Capo Plaza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capo Plaza
NazionalitàItalia Italia
GenereTrap
Hip hop
Periodo di attività musicale2013 – in attività
Strumentovoce
EtichettaSto Records, Atlantic Records
Album pubblicati2
Studio2

Capo Plaza, pseudonimo di Luca D'Orso[1] (Salerno, 20 aprile 1998), è un rapper italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luca D'Orso nasce il 20 aprile 1998 a Salerno, in Campania, da madre contabile e da padre impiegato dell'ufficio delle case popolari.[2] Cresce nella stessa città, vivendo gran parte della sua adolescenza nel quartiere Pastena.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

D'Orso iniziò a scrivere le prime rime nel 2011, all'età di 13 anni.[3] Ha debuttato nel 2013 con lo pseudonimo Capo Plaza, attraverso il proprio canale YouTube, con il brano Sto giù.[3][4] Un anno dopo, Capo Plaza si diresse a Milano, in Lombardia, dove firmò un duetto con Sfera Ebbasta.[3]

Nel 2016 pubblica l'album Sulamente Nuje, in collaborazione col rapper Peppe Soks. Alla fine dell'anno successivo ha firmato per la Sto Records, l'etichetta di Ghali, che gli ha permesso di guadagnare popolarità con il suo singolo con numerose certificazioni “Allenamento #2”. Successivamente usciranno pezzi come “giovane fuoriclasse” oppure “non cambierò mai” che faranno scalare le classifiche al giovane salernitano.

Nel 2018 il suo primo album ufficiale, 20, interamente prodotto dal suo produttore AVA, ha raggiunto la vetta della classifica FIMI.[5] Il successo dell'album è stato confermato dai primi posti del singolo Non cambierò mai[6] e del brano Tesla, quest'ultimo realizzato in collaborazione con Sfera Ebbasta e Drefgold.[7]

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

All'età di nove anni, D'Orso guardò il video musicale di Stronger del rapper statunitense Kanye West. Il video lo spinse ad appassionarsi al mondo del rap e circa quattro anni dopo, iniziò a scrivere le sue prime rime. In un'intervista con Vanity Fair, Capo Plaza rivelò che parte della sua passione è stata motivata dal fatto che chiese a suo zio di regalargli un CD "con tutti i pezzi rap del momento". Il CD era composto da artisti come Sean Paul, Jay-Z, Lil Wayne e altri.[2]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 – Sulamente Nuje (con Peppe Soks)
  • 2018 – 20
  • 2018 – 20 (Deluxe Edition)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Come artista principale
Come artista ospite

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbara Visentin, Capo Plaza, trappar, Corriere della Sera, 27 aprile 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  2. ^ a b c Capo Plaza: «Di successo sì, felice no», su VanityFair.it, 9 marzo 2019. URL consultato l'8 giugno 2019.
  3. ^ a b c Chi è Capo Plaza, il 'giovane fuoriclasse' della musica trap italiana, su Notizie Musica, 5 marzo 2019. URL consultato l'8 giugno 2019.
  4. ^ Capo Plaza, CAPO PLAZA - STO GIU', 26 febbraio 2013. URL consultato l'8 giugno 2019.
  5. ^ Classifica settimanale WK 19 (dal 2018-05-04 al 2018-05-10), FIMI. URL consultato il 21 luglio 2017.
  6. ^ Classifica settimanale WK 15 (dal 2018-04-06 al 2018-04-12), FIMI. URL consultato il 21 luglio 2017.
  7. ^ Classifica settimanale WK 17 (dal 2018-04-20 al 2018-04-26), FIMI. URL consultato il 21 luglio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]