Sk8er Boi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sk8er Boi
Sk8erboi.jpg
Screenshot del video
Artista Avril Lavigne
Tipo album Singolo
Pubblicazione 27 agosto 2002
Durata 3 min : 23 s
Album di provenienza Let Go
Genere Pop punk
Etichetta Arista
Produttore Antonio "L.A." Reid
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[5]
(Vendite: 200.000+)
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti[4]
(Vendite: 500.000+)
Dischi di platino Australia Australia[1]
(Vendite: 70.000+)
Brasile Brasile[2]
(Vendite: 100.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[3]
(Vendite: 15.000+)
Avril Lavigne - cronologia
Singolo precedente
(2002)
Singolo successivo
(2003)

Sk8er Boi è un brano musicale della cantautrice canadese Avril Lavigne, estratto come secondo singolo dal suo album di esordio Let Go. È stato scritto dalla stessa Avril Lavigne insieme ai The Matrix (Scott Spock, Lauren Christy e Graham Edwards), e prodotto dagli stessi The Matrix.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Sk8er Boi è il singolo con il quale la cantautrice canadese Avril Lavigne conferma il successo del brano precedente (Complicated) e lancia definitivamente il suo primo album: Let Go. Pur rimanendo in ambito pop questo brano è caratterizzato dall'uso accentuato dalle chitarre elettriche che ne danno un'atmosfera che va verso il rock. Il suo ritmo incalzante, il suo testo ed il videoclip, faranno sì che Avril Lavigne diventi un'icona per i teenager di tutto il mondo. Il singolo viene pubblicato in Italia il 23 dicembre del 2002, ed il 28 ottobre 2002 in Australia (altre date di pubblicazione non sono reperibili).

Sk8er Boi vincerà innumerevoli premi, ed è stato venduto in 2.400.000 copie. Si è aggiudicato una nomina ai Grammy Awards 2003 per la Miglior esibizione rock femminile.

Sk8er Boi è scritto da Avril Lavigne, e da The Matrix (Lauren Christy, Graham Edwards e Scott Spock) a Los Angeles nel 2001 quando l'artista canadese si era trasferita da New York.

La canzone, da un sondaggio condotto dalla British Telecom, è stata eletta come il terzo "Miglior Video Del Decennio".[6][7]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Sk8er Boy - 3:23
  2. Get Over It - 3:27
  3. Nobody's Fool (Live in Vancouver 22 dicembre 2002 allo Z95.3 FM Radio Show) - 3:58
  4. Sk8er Boi Video (prodotto da Cindy Becker e diretto da Francis Lawrence)

versione australiana

  1. Sk8er Boy - 3:23
  2. Get Over It - 3:27
  3. Nobody's Fool (Live in Vancouver 22 dicembre 2002 allo Z95.3 FM Radio Show) - 3:58

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il video, diretto da Francis Lawrence, è stato girato tra il 27 e il 28 luglio 2002 a Los Angeles.[8] Jeremy Heisler ha il ruolo dello "Sk8er boi". Il video si apre con un ragazzo che si cala con una fune da un edificio e atterra sull'asfalto coperta di bombolette spray. Poi si vede un altro ragazzo aprire il suo computer che ha come sfondo una stella rossa. Altri ragazzi cercano in tutti i modi di pubblicizzare il simbolo, che sembra essere il logo di un importante evento: chi appendendo dei manifesti, chi disegnando con le bombolette spray una stella rossa sull'asfalto. La prima strofa comincia con Avril che canta vestita da skater su un divano. Indossa una t-shirt verde con sopra una cravatta a strisce rosse e blu, dei pantaloni blu, un cappellino blu anch'esso e al braccio tanti bracciali neri, la maggior parte borchiati. Successivamente vengono inquadrati un ragazzo sulla bici e una ragazza in macchina. Il ragazzo la riprende con la telecamera mentre sorride, da qui si capisce che il ragazzo è innamorato. La scena si interrompe con un'altra ragazza che, aggrappata ad un amico sulla sua bici, distribuisce, o meglio lancia a i passanti, dei volantini con inciso sopra sempre il simbolo della band. L'ultima scena prima del ritornello raffigura un ragazzo con una bibita in mano raffigurante la stella rossa. La prima scena del ritornello raffigura Avril in bicicletta, seguita dalle sua band sullo skate che percorre un corridoio e scende le scale, per arrivare in un garage. Si vede la band caricare gli strumenti nel bagagliaio e successivamente entrare in macchina. Il gruppo si avvia verso il luogo scelto per il concerto: il punto della strada su cui è stata disegnata la stella rossa. Il concerto si apre con Avril che sale sulla macchina, impugna un microfono e comincia a cantare, seguita dalla sua band. Immediatamente centinaia di persone accorrono per assistere allo spettacolo. Ad un certo punto la folla si scatena, a tal punto da essere visti e sentiti dalla polizia che, con tanto di elicottero, subentra per calmarla. Il video si conclude con Avril che guarda l'elicottero.

Il video ha ricevuto una nomination come Miglior video pop ai MTV Video Music Awards 2003.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003, la Paramount Pictures ha scelto il brano per un adattamento cinematografico.[9] Nell'aprile 2008 si evince che la produzione del film è stata abbandonata o è in development hell.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
Australia[27] 38
Stati Uniti 96
Classifica (2003) Posizione
Australia[28] 86
Austria[29] 52
Paesi Bassi[30] 79

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La canzone è inclusa nel gioco "SingStar Radio 105" della Play Station 2[31]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ARIA Charts - Accreditations - 2002 Singles
  2. ^ ABPD | Associação Brasileira de Produtores de Disco
  3. ^ http://rianz.org.nz/rianz/oldchart.asp?chartNum=1346&chartKind=S
  4. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - July 18, 2014
  5. ^ ATRL - Stats: Avril Lavigne: The Receipts | #Kittycalypse - Page 22
  6. ^ Sondaggio GB: “Umbrella” di Rihanna è la canzone del decennio | Music Fanpage
  7. ^ “Umbrella” di Rihanna è il miglior brano del decennio
  8. ^ Videografia di Avril Lavigne, AvrilParadise. URL consultato il 24 aprile 2009.
  9. ^ Lavigne's 'Sk8ter Boi' Is Big Screen Bound | Billboard.com
  10. ^ (EN) Australian Recording Industry Association, Australian ARIA Charts, australian-charts.com. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  11. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Austrian Charts, austriancharts.at, 2 febbraio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  12. ^ (BE) Ultratop 50, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Belgian Flanders Charts, Hung Medien, 25 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  13. ^ (BE) Ultratop 40, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Belgian Wallonia Charts, Hung Medien, 1º febbraio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  14. ^ Avril Lavigne | AllMusic
  15. ^ (EN) Tracklisten, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Danish Charts, danishcharts.com, 3 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  16. ^ (EN) Syndicat National de l'Édition Phonographique, France Singles Chart, acharts.us, 29 marzo 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  17. ^ Andamento di Sk8er Boi nella classifica dell'Irlanda.
  18. ^ (EN) Federazione Industria Musicale Italiana, Italian Singles Chart, italiancharts.com, 26 dicembre 2002. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  19. ^ (EN) VG-lista, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Norwegian Charts, norwegiancharts.com. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  20. ^ (EN) Recording Industry Association of New Zealand, Avril Lavigne - Sk8er Boi - New Zealand Charts, charts.org.nz, 8 dicembre 2002. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  21. ^ (NL) MegaCharts, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Dutch Charts, dutchcharts.nl, 11 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  22. ^ (EN) Official Charts Company, Avril Lavigne - Sk8er Boi - UK Singles Chart, Chart Stats, 11 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  23. ^ (EN) Billboard, Billboard Hot 100, Nielsen Media, 2 novembre 2002. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  24. ^ (EN) Billboard, Billboard Pop Songs, Nielsen Media, 26 ottobre 2002. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  25. ^ (EN) Sverigetopplistan, Avril Lavigne - Sk8er Boi - Swedish Charts, swedishcharts.com, 16 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  26. ^ (DE) Swiss Music Charts, Schweizer Singles Top 100, hitparade.ch, 26 gennaio 2003. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  27. ^ ARIA Charts - End of Year Charts - Top 100 Singles 2002
  28. ^ ARIA Charts - End of Year Charts - Top 100 Singles 2003
  29. ^ Jahreshitparade 2003 - austriancharts.at
  30. ^ dutchcharts.nl - Dutch charts portal
  31. ^ Lista canzoni SingStar Radio 105.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]