Sottomarino lanciamissili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un sottomarino lanciamissili è un sottomarino in grado di lanciare missili non balistici, utilizzando per il lancio tubi diversi da quelli per i siluri. La propulsione di tali mezzi è solitamente nucleare, anche se, tra i modelli più vecchi, ve ne sono alcuni diesel-elettrici.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

I sottomarini lanciamissili sono mezzi progettati per lanciare missili antinave o da crociera. In generale, hanno avuto una vasta diffusione in Unione Sovietica, ma se ne possono trovare anche nell’US Navy. A seconda della propulsione, si distingue tra SSG (diesel-elettrici) ed SSGN (nucleari). Tali sigle sono gli Hull Classification Symbol utilizzati dalla marina americana, che vanno a classificare anche gli esemplari prodotti da altri Paesi (nello specifico, l’Unione Sovietica).

SSG[modifica | modifica wikitesto]

La sigla SSG (SS sta per “submersible ship”, G per “guided missile”) è un Hull Classification Symbol piuttosto obsoleto, che venne utilizzato dall'US Navy negli anni cinquanta riferito a quattro battelli utilizzati nell’ambito dello sviluppo del missile Regulus. Tale sigla è stata anche utilizzata per sottomarini lanciamissili antinave sviluppati in Unione Sovietica, sempre in quel periodo.

Oggi non esistono più sottomarini classificati in questo modo, poiché tutti gli esemplari costruiti sono stati ritirati dal servizio.

Stati Uniti Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nell'US Navy, solo quattro sottomarini ricevettero la sigla SSG, nell’ambito del programma relativo al missile Regulus. Quando il missile venne ritirato dal servizio, nel 1964, la sigla fu abbandonata. Nello specifico, si trattava di due esemplari modificati della classe Gato, risalenti alla seconda guerra mondiale, e dei due esemplari della classe Grayback. Questi ultimi furono radiati nel 1964, mentre i Gato vennero affondati come navi bersaglio nel 1964 e nel 1970.

URSS URSS/Russia Russia[modifica | modifica wikitesto]

L’unica classe di sottomarini sovietici considerata SSG dagli Stati Uniti è la classe Juliett, che inizialmente imbarcavano missili a testata nucleare per attaccare il territorio americano, e poi vennero modificati con missili antinave. Lo stesso Hull Classification Symbol è stato attribuito a tre versioni modificate della classe Whiskey (“Single Cylinder”, “Twin Cylinder” e “Long Bin”). Tutti questi mezzi sono stati ritirati dal servizio.

SSGN[modifica | modifica wikitesto]

La sigla SSGN è l'Hull Classification Symbol utilizzato dall'US Navy per indicare i sottomarini lanciamissili da crociera a propulsione nucleare. In dettaglio, SS sta per ship submersible, G identifica il tipo di missile (guided missile) ed N indica la propulsione (nuclear). Come per il caso precedente, gli unici due Paesi ad aver costruito sottomarini di questo tipo sono Stati Uniti ed Unione Sovietica (e quindi la Russia). Si tratta, in generale, di mezzi di grandi dimensioni, che possono superare le 15.000 tonnellate di dislocamento.

Stati Uniti Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Gli SSGN di costruzione americana sono equipaggiati con missili da crociera. Il primo costruito fu l'USS Halibut (SSGN-587), unico esemplare della sua classe, che era equipaggiato con un impianto per il lancio di missili Regulus. Il sottomarino fu trasformato in SSN quando il programma Regulus venne interrotto, nel 1964.

Nel 2002, venne deciso di trasformare i primi quattro SSBN della classe Ohio in altrettanti SSGN. La modifica prevedeva l'installazione di sistemi di lancio verticali multipli per missili da crociera Tomahawk, nei tubi di lancio dei Trident. In dettaglio, la modifica ha riguardato 22 tubi su 24. La capacità è di 154 missili (7 per ogni tubo). Il primo esemplare ha iniziato le prove in mare nel 2006 ed è entrato in servizio l'anno successivo.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato
(numero missili)
Tipo missile Ingresso
in servizio
Status attuale
Ohio SSGN 4 conv. 16.765/18.750 Tomahawk (154) Crociera 2007 In servizio
USS Halibut (SSGN-587) 1 3.655/5.000 Regulus (5)[1] Crociera 1960 Convertito in SSN nel 1964.

URSS URSS/Russia Russia[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Sovietica progettò e costruì un numero piuttosto alto di sottomarini lanciamissili a propulsione nucleare. Si tratta di battelli equipaggiati prevalentemente con missili antinave, anche se alcune classi sono state progettate per imbarcare missili da crociera. Comunque, hanno tutti ricevuto la classificazione occidentale di SSGN.

Classe Numero
esemplari costruiti
Dislocamento emersione/immersione Missile imbarcato
(numero missili)
Tipo missile Ingresso
in servizio
Status attuale
Severodvinsk 3 in costruzione, 7 previsti? 7.700/13.000[2] SS-N-26 (24) Antinave 2009? In costruzione
Oscar II 11 14.700/24.000 SS-N-19 Shipwreck (24) Antinave 1983 In servizio
Yankee Notch 7 conv. 9.250/11.500 SS-N-21 Sampson (40) Crociera 1982 Ritirati entro il 1994.
Oscar I 2 12.500/22.500 SS-N-19 Shipwreck (24) Antinave 1980 Radiati nel 1997.
Charlie II 6 4.500/5.400 SS-N-9 Siren (8) Antinave 1974-1982 Radiati entro il 1994.
Papa 1 5.200/7.000 SS-N-9 Siren (10) Antinave 1969 Radiato nel 1988.
Charlie I 11 4.000/5.000 SS-N-7 Starbright (8) Antinave 1968-1972 Radiati entro il 1995.
Echo II 29 5.000/6.000 SS-N-12 Sandbox (8)[3] Antinave 1962-1968 Radiati negli anni novanta.
Echo I 5 4.500/5.500 SS-N-3 Shaddock (6) Antinave 1960-1962 Convertiti in SSN entro il 1969.

India India[modifica | modifica wikitesto]

L'unico Paese ad avere in servizio un SSGN, oltre ai due sopra citati, è stata l'India. Infatti, tra il 1988 ed il 1991, prestò servizio con la marina militare indiana un esemplare della classe Charlie I, il K 43. Il battello, oggetto di un contratto di leasing, ricevette il nome di Chakra. Scaduto il contratto, il sottomarino venne posto in riserva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il numero si riferisce alla dotazione complessiva. Infatti, il tubo di lancio era singolo.
  2. ^ Dati indicativi, le informazioni diffuse sono poche.
  3. ^ Inizialmente imbarcavano gli SS-N-3. La conversione pare non abbia riguardato tutti gli esemplari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]