Sisto Gara della Rovere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sisto Gara della Rovere
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinalbishop.svg
Nato 1473, Savona
Consacrato vescovo 25 novembre 1509
Creato cardinale 11 settembre 1507 da papa Giulio II
Deceduto 8 marzo 1517, Roma

Sisto Gara della Rovere (Savona, 1473Roma, 8 marzo 1517) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Gabriele Gara e di Luchina della Rovere, sorella di papa Giulio II. Pronipote di papa Sisto IV, era anche fratellastro del cardinale Galeotto Franciotti della Rovere e parente dei cardinali Clemente Grosso della Rovere e Leonardo Grosso della Rovere, suoi contemporanei.

L'11 settembre 1507, lo stesso giorno in cui morì il fratellastro, papa Giulio II lo creò cardinale in un concistoro in cui fu l'unico ad essere elevato alla porpora. Lo stesso giorno ricevette il titolo di San Pietro in Vincoli, che era stato dello stesso fratellastro.

Sempre lo stesso giorno fu eletto amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Benevento, della diocesi di Lucca e della diocesi di Vicenza.

L'11 giugno 1509 rinunciò alla diocesi di Vicenza e fu eletto vescovo di Padova. Fu consacrato il 25 novembre dello stesso anno. Il 27 settembre 1512 fu anche nominato amministratore apostolico della diocesi di Saluzzo.

Partecipò al conclave del 1513, che elesse papa Leone X.

Rinunciò all'arcidiocesi di Benevento del 18 marzo 1514, alla diocesi di Saluzzo il 22 marzo 1516 e all'arcidiocesi di Lucca il 3 marzo 1517.

Morì a Roma e fu sepolto nella chiesa del suo titolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran Priore di Roma del Sovrano Militare Ordine di Malta Successore Bandiera del Sovrano Militare Ordine di Malta.png
Carlo Gesualdo 1506 - 1513 Giovanni Antonio della Rovere