando come reggente la moglie Anna. La madre morì nel 1759 e venne nominata reggente la nonna paterna, Maria Luisa d'Assia-Kassel. Quest'ultima morì nel 1765, ed essendo Guglielmo ancora minorenne, Carolina divenne reggente per un anno, ovvero fino a quando il fratello divenne maggiorenne.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il matrimonio di Carolina con Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg

Il 5 marzo 1760 Carolina sposò Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio tra Carolina e Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg nacquero quindici figli:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120807763 · ISNI (EN0000 0000 7927 5517 · GND (DE141192127 · CERL cnp01223437