You Are Not Alone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi You Are Not Alone (disambigua).
You Are Not Alone
You are not alone.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Michael Jackson
Tipo album Singolo
Pubblicazione 15 agosto 1995
Durata 5 min : 45 s[1]
Album di provenienza HIStory: Past, Present and Future - Book 1
Genere Rhythm and blues
Pop
Ballata
Etichetta Epic Records
Produttore R. Kelly
Michael Jackson
Registrazione Novembre 1994[2]
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[3]
(vendite: 25 000+)

Francia Francia[4]
(vendite: 291 000)[5] Germania Germania[6]
(vendite: 250 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
(vendite: 7 500+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 400 000+)

Svizzera Svizzera[9]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platino Australia Australia[10]
(vendite: 70 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[11]
(vendite: 1 000 000+)
Michael Jackson - cronologia
Singolo precedente
(1995)
Singolo successivo
(1995)

You Are Not Alone è una canzone del cantante statunitense Michael Jackson, uscita nell'agosto del 1995 come secondo singolo dall'album HIStory: Past, Present and Future - Book I. È una ballata di genere R&B, scritta da R. Kelly in risposta alla perdita di persone a lui molto care. Egli ha inviato una demo a Michael Jackson, al quale la canzone è piaciuta e ha deciso di produrla assieme a R. Kelly.

La maggioranza della critica nei confronti della canzone è stata positiva, infatti ricevette diverse nomination ai Grammy e agli American Music Awards. Il video musicale, con Jackson e sua moglie Lisa Marie Presley, è famoso per le sue scene di seminudità.

Dal lato commerciale, la canzone ha avuto un significativo successo. Detiene, infatti, il primato nel Guinness World Record come la prima canzone in 37 anni di storia della Billboard Hot 100 ad aver esordito direttamente in prima posizione record che poi verrà infranto da Mariah Carey circa un mese dopo con la sua hit mondiale fantasy;[12] successivamente fu certificata disco di platino dalla RIAA. La canzone ebbe molto successo anche in tutti gli altri principali mercati musicali del mondo.

Produzione e musica[modifica | modifica wikitesto]

Il compositore della canzone R. Kelly

La canzone è una ballata sull'amore e sull'isolamento.[13][14] La canzone è stata scritta da R. Kelly e prodotta dallo stesso insieme a Michael Jackson.[13] Kelly ha scritto la canzone dopo la perdita di persone a lui molto care.[15] Kelly era felice di lavorare con il suo idolo, esclamando:

« Ero snervato... Sento che avrei potuto finire il suo intero album. Non essendo egoista, io ero eccitato per questo. Era un'esperienza fuori da questo mondo... è meraviglioso che cinque anni fa stavo scrivendo canzoni in un seminterrato nel ghetto e ora sto scrivendo per Michael Jackson... Sarei uno sciocco, ma non dico che questo è un sogno diventato realtà. »
([2])

Jackson ha contattato R. Kelly per vedere se aveva materiale a disposizione.[2] Kelly ha inoltrato una demo a Michael Jackson della canzone e Jackson ha accettato di lavorare con Kelly sulla canzone.[2] Nella demo R. Kelly canta la canzone emulando Jackson.[2] Egli ha trascorso l'ultima settimana di novembre del 1994 in studio lavorando sulla canzone.[2]

Jackson ha spiegato che la canzone gli è piaciuta subito, ma l'ha ascoltata due volte prima di prendere la decisione finale. Anche se la canzone è stata scritta da R. Kelly, Jackson riteneva che la produzione sarebbe dovuta essere uno sforzo collaborativo tra i due musicisti.[15] Il nastro inviato a lui non aveva né armonia né modulazioni, per questo motivo Jackson migliorò la canzone aggiungendo un coro nella parte finale e conferendo alla canzone finale un senso del climax.[16]

Accusa di plagio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 un tribunale di Bruxelles ha stabilito che la canzone è un plagio di una canzone belga If We Can Start All Over, composta da Danny e Eddy Van Passel. La querela era in corso da oltre dieci anni. Si è conclusa decidendo che gli incassi del brano devono andare ai fratelli Van Passel. La sentenza non ha effetto fuori dal Belgio.[17]

Questo caso è diverso rispetto a quello di Will You Be There, in quanto la canzone è stata composta da R. Kelly (Michael Jackson l'ha solo interpretata e prodotta), e pertanto Jackson dovrebbe essere all'oscuro del plagio.

Reazione critica[modifica | modifica wikitesto]

James Hunter di Rolling Stone ha notato che "l'eccellente singolo Scream o la ballata R&B You Are Not Alone cercano di collegare le vicende infami recenti riguardanti Jackson con concetti come ingiustizia o isolamento".[15] John Pareless di New York Times ha detto che è l'unica canzone d'amore convenzionale in HIStory: Past, Present and Future - Book 1, confrontandola con la canzone di Mariah Carey Hero.[18]

In tempi più recenti Stephen Thomas Erlewine di Allmusic ha espresso l'opinione che You Are Not Alone era tra le migliori canzoni che Jackson avesse pubblicato, giudicando la canzone "seducente".[19] Il critico R&B Nelson George ha definito la canzone amorevole.[20] Lo scrittore e giornalista J. Randy Taraborrelli ha detto che la canzone "rimane una delle canzoni migliori di Michael ... Durante l'ascolto di 'You Are Not Alone', ci si chiede quante volte Michael ha cercato di dire a se stesso, durante i suoi momenti più disperati e angoscianti, che era aiutato nella sua vita, da una grande potenza, o dagli amici e famiglia, se effettivamente ci ha creduto o meno".[21]

MT Reviews ha premiato la canzone dando 10/10 e titolandola "la migliore canzone del decennio".

Fred Shuster di Daily News of Los Angeles ha detto che la canzone è la migliore dell'album.[22] Al contrario Steve Holsey, pur dando all'album una valutazione positiva, ha descritto la canzone come la peggiore dell'album, definendo il testo "banale" e sotto gli standard di Jackson.[23] You Are Not Alone ha ricevuto una nomination agli American Music Awards e una nomination ai Grammy Awards contemporaneamente per la migliore performance vocale.[24]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video è stato diretto da Wayne Isham e inizia con dei paparazzi che scattano foto a Jackson. Dopo, la trama riguarda due luoghi: un tempio dove Jackson appare in una scena di semi-nudo con la moglie Lisa Marie Presley (tale scena è ispirata al Daybreak di Maxfield Parrish) e un teatro vuoto dove Jackson canta la canzone. Jackson appare da solo in altri luoghi come deserti e cime di montagne. È il secondo video dove i capelli di Jackson sono relativamente corti, dopo Childhood. La versione estesa, presente in HIStory on Film, Volume II, è nota per una scena dove Jackson appare come un angelo sopra sua moglie.

In una scena, Jackson appariva completamente nudo, ma poco prima la trasmissione del video vennero usati degli effetti speciali per coprire le parti intime.[25]

Malgrado desse alla canzone una recensione positiva, Taraborelli disse del video "l'unico problema di You Are Not Alone è il bizarro video, nel quale Michael e Lisa Marie salterellano seminudi contro un etereo sfondo... La semi-nudità non aveva senso ed era un po' sconcertante; si avvertiva il desiderio che si rivestissero".[21] Successivamente Presley ha espresso rimpianti per il video, dicendo che lei "faceva il lecchino in questo momento. Era fantastico essere in un video di Michael Jackson."[21]

Il Daybreak, quadro che ha ispirato il video

Lista tracce[modifica | modifica wikitesto]

U.S./Canada CD maxi single

  1. You Are Not Alone - 5:48
  2. You Are Not Alone (Radio Edit) - 4:54
  3. You Are Not Alone (Franctified Club Mix) - 10:40
  4. Scream Louder (Flyte Tyme Remix) - 5:30
  5. MJ Megaremix - 10:33

Japan CD maxi single

  1. You Are Not Alone - 5:48
  2. You Are Not Alone (Radio Edit) - 4:54
  3. You Are Not Alone (Franctified Club Mix) - 10:40
  4. You Are Not Alone (R. Kelly Mix) - 6:23
  5. You Are Not Alone (Classic Club Mix) - 7:40
  6. You Are Not Alone (Jon B. Main Mix) - 6:55
  7. You Are Not Alone (Jon B. Padapella Mix) 6:55

Austrian CD maxi single

  1. You Are Not Alone - 5:48
  2. You Are Not Alone (Radio Edit) - 4:54
  3. You Are Not Alone (Franctified Club Mix) - 10:40
  4. You Are Not Alone (Classic Club Mix) - 7:40
  5. You Are Not Alone (Jon B. Main Mix) - 6:55
  6. You Are Not Alone (Jon B. Padapella Mix) 6:55
  7. MJ Medley Aus Dem Viva - 4:59

The Visionary Single

  • CD Side:
  1. You Are Not Alone (Radio Edit) - 4:34
  2. You Are Not Alone (Classic Club Mix) - 7:36
  • DVD Side:
  1. You Are Not Alone (Video)

Versioni ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

  • Album Version - 5:45
  • Album Edit - 4:54
  • Extended Version - 6:02
  • Instrumental - 5:38
  • Radio Edit - 4:34
  • Video Edit - 5:32

Riscontro commericale[modifica | modifica wikitesto]

You Are Not Alone rimane uno dei migliori singoli di Michael Jackson in termini di vendite. Esso appare nel Guinness dei primati come la prima canzone di sempre ad esordire alla prima posizione Billboard Hot 100.[12] Le vendite della prima settimana erano di 120,000 copie, è stato certificato platino dalla RIAA.[26][27][27] Il singolo rompe il record set del precedente singolo Scream/Childhood, il quale era il primo singolo a debuttare alla posizione 5.[27]

Esso ha raggiunto la posizione uno nel Regno Unito dopo un esordio alla posizione 3 nella prima settimana.[27][28] La canzone ha raggiunto la posizione 1 in Vallonia, Francia, Nuova Zelanda, Spagna e Svizzera.[29] Con l'eccezione dell'Italia, esso divenne una top ten in ogni mercato di massa.[27][29]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche settimanali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
massima
Australia[30] 7
Austria[31] 2
Belgio (Fiandre)[32] 3
Belgio (Vallonia)[32] 1
Canada[33] 11
Europa[34] 1
Finlandia[35] 10
Francia[36] 1
Germania[37] 4
Irlanda[38] 1
Italia[39] 3
Nuova Zelanda[40] 1
Norvegia[41] 9
Paesi Bassi[42] 6
Regno Unito[43] 1
Scozia[44] 2
Stati Uniti[45] 1
Stati Uniti (pop)[45] 4
Stati Uniti (adult contemporary)[45] 7
Stati Uniti (adult pop)[45] 8
Stati Uniti (latin pop)[45] 14
Stati Uniti (top latin)[45] 33
Stati Uniti (R&B)[45] 1
Stati Uniti (dance club play)[45] 3
Stati Uniti (hot dance sales)[45] 3
Stati Uniti (rhythmic)[45] 1
Stati Uniti (radio)[46] 2
Svezia[47] 2
Svizzera[48] 1
Classifica (2009) Posizione
massima
Canada (digital)[45] 23
Danimarca[49] 33
Francia (download)[50] 19
Stati Uniti (digital)[45] 17
Classifica (2011) Posizione
massima
Giappone[51] 44

Riedizione[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
massima
Francia[36] 60
Germania[37] 100
Irlanda[38] 20
Italia[52] 5
Paesi Bassi[42] 45
Regno Unito[43] 30
Scozia[53] 25
Spagna[54] 1

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
Australia[55] 10
Austria[56] 27
Belgio (Fiandre)[57] 33
Belgio (Vallonia)[58] 11
Canada[59] 96
Germania[60] 30
Italia[61] 45
Nuova Zelanda[62] 15
Paesi Bassi[63] 26
Regno Unito[64] 7
Stati Uniti[65] 21
Svezia[66] 27
Svizzera[67] 20

Certificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Certificazione Copie vendute
Austria[68] Oro 20,000
Francia[69] Oro 250,000
Germania[70] Oro 250,000[71]
Nuova Zelanda[72] Oro 7,500[73]
Svizzera[74] Oro 25,000
Regno Unito[75] Oro 400,000
Stati Uniti[76] Platino 1,000,000

Cover dei finalisti di X Factor UK 2009[modifica | modifica wikitesto]

I finalisti della sesta edizione di The X Factor (Regno Unito) hanno pubblicato una cover della canzone in aiuto al Great Ormond Street Hospital.[77] I finalisti hanno pubblicizzato la canzone dal vivo durante la puntata del 15 novembre; il singolo era disponibile per il download digitale lo stesso giorno e una versione in supporto il giorno dopo.[78] La pubblicazione della canzone segue un fatto avvenuto lo scorso anno, quando i finalisti hanno pubblicato una cover di Hero di Mariah Carey in aiuto del Help of Heroes ed hanno ricavato oltre 1 milione di sterline.[79]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione più alta
Irlanda[80] 1
Regno Unito[81] 1
Eurochart Hot 100[82] 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questa durata si riferisce alla versione dell'album, per le altre, vedi la sezione Versioni
  2. ^ a b c d e f Brown, p. 56
  3. ^ Austrian single certifications – Michael Jackson – You Are Not Alone, IFPI Austria. URL consultato il 7 agosto 2014.
  4. ^ (FR) French single certifications – Michael Jackson – You Are Not Alone, InfoDisc. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  5. ^ Les Certifications depuis 1973, SNEP. URL consultato il 26 maggio 2014.Inserire Jackson Michael e premere il tasto OK.
  6. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  7. ^ Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  8. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Michael Jackson" in "Keywords", dunque premere "Search".
  9. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community su Hung Medien. URL consultato il 17 settembre 2014.
  10. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2009 Singles, ARIA Charts. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  11. ^ (EN) Gold & Platinum Database – You Are Not Alone, Recording Industry Association of America. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  12. ^ a b Jackson receives his World Records, Yahoo!, 14 novembre 2006. URL consultato il 16 novembre 2006.
  13. ^ a b (EN) Jon Pareles, Pop View; Michael Jackson Is Angry, Understand?, nytimes.com, 18 giugno 1995. URL consultato il 18 settembre 2008.
  14. ^ (EN) James Hunter, Michael Jackson HIStory, rollingstone.com, 10 agosto 1995. URL consultato il 23 luglio 2008.
  15. ^ a b c Screamin' Siblings: Michael & Janet | Video | MTV
  16. ^ Grant, Adrian (1998). Michael Jackson: Making History. Omnibus Press. ISBN 0-7119-6723-7
  17. ^ Michael Jackson casca ancora, You Are Not Alone è un plagio, quotidiano.net, 11 settembre 2007. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  18. ^ Jon Pareles, Pop View; Michael Jackson Is Angry, Understand?, The New York Times, 18 giugno 1995. URL consultato il 18 settembre 2008.
  19. ^ Stephen Erlewine, Michael Jackson HIStory Overview, Allmusic. URL consultato il 15 giugno 2008.
  20. ^ George, p. 24
  21. ^ a b c Taraborrelli, p. 609–610
  22. ^ Fred Shuster, Jackson attempts to rewrite 'history', Daily News of Los Angeles, 18 giugno 1995. URL consultato il 7 novembre 2008.
  23. ^ Steve Holsey, Jackson's 'HIStory' is an impressive one, Michigan Chronicle, 4 luglio 1995. URL consultato l'11 novembre 2008.
  24. ^ George, p. 49
  25. ^ Helen Kennedy, Jacko has video surgery, New York Daily News, 28 luglio 1995. URL consultato l'11 novembre 2008.
  26. ^ Steve Hochman, Rewriting Pop HIStory; Michael Jackson's publicists are crowing about new single's unprecedented success, but skeptics abound., Los Angeles Times, 3 settembre 1995. URL consultato il 10 novembre 2008.
  27. ^ a b c d e George, p. 48
  28. ^ Pinkerton, Lee (1997). The Many Faces of Michael Jackson. Music Sales Distribution. ISBN 0-7119-6783-0.
  29. ^ a b RIAA Gold and Platinum, search database, RIAA. URL consultato il 9 novembre 2008.
  30. ^ (EN) Australian Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, australiancharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  31. ^ (DE) Austrian Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, austriancharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  32. ^ a b (NL) Ultratop – Michael Jackson – You Are Not Alone, Ultratop. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  33. ^ (EN) Top Singles - Volume 62, No. 13, October 30 1995 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  34. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurochart Hot 100, Billboard, 30 settembre 1995, p. 51. URL consultato il 16 agosto 2011.
  35. ^ (EN) Finnish Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, finnishcharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  36. ^ a b (FR) French Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, lescharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  37. ^ a b (DE) German Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, offiziellecharts.de. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  38. ^ a b Irish Recorded Music Association, Search the Charts - You Are Not Alone, Fireball Media. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  39. ^ Hit Parade Italia - Indice per Interprete: J, Hit Parade Italia. URL consultato il 15 novembre 2014.
  40. ^ (EN) New Zealand Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, charts.org.nz. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  41. ^ (EN) Norwegian Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, norwegiancharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  42. ^ a b (NL) Dutch Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, dutchcharts.nl. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  43. ^ a b (EN) Michael Jackson – You Are Not Alone, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2012.
  44. ^ (EN) Archive Chart: 1995-09-23, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2012.
  45. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Michael Jackson – Album & Song Chart History, All Media Network. URL consultato il 15 novembre 2014.
  46. ^ (EN) Michael Jackson – Chart History (radio songs), Billboard. URL consultato il 15 novembre 2014.
  47. ^ (EN) Swedish Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, swedishcharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  48. ^ (DE) Swiss Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, hitparade.ch. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  49. ^ (EN) Danish Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, danishcharts.com.
  50. ^ Download French Single Top 50 su France, lescharts.com, 27 giugno 2009. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  51. ^ (EN) Michael Jackson – Chart History (japan hot 100), Billboard. URL consultato il 15 novembre 2014.
  52. ^ (EN) Italian Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, italiancharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  53. ^ (EN) Archive Chart: 2006-06-10, Official Charts Company. URL consultato il 25 maggio 2012.
  54. ^ (EN) Spanish Charts – Michael Jackson – You Are Not Alone, spanishcharts.com. URL consultato il 2 ottobre 2010.
  55. ^ ARIA Charts - End Of Year Charts – Top 50 Singles 1995 su Aria.com.au. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  56. ^ (DE) Austriancharts – Jahreshitparade 1995, Austriancharts.at. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  57. ^ Jaaroverzichten 1995 (Vl) su Ultratop.be/nl, ULTRATOP & Hung Medien / hitparade.ch.. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  58. ^ (FR) Jaaroverzichten 1995 (Wa) su Ultratop.be/fr. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  59. ^ (EN) Top Singles - Volume 62, No. 20, December 18 1995 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  60. ^ (DE) Single – Jahrescharts 1995, offiziellecharts.de. URL consultato il 24 settembre 2012.
  61. ^ I singoli più venduti del 1995, hitparadeitalia.it. URL consultato il 9 novembre 2014.
  62. ^ (EN) Top Selling Singles of 1995, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 13 marzo 2015.
  63. ^ (NL) Jaaroverzichten 1995 su dutchcharts.nl. URL consultato il 27 gennaio 2014.
  64. ^ (EN) Chart Archive - 1990s Singles su everyHit.com. URL consultato il 10 ottobre 2013.
  65. ^ Billboard Top 100 - 1995. URL consultato il 27 agosto 2010.
  66. ^ Årslista Singlar - År 1995 su www.sverigetopplistan.se.
  67. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 1995 su Hitparade.ch, Hung Medien. URL consultato il 19 ottobre 2013.
  68. ^ International Federation of the Phonographic Industry, Austrian certification (search), ifpi.at, 21 dicembre 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  69. ^ Syndicat national de l'édition phonographique, French certification, chartsinfrance.net, 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  70. ^ International Federation of the Phonographic Industry, German certification, musikindustrie.de, 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  71. ^ International Federation of the Phonographic Industry, Criteria (PDF), musikindustrie.de, 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  72. ^ Recording Industry Association of New Zealand, New Zealand certification: Look at #1676 Monday 6 July 2009, rianz.org.nz, 2009. URL consultato il 7 luglio 2009.
  73. ^ Recording Industry Association of New Zealand, New Zealand Chart Facts, rianz.org.nz, 2009. URL consultato il 7 luglio 2009.
  74. ^ Hit Parade, Swiss certification, hitparade.ch, 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  75. ^ British Phonographic Industry, U.K. certification, bpi.co.uk, 1º ottobre 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  76. ^ Recording Industry Association of America, U.S. certification, riaa.com, 13 ottobre 1995. URL consultato l'8 dicembre 2008.
  77. ^ First look at The X Factor contestants' charity single!, Heatworld.com, 30 ottobre 2009. URL consultato il 30 ottobre 2009.
  78. ^ First look at The X Factor contestants' charity single! | heatworld.com
  79. ^ Rebecca Routledge, 'X Factor' stars record charity single, Digital Spy, 25 ottobre 2009. URL consultato il 30 ottobre 2009.
  80. ^ Irish Singles Chart - The X Factor 2009
  81. ^ BBC - Radio 1 - Chart - The Official UK Top 40 Singles Chart
  82. ^ European Hot 100 | Billboard.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo posto nel Regno Unito Regno Unito Successore G-clef.svg
Meet Me Halfway - Black Eyed Peas 22 novembre 2009 - 27 novembre 2009 The Official BBC Children in Need Medley - Peter Kay's Animated All Star Band