Antico calendario macedonico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'antico calendario macedonico era un calendario lunare in uso in Macedonia dal I millennio a.C.. Era costituito da 12 mesi sinodici-lunari (pari a 354 giorni per anno), che aveva bisogno di mesi intercalari per rimanere al passo con le stagioni. Con il tempo questo calendario venne utilizzato anche in epoca ellenistica, in totale erano aggiunti sette embolimoi (mesi intercalari) in ogni ciclo metonico di 19 anni. I nomi dell'antico calendario macedonico rimasero in uso in Siria fino all'era cristiana. Il calendario macedonico era in sostanza identico al calendario babilonese, con la sola sostituzione dei nomi macedonici a quelli babilonesi.[1] Un esempio da un'iscrizione del VI secolo dalla Decapoli in Giordania, riporta del calendario solare macedonico, che iniziava con il mese di Audynaeus.[2] Il calendario di tipo solare venne introdotto più tardi con il calendario giuliano. Nella provincia romana di Macedonia entrambi i calendari rimasero in uso. Quello romano è attestato nell'iscrizione con il nome Kalandôn gen. καλανδῶν calendae ed il macedonico con quello di Hellenikei dat. Ἑλληνικῇ ellenico.[3] Ed infine una scritta da Cassandreia del 306-298 a.C. che riporta del mese Ἀθηναιῶν Athenaion,[4] suggerendo che alcune città potevano avere dei loro mesi perfino dopo il IV secolo a.C., periodo di massima espansione macedone.

Anno di numerazione[modifica | modifica wikitesto]

Sotto l'Impero seleucide, i Macedoni adottarono l'Era seleucide. L'anno cominciava il primo del mese di Dios durante il mese che noi identifichiamo con l'ottobre del 312 a.C., e che rappresentò il primo anno dell'Era seleucide.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia