Callino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Callino (in greco antico: Καλλῖνος, Kallìnos; ... – ...) è stato un poeta greco antico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Efeso in Asia Minore, visse nel VII secolo a.C., periodo in cui, come egli stesso ci informa, la sua città era sotto la minaccia di popoli provenienti dalla Tracia, i Cimmeri e i Treri. Secondo Strabone e Clemente Alessandrino, visse prima del poeta Archiloco: entrambi gli autori ricordano un passo di Callino nel quale il poeta parlava della città di Magnesia come ancora ricca e vittoriosa nella guerra contro Efeso e lo mettono a confronto con uno di Archiloco, nel quale Magnesia era già caduta in rovina.[1] Forse le continue guerre cui Callino assistette spiegano anche il carattere guerresco dei suoi versi.[2] Della sua vita non si sa null'altro.

Scrisse versi elegiaci e, secondo una testimonianza attribuita ad Aristotele, fu il primo a comporre poesie elegiache;[3] alcuni grammatici latini lo ritenevano inoltre l'inventore del pentametro.[4] Della sua produzione poetica rimangono ventun versi appartenenti ad un'elegia e altri tre frammenti, oltre ad alcune testimonianze di autori antichi.[5] Nell'elegia Callino biasima i giovani che non contribuiscono alla difesa dai nemici e cercano invece riparo nelle case, esortandoli ad aspirare alla fama che una morte gloriosa in battaglia procura e a rinunciare alla viltà della fuga;[6] la sua dunque, come quella di Tirteo, è un'elegia di tipo parenetico, ossia esortativa. Forse l'elegia fu cantata ad un simposio e non era molto lunga: in questo caso, il frammento avrebbe conservato buona parte del testo originario.[7]

Secondo Strabone, scrisse un'opera sui Teucri, andata perduta,[8] mentre Pausania ricorda che Callino riteneva che Omero fosse l'autore del poema epico Tebaide, anch'esso perduto.[9]

La sua poesia riprende in modo evidente l'epos omerico, a cui è vicino in termini cronologici e di cui condivide l'etica. Callino si differenzia da Omero principalmente per il fatto che i suoi personaggi combattono e muoiono per la patria e per la famiglia, anziché per la gloria personale come in Omero.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone, XIV, 1, 40; Clemente Alessandrino, I, 22 (131, 7-8). Il conflitto tra Magnesia ed Efeso, che terminò con la vittoria di quest'ultima intorno alla metà del VII secolo a.C., è narrato brevemente da Claudio Eliano in Varia Historia, XIV, 46; lo stesso autore afferma che il conflitto si originò per via di una locusta (Sulla natura degli animali, XI, 27). Tuttavia Ateneo di Naucrati ricorda un passaggio dalle Elegie in cui Callino riteneva che i Magnesii furono sconfitti poiché si erano abbandonati eccessivamente al lusso (Deipnosofisti, XII, 525c).
  2. ^ Si veda in particolare il frammento dell'elegia conservato da Stobeo (fr. 1 Gentili-Prato).
  3. ^ Aristotele fr. 676 Rose. A questo proposito il grammatico egiziano Orione di Tebe registra vari autori ritenuti come inventori della poesia elegiaca: oltre a Callino, Mimnermo e Archiloco (Etymologicon s.v. ἔλεγος).
  4. ^ Mario Vittorino, Ars grammatica, in Grammatici latini, p. 107, 5-10; Terenziano Mauro, De metris, in Grammatici latini, p. 376, 1721-1722.
  5. ^ Frammenti e testimonianze in Gentili-Prato, pp. 1-6 e Gerber 1999, pp. 14-23
  6. ^ Fr. 1 Gentili-Prato apud Stobeo, Anthologion, IV, 10, 12. Per un commento critico del frammento, si veda in particolare (EN) W.J. Verdenius, Callinus Fr. 1, in Mnemosyne, vol. 25, nº 1, 1972, pp. 1-8.
  7. ^ a b Gerber 1997, p. 100.
  8. ^ Strabone, XIII, 1, 48.
  9. ^ Pausania, Perigesi della Grecia, IX, 9, 5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti moderne
  • (LA) Heinrich Keil (a cura di), Grammatici latini, vol. 6, Lipsia, B.G. Teubner, 1857.
  • (GRCLA) Theodor Bergk (a cura di), Poetae lyrici Graeci, vol. 2, 4ª ed., Lipsia, B.G. Teubner, 1882.
  • (GRCLA) Bruno Gentili e Carlo Prato (a cura di), Poetae elegiaci (XML), vol. 1, 2ª ed., Berlino-New York, De Gruyter, 1988, ISBN 978-3-11-094994-0.
  • (EN) Douglas E. Gerber (a cura di), A Companion to the Greek Lyric Poets, Leida, Brill, 1997, ISBN 978-90-04-21761-4.
  • (EN) Douglas E. Gerber (a cura di), Greek Elegiac Poetry (XML), in Loeb Classical Library, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN89796296 · GND: (DE118518496 · BNF: (FRcb12396389p (data)