Adam Arkapaw

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Adam Arkapaw (Bowral, ...) è un direttore della fotografia australiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce e cresce a Bowral, nel Nuovo Galles del Sud.[1] Nel 2006 si laurea all'università di Melbourne in cinema e televisione.[2][3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una gavetta in numerosi documentari e cortometraggi negli anni duemila, Arkapaw si fa notare lavorando a una serie di film australiani come Animal Kingdom (2010) di David Michôd, Snowtown (2011) di Justin Kurzel e Lore (2012) di Cate Shortland.[4] Per tutti e tre i film ottiene una candidatura all'AACTA Award per la miglior fotografia, mentre nel 2011 la rivista Variety lo inserisce nella sua lista dei "10 direttori della fotografia da tenere d'occhio".[1]

Nel 2013 è il direttore della fotografia della miniserie televisiva diretta da Jane Campion Top of the Lake - Il mistero del lago, che gli vale un Creative Arts Emmy Award per la miglior fotografia in un film TV o una miniserie.[4] Nel 2014 vince un secondo Emmy (miglior fotografia per una serie single-camera), per la serie televisiva targata HBO True Detective, di cui cura la fotografia di tutti gli episodi della prima stagione della serie.[3] La sequenza che gli vale il premio è un long take di ben sei minuti presente nel climax dell'episodio Cani sciolti, che, progettato e provato per mesi, ha richiesto oltre un giorno e mezzo per essere girato senza errori.[5]

Nel 2015, Arkapaw cura la fotografia del film sportivo di Niki Caro McFarland, USA e torna a lavorare con Justin Kurzel in Macbeth.[2][6] Lo stesso anno, la American Society of Cinematographers gli assegna lo Spotlight Award per Macbeth, mentre riceve dal'Australian Academy of Cinema and Television Arts il premio onorario Byron Kennedy per i suoi contributi all'industria cinematografica australiana.[7][8] L'anno seguente collabora nuovamente con Kurzel in Assassin's Creed e cura la fotografia de La luce sugli oceani di Derek Cianfrance.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato dal 2015 con la direttrice della fotografia statunitense Autumn Durald, con cui ha avuto un figlio.[9]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Direttore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Catch Fish – cortometraggio (2006)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) David Friend, Adam Arkapaw: Modus operandi is understated, su Variety, 11 febbraio 2011. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  2. ^ a b (EN) John Bailey, Let the good films roll, su The Sydney Morning Herald, 2 marzo 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  3. ^ a b (EN) Adam Arkapaw wins second Emmy Award, su vca-mcm.unimelb.edu.au, 26 agosto 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  4. ^ a b (EN) Michael Bodey, Emmy for Australian cinematographer Adam Arkapaw, su The Australian, 16 settembre 2013. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  5. ^ (EN) Whitney Friedlander, How Cinematographer Adam Arkapaw Captured 'True Detective', in Variety, 5 agosto 2014. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  6. ^ (EN) James Rocchi, 'McFarland, USA' Review: Kevin Costner Goes the Distance in This True-Life Sports Tale, su thewrap.com, 4 febbraio 2015. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  7. ^ (EN) Carolyn Giardina, ASC Awards: The Complete Winners List, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  8. ^ (EN) Cinematographer Adam Arkapaw is the recipient of the 5th #AACTAs Byron Kennedy Award, adding to his 2 Prime Time Emmys!, su Twitter. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  9. ^ (EN) Ryan Coogler on ‘Creed,’ Filmmaking as Journalism and the Need for Female Voices (Q&A), su Variety, 5 gennaio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165357606 · ISNI (EN0000 0001 1326 306X · LCCN (ENno2011011690 · GND (DE144040182 · WorldCat Identities (ENno2011-011690