Campionato dell'Italia libera 1944

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Campionato dell'Italia Libera 1944 fu un torneo calcistico disputatosi nella Puglia liberata dalle forze alleate.

Scenario[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'8 settembre 1943 i nazisti occuparono l'Italia settentrionale e diversi calciatori della massima serie italiana si rifugiarono nel Regno del Sud liberato dagli alleati. Grazie anche all'innesto in alcune squadre di questi calciatori rifugiati, si riuscirono pertanto ad organizzare dei tornei calcistici, tra cui la Coppa Puglia che ebbe inizio nel gennaio 1944 e successivamente il Campionato dell'Italia libera, che iniziò ad aprile dello stesso anno. Tale campionato fu vinto dall'U.S. Conversano.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Il Conversano nel campionato 1944
Il diploma consegnato all'U.S. Conversano

Al torneo parteciparono 37 squadre, tutte pugliesi più una lucana, il Matera[1]. Esse vennero divise in otto gironi con il criterio della vicinorietà, ovviamente per ridurre le spese delle trasferte.

Il campionato fu vinto dall'U.S. Conversano nelle cui fila c'erano tra gli altri il portiere Leonardo Costagliola, giunto al Sud per sfuggire alla guerra in corso, Onofrio Fusco, Franco Ponzinibio, Renzo Bettini, Alberto Milli, Vincenzo Orlando e Andrea Campana[2]. La FIGC ha emesso un attestato di riconoscimento alla società per la vittoria ma non ha riconosciuto tale campionato come ufficiale, nonostante le sollecitazioni da parte della giunta comunale di Conversano. Nel 2009 la FIGC ha aperto un'istruttoria per il riconoscimento del titolo[3], ma questa si è conclusa con esito negativo.

Oltre al Conversano, erano considerate favorite per la vittoria finale il Rutigliano, che tra le proprie fila schierava Francesco Capocasale, Vittorio Dagianti, Mario Silvestrelli, Camillo Fabbri, Teresio Traversa e Lino Begnini, ed il Putignano, nel quale militavano Angelo Bellotto e Severino Cavone.

Le finaliste furono:

  • Lecce;
  • Presidio, Lecce;
  • Miraglia, Brindisi;
  • Castellaneta;
  • Putignano;
  • Divisione Piceno, Fasano;
  • Rutigliano;
  • Conversano.

I gironi di semifinale furono vinti da Rutigliano e Conversano, quest'ultima dopo accesa gara con il Putignano (1-0). Nella finale di andata il Rutigliano vinse grazie a un rigore trasformato da Capocasale al 5º minuto. Al ritorno, in programma alla fine del mese di luglio del 1944, il Rutigliano decise tuttavia di non presentarsi in campo «per motivi di ordine pubblico», consegnando la vittoria del trofeo al Conversano, a quale fu riconosciuta la vittoria per 0-2 a tavolino.

Formazione campione

  • Costagliola, Fusco, Ponzinibio II; Bettini, Mancini, Nespolo; Calabrese, Milli, Catalano; Orlando, Campana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guerin Sportivo, p. 18.
  2. ^ Guerin Sportivo, p. 17.
  3. ^ Conversano, che richiesta: vuole lo scudetto 1944.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio