Tensore degli sforzi di Maxwell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In elettrodinamica, il tensore degli sforzi di Maxwell è un tensore il cui flusso rappresenta la variazione di quantità di moto di un campo elettromagnetico per unità di tempo.

In relatività ristretta il tensore degli sforzi di Maxwell viene generalizzato dal tensore degli sforzi elettromagnetico, che è il tensore energia impulso associato al campo elettromagnetico.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

Il tensore degli sforzi di Maxwell è il tensore degli sforzi associato al campo elettromagnetico, che nel sistema internazionale di unità di misura è definito come:[1]

T _{ij}  = \varepsilon_0 E_i  E_j   + \frac{1}
{{\mu _0 }}B_i  B_j   - \frac{1}{2}\bigl( {\varepsilon_0 E^2  + \tfrac{1}
{{\mu _0 }}B^2 } \bigr)\delta _{ij}

dove \varepsilon_0 è la costante dielettrica, \mu_0 la permeabilità magnetica, \mathbf{E} il campo elettrico, \mathbf{B} il campo magnetico e \delta_{ij} la delta di Kronecker.

Nel sistema CGS è dato da:

T_{ij}=\frac{1}{4\pi}\left(E_{i}E_{j}+H_{i}H_{j}-
\frac{1}{2}(E^2+H^2)\delta_{ij}\right)

dove \mathbf{H} è il campo magnetico nella materia.

In modo equivalente, il tensore degli sforzi di Maxwell può essere scritto come:


\overset{\leftrightarrow  }{ \mathbf{T} } = \frac{1}{4\pi} \left[ \mathbf{E}\otimes\mathbf{E} + \mathbf{H}\otimes\mathbf{H} - \frac{E^2+H^2 }{2} (\mathbf{\hat x}\otimes\mathbf{\hat x} + \mathbf{\hat y}\otimes\mathbf{\hat y} + \mathbf{\hat z}\otimes\mathbf{\hat z}) \right]

dove \otimes è il prodotto fra tensori.

Derivazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi equazioni di Maxwell.

La forza di Lorentz ha la forma:

\mathbf{F} = q(\mathbf{E} + \mathbf{v}\times\mathbf{B})

Data una distribuzione di carica elettrica, l'entità della forza di Lorentz per unità di volume è data da:[2]


\mathbf{f} = \rho\mathbf{E} + \mathbf{J}\times\mathbf{B}

Attraverso le equazioni di Maxwell è possibile scrivere le sorgenti \rho e \mathbf J in funzione dei campi \mathbf E e \mathbf B:


\mathbf{f} = \varepsilon_0 \left(\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{E} \right)\mathbf{E} + \frac{1}{\mu_0} \left(\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{B} \right) \times \mathbf{B} - \varepsilon_0 \frac{\partial \mathbf{E}}{\partial t} \times \mathbf{B}\,

La derivata temporale può essere scritta in modo da evidenziare il vettore di Poynting \mathbf S:

\mathbf{S} = \frac{1}{\mu_0}\mathbf{E}\times\mathbf{B}

Utilizzando la Regola di Leibnitz e la legge di Faraday si ottiene:

\frac{\partial}{\partial t} (\mathbf{E}\times\mathbf{B}) = \frac{\partial\mathbf{E}}{\partial t}\times \mathbf{B} + \mathbf{E} \times \frac{\partial\mathbf{B}}{\partial t} = \frac{\partial\mathbf{E}}{\partial t}\times \mathbf{B} - \mathbf{E} \times (\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{E})

Scrivendo \mathbf f come:

\mathbf{f} = \varepsilon_0 \left(\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{E} \right)\mathbf{E} + \frac{1}{\mu_0} \left(\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{B} \right) \times \mathbf{B} - \varepsilon_0 \frac{\partial}{\partial t}\left( \mathbf{E}\times \mathbf{B}\right) - \varepsilon_0 \mathbf{E} \times (\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{E})

e raggruppando i termini contenenti \mathbf E e \mathbf B, si ha:

\mathbf{f} = \varepsilon_0\left[  (\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{E} )\mathbf{E} - \mathbf{E} \times (\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{E}) \right] + \frac{1}{\mu_0} \left[ -  \mathbf{B}\times\left(\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{B} \right)  \right]
- \varepsilon_0\frac{\partial}{\partial t}\left( \mathbf{E}\times \mathbf{B}\right)

Per ottenere un'espressione "simmetrica" si inserisce il termine nullo (\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{B} )\mathbf{B}:

\mathbf{f} = \varepsilon_0\left[  (\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{E} )\mathbf{E} - \mathbf{E} \times (\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{E}) \right] + \frac{1}{\mu_0} \left[(\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{B} )\mathbf{B} -  \mathbf{B}\times\left(\boldsymbol{\nabla}\times \mathbf{B} \right)  \right]
- \varepsilon_0\frac{\partial}{\partial t}\left( \mathbf{E}\times \mathbf{B}\right)

Utilizzando l'identità vettoriale:

\tfrac{1}{2} \boldsymbol{\nabla} (\mathbf{A}\cdot\mathbf{A}) = \mathbf{A} \times (\boldsymbol{\nabla} \times \mathbf{A}) + (\mathbf{A} \cdot \boldsymbol{\nabla}) \mathbf{A}

i prodotti vettoriali scompaiono, e si ha:

\mathbf{f} = \varepsilon_0\left[  (\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{E} )\mathbf{E} + (\mathbf{E}\cdot\boldsymbol{\nabla}) \mathbf{E} \right] + \frac{1}{\mu_0} \left[(\boldsymbol{\nabla}\cdot \mathbf{B} )\mathbf{B} + (\mathbf{B}\cdot\boldsymbol{\nabla}) \mathbf{B} \right] - \frac{1}{2} \boldsymbol{\nabla}\left(\varepsilon_0 E^2 + \frac{1}{\mu_0} B^2 \right)
- \varepsilon_0\frac{\partial}{\partial t}\left( \mathbf{E}\times \mathbf{B}\right)

Tutti i termini ad eccezione dell'ultimo possono essere scritti come la divergenza di un tensore T del secondo ordine:

\mathbf{f}  + \varepsilon_0 \mu_0 \frac{\partial \mathbf{S}}{\partial t}\, = \nabla \cdot T

Il tensore degli sforzi di Maxwell permette di esprimere la precedente scrittura di \mathbf f in modo compatto:

T_{i j} \equiv \varepsilon_0 \left(E_i E_j - \frac{1}{2} \delta_{ij} E^2\right) + \frac{1}{\mu_0}  \left(B_i B_j - \frac{1}{2} \delta_{ij} B^2\right)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jackson, op. cit., Pag. 261
  2. ^ Jackson, op. cit., Pag. 260

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John D Jackson, Classical Electrodynamics, 3rd Edition, Wiley, 1999. ISBN 047130932X.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica