Beñat Intxausti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beñat Intxausti
Beñat Intxausti CD 2011.jpg
Beñat Intxausti al Critérium du Dauphiné 2011
Nome Beñat Intxausti Elorriaga
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Movistar
Carriera
Squadre di club
2007 Grupo Nicolás Mateos
2008 Saunier Duval
2008 Scott
2009 Fuji
2010 Euskaltel
2011- Movistar
Statistiche aggiornate al agosto 2015

Beñat Intxausti Elorriaga (Amorebieta-Etxano, 20 marzo 1986) è un ciclista su strada spagnolo che corre per il team Movistar. Professionista dal 2007, ha vinto due tappe al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore del Memorial Avelino Camacho e di una tappa alla Bidasoa Itzulia nel 2006, passa professionista nel 2007 con la formazione Continental Grupo Nicolás Mateos. In settembre è selezionato per partecipare al Tour de l'Avenir, al termine del quale si classifica al quinto posto, evidenziando buone doti di scalatore.

Nel 2008 firma per tre anni con la squadra ProTour Saunier Duval-Scott, diretta da Mauro Gianetti; l'anno dopo, in maglia Fuji-Servetto (ex Saunier Duval), si classifica quinto ai campionati nazionali in linea. Nel 2010 si trasferisce all'Euskaltel-Euskadi, con la quale conquista, nella prima parte della stagione, il secondo posto finale al Giro dei Paesi Baschi e il terzo alla Vuelta a Asturias.

Nel 2011 passa tra le file del team Movistar, e l'anno dopo vince la Vuelta a Asturias e si classifica decimo alla Vuelta a España. Nel 2013 indossa per un giorno la maglia rosa al Giro d'Italia, al termine della tappa con arrivo a Pescara; si aggiudica poi la vittoria della sedicesima tappa da Valloire a Ivrea, battendo in volata Tanel Kangert e Przemysław Niemiec, e conclude all'ottavo posto della generale. A fine anno conquista il successo finale al Tour of Beijing, prova conclusiva del calendario World Tour.

Nel 2014 si piazza terzo al Tour de Pologne. La stagione seguente lo vede vincere in solitaria la tappa da Fiuggi a Campitello Matese al Giro d'Italia, e successivamente ottenere il quarto posto finale al Critérium du Dauphiné.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Memorial Avelino Camacho
3ª tappa Bidasoa Itzulia
  • 2012 (Movistar, una vittoria)
Classifica generale Vuelta a Asturias
  • 2013 (Movistar, tre vittorie)
16ª tappa Giro d'Italia (Valloire > Ivrea)
4ª tappa Tour of Beijing
Classifica generale Tour of Beijing
  • 2015 (Movistar, una vittoria)
8ª tappa Giro d'Italia (Fiuggi > Campitello Matese)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

3ª tappa Vuelta a Burgos (Pradoluengo > Belorado, cronosquadre)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2012: 38º
2013: 8º
2015: 29º
2011: ritirato (8ª tappa)
2014: 114º
2009: 60º
2010: ritirato (15ª tappa)
2011: 86º
2012: 10º
2013: 87º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2011: 73º
2014: ritirato
2013: ritirato
2014: ritirato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]