Battaglia di Cornuda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Cornuda
Battaglia di Cornuda.jpg
La battaglia di Cornuda, di Gaetano Fabris
Data 8 - 9 maggio 1848
Luogo Cornuda, Regno Lombardo-Veneto
Esito Vittoria austriaca
Schieramenti
Flag of the Papal States (1808-1870).svg Truppe originariamente dello Stato Pontificio Austria Austria
Comandanti
Effettivi
1.000 soldati pontifici
3.000 volontari
22.000
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Cornuda dell'8-9 maggio 1848, avvenuta durante la prima guerra di indipendenza, oppose una legione dell'esercito pontificio rinforzata da numerosi volontari agli ordini del generale Ferrari e l'esercito austriaco guidato dal generale Nugent. Il combattimento di Cornuda è considerabile il primo conflitto in cui si combatté in nome dell'Italia, essendo il contingente italiano costituito esclusivamente da patrioti arruolatisi come volontari e soldati regolari che, sempre per scelta patriottica, si posero al di fuori dell'esercito pontificio, decidendo di non obbedire all'ordine papale di disimpegnarsi dal conflitto e rientrare nelle province pontificie.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1848, sulla scia delle aspirazioni liberali che scuotevano l'Europa e la penisola italiana, papa Pio IX il 14 marzo con il documento "Nelle istituzioni" concesse la costituzione[1][2], poco dopo, durante le Cinque giornate di Milano, il governo pontificio, sull'esempio del Granduca di Toscana e del Re di Napoli inviò al fronte un corpo di soldati regolari comandati dal generale Giovanni Durando (1804-1869), fratello del generale Giacomo Durando, insieme ad un gruppo di volontari comandati dal generale Andrea Ferrari e comprendente il Battaglione Universitario Romano.

Lo Stato Pontificio si trovò di fatto impegnato in una guerra contro l'Austria per l'indipendenza italiana. Ma il 13 aprile 1848 una speciale commissione cardinalizia impose lo sganciamento del Papa dal movimento patriottico italiano. Pio IX con l'allocuzione "Non semel"[3] fatta al Concistoro dei cardinali del 29 aprile 1848, mise in evidenza le motivazioni della posizione del Papa, che come capo della Chiesa universale ed allo stesso tempo capo di uno Stato italiano, non poteva mettersi in guerra contro un legittimo regno. Il pontefice annunciò quindi il ritiro delle truppe regolari comandate dal generale Durando.

Le truppe regolari pontificie, al comando del generale Durando, e quelle volontarie, guidate dal generale Andrea Ferrari, rifiutarono di seguire l'implicito ordine del Pontefice di ritirarsi e si unirono alle truppe combattenti, contro l'Austria nella prima guerra di indipendenza.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

L'evento si svolse a nordovest di Cornuda (nell'attuale provincia di Treviso), in una zona collinare sulla riva destra del Piave. L'esercito austriaco era partito da Vienna alla volta di Venezia dove era stata istituita la Repubblica di San Marco.

I primi scontri si ebbero già a Pederobba e a Onigo, ma i tentativi da parte dei bersaglieri del Po e dei volontari cadorini di fermare l'avanzata Austriaca furono vani. Nel tardo pomeriggio dell'8 maggio gli schieramenti si attestarono sulle rive del torrente Nasson, dove gli italiani, al comando del generale Ferrari, furono raggiunti dal grosso dell'esercito pontificio. Verso le 19 gli Austriaci riuscirono a passare dall'altra parte del fiume e ad impadronirsi di due colline, ma furono presto ricacciati.

La battaglia riprese la mattina seguente. Subito gli Italiani si trovarono in difficoltà e dovettero indietreggiare di 500 metri. Nel frattempo, il generale Durando avvertì Ferrari che le sue truppe erano in marcia e sarebbero giunte in aiuto il prima possibile.

Durante l'attesa, Ferrari decise di inviare una carica di 50 dragoni; 40 di loro furono sacrificati[4], ma gli Austriaci, spiazzati, attesero le 15 per riprendere gli scontri.

Verso le 18 Durando non era ancora arrivato e Ferrari decise di ripiegare verso Treviso. Gli Austriaci diedero il tempo ai nemici di ritirarsi, quindi occuparono Cornuda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi Angelo Ara, Lo statuto fondamentale dello Stato della Chiesa (14 marzo 1848). Contributo ad uno studio delle idee costituzionali nello Stato pontificio nel periodo delle riforme di Pio IX. Milano, Giuffrè, 1966.
  2. ^ Testo completo del documento: Statuto fondamentale pel governo degli stati di Santa Chiesa
  3. ^ Testo della allocuzione "Non semel" del 29 aprile 1848
  4. ^ Pieri, Storia militare del Risorgimento, Einaudi, Torino, 1962, p. 380.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Boscarini, 8/9 maggio 1848 La Battaglia di Cornuda. Comune di Cornuda, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]