Amalia di Curlandia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Amalia di Curlandia
Maria Amalia, 1653-1711 (Johan N Cramer) - Nationalmuseum - 14692.tif
Langravia consorte d'Assia-Kassel
In carica 21 maggio 1673 –
16 giugno 1711
Predecessore Edvige Sofia di Brandeburgo
Successore Ulrica Eleonora di Svezia
Nascita Jelgava, 12 giugno 1653
Morte Weilmünster, 16 giugno 1711
Casa reale Kettler
Padre Giacomo Kettler, duca di Curlandia e Semigallia
Madre Luisa Carlotta di Brandeburgo
Consorte di Carlo I d'Assia-Kassel
Figli Federico
Sofia Carlotta
Carlo
Guglielmo
Leopoldo
Luigi
Maria Luisa
Massimiliano
Giorgio Carlo
Guglielmina Carlotta

Maria Anna Amalia von Kettler, nota come Amalia di Curlandia (Jelgava, 12 giugno 1653Weilmünster, 16 giugno 1711), fu principessa di Curlandia per nascita e langravia consorte di Assia-Kassel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amalia era figlia del duca Giacomo Kettler (1610–1662) e di sua moglie, la principessa Luisa Carlotta di Brandeburgo (1617–1676), primogenita del principe elettore Giorgio Guglielmo di Brandeburgo.

Il 21 maggio 1673 sposò a Kassel il langravio Carlo I d'Assia-Kassel. Inizialmente Amalia era stata promessa al fratello maggiore di Carlo, Guglielmo VII, ma costui morì a soli 19 anni durante il suo tour formativo.

Con la partecipazione di Amalia si sviluppò il Park Karlsaue du Kassel, nella cui vasca marmorea si trova un medaglione rappresentante la langravia, opera dello scultore Pierre-Étienne Monnot (1657–1733).

Acquistò nel 1699, con suo figlio Massimiliano, la rocca di Sensenstein. La città di Mariendorf venne così chiamata in suo onore.

Venne descritta come una donna affabile, pudica e pia.[senza fonte]

È sepolta nella Martinskirche di Kassel.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Röth: Geschichte von Hessen S. 305

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241645613 · ISNI (EN0000 0003 6804 9583 · LCCN (ENnb2013002453 · GND (DE101102917 · CERL cnp00976237 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2013002453
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie