Sofia di Sassonia (1587-1635)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sofia di Sassonia, duchessa di Pomerania

Sofia di Sassonia (Dresda, 29 aprile 1587Stettino, 9 dicembre 1635) è stata una principessa sassone e una duchessa di Pomerania-Stettino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia di Cristiano I di Sassonia (1560-1591), e di sua moglie, Sofia (1568-1622), figlia del principe elettore Giovanni Giorgio di Brandeburgo.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 26 agosto 1610 a Dresda, il duca Francesco di Pomerania (1577-1620). Non ebbero figli.

Dopo la morte di Francesco, Sofia ricevette la città e il quartiere di Wolin. Amministrò il quartiere durante i difficili anni della Guerra dei trent'anni. Tra il 1622 e il 1626, fece costruire una nuova residenza a Wolin, perché il vecchio castello di Wolin era piuttosto fatiscente.

Dopo la sua morte, il distretto andò in mano al duca Boghislao XIV di Pomerania. Tuttavia, tutti i beni mobili e le scorte di grano, sono stati confiscati dall'esercito svedese, perché la Svezia era in guerra con la Sassonia.

Sofia fu inizialmente sepolta nella cripta ducale a Stettino, ma nel 1650 il suo corpo fu trasferito al Sophienkirche a Dresda.