Andrea Guerra (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Guerra
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
1990-1991 Verona
Squadre di club1
1991-1992 Verona 2 (0)
1992-1993 Salernitana 28 (0)
1993-1994 Verona 33 (1)
1994-2001 Chievo 157 (1)
2001-2002 Palermo 33 (0)
2002-2003 Venezia 21 (0)
2004-2006 Südtirol 64 (0)
2006-2007 Monza ? (?)
2007-2008 Merano ? (?)
2008-2009 Bolzano ? (?)
Carriera da allenatore
2009-2011Südtirolallievi naz.
2011-2012Südtirol(vice)
2012Pescara(vice)
2013Spezia(vice)
2015-2016Südtirol(vice)
2016-2017Foggia(collaboratore tec.)
2017-Foggia(vice)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Andrea Guerra (Bolzano, 4 settembre 1972) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nell'Hellas Verona (con il quale debutta in Serie A a 19 anni nel 1991). La stagione successiva gioca nella Salernitana, prima di fare ritorno all'Hellas Verona; ma gran parte della sua carriera si sviluppa dall'altra parte dell'Adige nel Chievo. Bandiera del club scaligero, veste la casacca gialloblu per sette stagioni, conquistando la storica promozione in Serie A con mister Luigi Delneri; la stagione successiva vestì la maglia del Palermo. Nel 2002-2003 gioca nel Venezia.

Gioca un biennio nella seconda squadra della sua città natale, il Südtirol e nella stagione 2006-2007 approda al Monza.

Ritorna poi per una stagione al Merano, per passare, nell'estate del 2008 in Serie D al Bolzano,[1] ma venne messo fuori rosa già nel successivo novembre.[2] Da allenatore inizia la sua carriera allenando gli allievi nazionali del Südtirol (2009-2011). Nella stagione 2011-2012 diventa vice allenatore nel Südtirol di Giovanni Stroppa. Nelle stagioni successive segue Giovanni Stroppa al Pescara in serie A, stagione conclusa il 18 novembre con le dimissioni del tecnico di Mulazzano, allo Spezia (2012-2013), Südtirol (2015-2016). Nella stagione successiva (2016-2017),come collaboratore tecnico di Giovanni Stroppa, vince il campionato di Lega Pro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bolzano Ingaggiati nove giocatori, su it.eurosport.yahoo.com, 25 giugno 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  2. ^ Tre giocatori fuori rosa [collegamento interrotto], su fcbolzano96.it, 12 novembre 2008. URL consultato il 22 febbraio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Perrone (a cura di), Il libro del calcio italiano 1999/2000, Roma, Il Corriere dello Sport, 1999, p. 68.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]