Edvige Sofia di Brandeburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edvige Sofia di Brandeburgo
Hedvig Sofia de Brandemburgo.jpg
Langravia Consorte d'Assia-Kassel
Nascita Berlino, 14 luglio 1623
Morte Smalcalda, 26 giugno 1683
Padre Giorgio Guglielmo, Elettore di Brandeburgo
Madre Elisabetta Carlotta del Palatinato
Consorte Guglielmo VI, Langravio d'Assia-Kassel

Edvige Sofia di Brandeburgo (Berlino, 14 luglio 1623Smalcalda, 26 giugno 1683) fu una principessa prussiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del duca di Prussia Giorgio Guglielmo di Brandeburgo e di Elisabetta Carlotta di Wittelsbach-Simmern.

Venne data in moglie a Guglielmo VI d'Assia-Kassel che sposò a Cölln il 19 luglio 1649[1].

Dopo la prematura morte del marito nel 1663, fu reggente d'Assia-Kassel, inizialmente per il suo primogenito, il langravio Guglielmo VII ed in seguito, dopo la sua morte nel 1670, per suo fratello minore, il langravio Carlo. Durante la reggenza si sforzò di proseguire la prudente politica estera del marito, evitando di coinvolgere il langraviato in pericolosi conflitti, e riuscì per un certo tempo a mantenere neutrale il proprio stato.

In seguito la minaccia rappresentata dalla politica di espansionismo francese indusse la reggente a mutare politica e ottenne dagli stati d'Assia-Kassel un maggior versamento di tasse, che consentì di ricostituire l'esercito, ridotto al minimo dopo la guerra dei trent'anni. Nel 1673 strinse alleanza con il fratello, il principe elettore Federico Guglielmo I di Brandeburgo, fornendo un contingente nella lotta contro la Francia condotta dall'Impero. Inoltre, per consolidare i legami tra l'Assia-Kassel e la sua terra d'origine, fece sposare la figlia Elisabetta Enrichetta al nipote Federico.

Nell'ultimo periodo della sua reggenza, ella cercò di procrastinare l'effettiva presa di potere del figlio Carlo, causando per ciò stesso notevoli tensioni. Alla fine, però, ella annunciò la conclusione della reggenza l'8 agosto del 1677. Sotto il suo governo l'Assia-Kassel venne caratterizzata dalla caccia alle streghe, nel corso della quale Katharina Lips venne sottoposta a terribili torture a Marburgo, nel 1672 e nel 1673.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Diede al marito sette figli[2]:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Principato di Brandeburgo
Hohenzollern
COA family de Markgrafen von Brandenburg (1417).svg

Federico I
Nipoti
Federico II
Alberto III
Giovanni I
Gioacchino I
Gioacchino II
Giovanni Giorgio
Figli
Gioacchino Federico
Figli
Giovanni Sigismondo
Giorgio Guglielmo
Federico I Guglielmo
Federico III
Modifica
Edvige Sofia di Brandeburgo Padre:
Giorgio Guglielmo di Brandeburgo
Nonno paterno:
Giovanni Sigismondo di Brandeburgo
Bisnonno paterno:
Gioacchino III Federico di Brandeburgo
Trisnonno paterno:
Giovanni Giorgio di Brandeburgo
Trisnonna paterna:
Sofia di Liegnitz
Bisnonna paterna:
Caterina di Brandeburgo-Küstrin
Trisnonno paterno:
Giovanni di Brandeburgo-Küstrin
Trisnonna paterna:
Caterina di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonna paterna:
Anna di Prussia
Bisnonno paterno:
Alberto Federico di Prussia
Trisnonno paterno:
Alberto I di Prussia
Trisnonna paterna:
Anna Maria di Brunswick-Lüneburg
Bisnonna paterna:
Maria Eleonora di Jülich-Kleve-Berg
Trisnonno paterno:
Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg
Trisnonna paterna:
Maria d'Austria
Madre:
Elisabetta Carlotta di Wittelsbach-Simmern
Nonno materno:
Federico IV Elettore Palatino
Bisnonno materno:
Ludovico VI del Palatinato
Trisnonno materno:
Federico III del Palatinato
Trisnonna materna:
Maria di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonna materna:
Elisabetta d'Assia
Trisnonno materno:
Filippo I d'Assia
Trisnonna materna:
Cristina di Sassonia
Nonna materna:
Luisa Giuliana di Nassau
Bisnonno materno:
Guglielmo I d'Orange
Trisnonno materno:
Guglielmo I di Nassau-Dillenburg
Trisnonna materna:
Giuliana di Stolberg
Bisnonna materna:
Carlotta di Borbone-Montpensier
Trisnonno materno:
Luigi III di Montpensier
Trisnonna materna:
Jacqueline de Longwy

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54535468 · GND (DE102324115 · CERL cnp00278735