Capitale italiana della cultura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capitale italiana della cultura
Piazza Duomo Parma 2009-08.jpg
Parma è la capitale italiana della cultura per il 2020 e il 2021
LuogoVariabile
Anni2015 - oggi
FrequenzaAnnuale
Fondato daMinistero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Genere
  • Valorizzare i beni culturali e paesaggistici
  • Migliorare i servizi rivolti ai turisti
OrganizzazioneCittà designata
Sito ufficialeMiBAC

La capitale italiana della cultura è una città designata ogni anno dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e scelta da una commissione di sette esperti nominata dallo stesso ministero che, per il periodo di un anno, ha la possibilità di mettere in mostra la sua vita e il suo sviluppo culturale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto della capitale italiana della cultura è nato nel 2014 da una idea di Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali e del turismo, a seguito della proclamazione della città di Matera a capitale europea della cultura 2019. L’iniziativa ha, tra gli obiettivi, quello di "valorizzare i beni culturali e paesaggistici" e di "migliorare i servizi rivolti ai turisti"[1].

Filatelia[modifica | modifica wikitesto]

Il francobollo celebrativo per la città di Mantova è stato emesso il 15 ottobre 2016[2], quello per Pistoia il 19 maggio 2017[3], quello per Palermo il 6 ottobre 2018[4] e quello per, Parma il 22 settembre 2020.[5]

Lista delle capitali italiane della cultura[modifica | modifica wikitesto]

Mappa[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione: Italia
Ravenna
Ravenna
Cagliari
Cagliari
Lecce
Lecce
Perugia
Perugia
Siena
Siena
Mantova
Mantova
Pistoia
Pistoia
Palermo
Palermo
Parma
Parma
Brescia
Brescia
Bergamo
Bergamo
Procida
Procida
Ubicazione delle Capitali italiane della cultura

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Regione Numero città Città
Abruzzo Abruzzo
Basilicata Basilicata
Calabria Calabria
Campania Campania 1 Procida
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 2 Ravenna, Parma
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
Lazio Lazio
Liguria Liguria
Lombardia Lombardia 3 Mantova, Brescia, Bergamo
Marche Marche
Molise Molise
Piemonte Piemonte
Puglia Puglia 1 Lecce
Sardegna Sardegna 1 Cagliari
Sicilia Sicilia 1 Palermo
Toscana Toscana 2 Siena, Pistoia
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Umbria Umbria 1 Perugia
Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Veneto Veneto

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ capitale italiana della cultura, su capitalicultura.beniculturali.it.
  2. ^ Un francobollo per ricordare Mantova capitale della cultura italiana.
  3. ^ Sito filatelico di Poste Italiane, su poste.it. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  4. ^ Emissione di un francobollo celebrativo di Palermo Capitale italiana della cultura 2018 (PDF), su poste.it. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  5. ^ Emissione di un francobollo celebrativo di Parma Capitale italiana della cultura 2020-2021 (PDF), su filatelia.poste.it. URL consultato il 7 maggio 2021.
  6. ^ Si parte con Ravenna Capitale Italiana della Cultura 2015, su ravenna2019.eu. URL consultato il 4 agosto 2016.
  7. ^ Cagliari Capitale italiana della Cultura. Via libera del Consiglio dei ministri, in L'Unione Sarda, 12 dicembre 2014. URL consultato il 4 agosto 2016.
  8. ^ Lecce Capitale italiana della Cultura 2015 è pronta a ripartire. Il sindaco Paolo Perrone ci spiega come | Legacoop Cultura, su cultura.legacoop.coop. URL consultato il 4 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  9. ^ Perugia capitale italiana della cultura 2015, su perugia2019.eu (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  10. ^ Siena Capitale italiana della cultura per il 2015 sulle ali della rinascita - Intoscana.it, su www.intoscana.it. URL consultato il 4 agosto 2016.
  11. ^ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Decreti PCM 26 febbraio 2016 Conferimento del titolo di "Capitale italiana della cultura" per gli anni 2016 e 2017 alle città di Mantova e Pistoia.
  12. ^ Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017., su regione.toscana.it. URL consultato il 4 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2016).
  13. ^ Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, su www.beniculturali.it. URL consultato il 31 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2017).
  14. ^ In quell'anno Matera è stata capitale europea della cultura.
  15. ^ Parma capitale italiana della cultura 2020, prescelta tra dieci finaliste, in la Repubblica, 16 febbraio 2018. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  16. ^ Approvato il decreto Rilancio: 'Parma capitale della cultura (anche) 2021'. E fisco, lavoro, imprese, famiglie, trasporti e turismo, in Gazzetta di Parma, 13 maggio 2020. URL consultato il 14 maggio 2020.
  17. ^ È Procida la capitale italiana della cultura per il 2022. Franceschini: "Un segnale per guardare al futuro", su la Repubblica, 18 gennaio 2021. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  18. ^ Brescia e Bergamo Capitali della cultura 2023: ok del Governo, in Giornale di Brescia, 3 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.
  19. ^ a b Brescia e Bergamo capitali italiane della cultura per il 2023, in askanews, 17 luglio 2020. URL consultato il 17 luglio 2020.
  20. ^ Bergamo Capitale della cultura 2023. Insieme a Brescia, c'è il sì della Camera, in L'Eco di Bergamo, 3 luglio 2020. URL consultato il 4 luglio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Italia Portale Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Italia