Audrys Juozas Bačkis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Audrys Juozas Bačkis
cardinale di Santa Romana Chiesa
Vilniaus arkivyskupas metropolitas Audrys Juozas Bačkis.jpg
Il cardinale Bačkis il 7 gennaio 2008
Coat of arms of Audrys Juozas Backis.svg
Sub tuum præsidium
 
TitoloCardinale presbitero della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo a Via Gallia
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Vilnius
Incarichi ricopertiSottosegretario del Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa
Pro-nunzio apostolico nei Paesi Bassi
Arcivescovo metropolita di Vilnius
Presidente della Conferenza Episcopale della Lituania
Vicepresidente della Conferenza Episcopale della Lituania
 
Nato1º febbraio 1937 (81 anni) a Kaunas
Ordinato presbitero18 marzo 1961 dal cardinale Luigi Traglia
Nominato arcivescovo5 agosto 1988 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo4 ottobre 1988 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II
 

Audrys Juozas Bačkis (Kaunas, 1º febbraio 1937) è un cardinale e arcivescovo cattolico lituano, arcivescovo emerito di Vilnius.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una famiglia di diplomatici. Suo padre Stasys era segretario dell'ambasciata lituana a Parigi quando i russi invasero e occuparono la Lituania, e fu poi rappresentante a Washington del governo lituano in esilio. Dopo il recupero dell'indipendenza, suo fratello Ričardas è stato ambasciatore di Lituania in Francia.

Dato che la famiglia non poteva rientrare in patria per via dell'occupazione sovietica, Audrys crebbe in Francia. Fece gli studi secondari all'istituto Saint-Marie-de-Monceau, poi studiò filosofia nel seminario di Saint-Sulpice a Issy-les-Moulineaux. In seguito risiedette a Roma nella Pontificia Accademia Ecclesiastica, dove venne avviato alla carriera diplomatica. Nel contempo studiava alla Pontificia Università Gregoriana e alla Pontificia Università Lateranense, dove ottenne il dottorato di diritto canonico.

Ricevette l'ordine sacro il 18 marzo 1961 e nel 1964 entrò nel servizio diplomatico della Santa Sede. In tale veste ha servito nelle Filippine, in Costa Rica, in Turchia ed in Nigeria, fino al 1973. Passò poi alla segreteria di Stato, il "ministero degli affari interni" della Chiesa, mentre contemporaneamente insegnava diritto diplomatico presso la Pontificia Università Lateranense.

Il 5 agosto 1988 fu nominato arcivescovo titolare di Meta e nunzio apostolico nei Paesi Bassi ed il 4 ottobre dello stesso anno papa Giovanni Paolo II gli conferì l'ordinazione episcopale.

Il 24 dicembre 1991 fu nominato arcivescovo di Vilnius.

È stato presidente della Conferenza Episcopale Lituana durante due periodi: dal 1993 al 1999 e dal 2002 al 2005.

Fu elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 febbraio 2001 con il titolo della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo a Via Gallia. Partecipò in tale veste ai conclavi del 2005 e del 2013.

Il 5 aprile 2013 papa Francesco accolse la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Vilnius per raggiunti limiti di età.

È membro della Congregazione per l'Educazione Cattolica, del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e del Consiglio Speciale per l'Europa della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.

Il 1º febbraio 2017, al compimento del suo ottantesimo genetliaco, è uscito dal novero dei cardinali elettori.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze lituane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande
— 3 febbraio 2003
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas
— 11 febbraio 2000

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 4 ottobre 1985[1]
Commendatore dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia)
— 1997
Grand'Ufficiale dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 9 settembre 1981

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88105973 · ISNI (EN0000 0000 6000 6085 · LCCN (ENn2013037212 · BNF (FRcb16027458h (data)