Nelle istituzioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nelle istituzioni è l'editto con il quale papa Pio IX stabilì la creazione di organi deliberativi in rappresentanza della volontà politica dei propri sudditi. Fu emanato il 14 marzo 1848. Nella stessa data il pontefice emanò un altro editto, Romani e quanti.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Argomento del pontefice è quali siano le istituzioni oggi più adeguate per governare i popoli.

Lo Stato della Chiesa ha istituzioni plurisecolari. Nel tempo le istituzioni si sono adeguate ai cambiamenti sociali.

Oggi lo Stato pontificio, primo in Italia, ha introdotto organi consultivi. Gli stati confinanti[1] si sono spinti più in là ed hanno istituito organi deliberativi. Che cosa conviene fare? Appare giusto che le leggi siano fatte da rappresentanti del popolo.

Ecco quindi che verranno istituiti due consigli legislativi. Il pontefice manterrà il diritto di "sanzionare" (approvare) e promulgare tutte le leggi; inoltre riserverà a sé la prerogativa di decidere in materia di religione e di morale.

Allegato all'editto è il testo della Carta costituzionale dello Stato Pontificio, denominata Statuto fondamentale pel governo temporale degli stati di Santa Chiesa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il riferimento è al Regno delle Due Sicilie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Ara, Lo statuto fondamentale dello Stato della Chiesa (14 marzo 1848). Contributo ad uno studio delle idee costituzionali nello Stato pontificio nel periodo delle riforme di Pio IX. Milano, Giuffrè, 1966.
  • Aubert, R., Il Pontificato di Pio IX (1846-1878). II ed., voll.2, Torino, SAIE, 1970.
  • Bartoccini, F., Roma nell'Ottocento. vol. I. Cappelli Editore, Bologna 1988
  • Bartoccini F., Roma nell'Ottocento. vol.II. Cappelli Editore, Bologna 1988
  • Brunetti, M., Pio IX: giudizio storico-teologico. Falconara, Ed. Opera Pia Mastai Ferretti; 1991.
  • Cervone, V., Italianità di Pio IX. Napoli, Società Editrice Napoletana, 1980.
  • Gennarelli, A, Il Governo pontificio e lo Stato romano. Documenti. voll.2. Tip. Alberghetti, 1860.
  • Martina, G.,Pio IX Chiesa e mondo moderno. Roma, Edizioni Studium, 1976
  • mons. Angelo Mencucci (a cura di); Atti I Convegno di ricerca storica sulla figura e sull'opera di Papa Pio IX, Senigallia 28-29-30 settembre 1973. Centro studi Pio IX, Senigallia, Ed. Tipografia Marchigiana, 1974.
  • mons. Angelo Mencucci; Pio IX e il Risorgimento. Senigallia, Tipografia Adriatica, 1964.
  • Omodeo,A., e Russo, L., (a cura di); Discorsi parlamentari. La Nuova Italia, voll.I-III
  • Salvatorelli, L., Pio IX e il Risorgimento. in spiriti e figure del Risorgimento, Firenze, Le Monnier, 1961.
  • Spada, G.; Storia della Rivoluzione di Roma e della Restaurazione del governo pontificio. voll.3, Firenze, Pellas, 1868-1869.
  • Spadolini, G.M; L'opposizione cattolica. Mondatori, Milano 1994, pp. 30–31.
  • Radice, G.; Pio IX e Antonio Rosmini.Libreria Editrice Vaticana, 1974.
  • Vetere, V; I ventidue anni del cardinale Antonelli. Roma 1871.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]