Sinfonia n. 7 (Beethoven)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinfonia n. 7
Beethoven Mähler 1815.jpg
Beethoven nel 1815
Compositore Ludwig van Beethoven
Tonalità La maggiore
Tipo di composizione sinfonia
Numero d'opera Op. 92
Epoca di composizione 1811-1812
Prima esecuzione Vienna, 8 dicembre 1813
Autografo Biblioteca Jagellona di Cracovia
Dedica conte Moritz von Fries
Durata media 42 minuti
Organico

2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi

Movimenti

1.Poco sostenuto - Vivace
2.Allegretto
3.Scherzo: Presto - Trio: Assai meno presto
4. Allegro con brio

La settima sinfonia di Ludwig van Beethoven in La maggiore op. 92 fu composta fra il 1811 e 1812 (fu eseguita l'8 dicembre 1813 a Vienna).

Breve cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

La Sinfonia n. 7, scritta a distanza di tre anni dalla Sinfonia n. 6 “Pastorale”, tra il 1811 ed il 1812, non ha una linea di continuità con le precedenti sinfonie, che furono composte dal 1801 al 1808 senza interruzione. Tra il 1809 e l'inizio della composizione della nuova sinfonia, Beethoven aveva portato a termine il Concerto per pianoforte n. 5, l'ultimo, (1809), le musiche per l'Egmont di Goethe completate intorno al 1810, il Quartetto in fa minore op. 95, dello stesso anno.

La prima esecuzione ebbe luogo l'8 dicembre del 1813 nella sala grande dell'Università di Vienna per un concerto di beneficenza. Richard Wagner in L'opera d’arte dell'avvenire così descrisse questa sinfonia: «La sinfonia è l'apoteosi della danza: è la danza nella sua suprema essenza, la più beata attuazione del movimento del corpo quasi idealmente concentrato nei suoni. Beethoven nelle sue opere ha portato nella musica il corpo, attuando la fusione tra corpo e mente.»[senza fonte]

I movimenti[modifica | modifica wikitesto]

La settima sinfonia dura trentotto minuti circa ed è composta da quattro movimenti, di cui il ritmo è l'elemento generatore.

[1]

  • I Movimento: Poco sostenuto. Vivace: dopo un'introduzione che si basa essenzialmente su un quadro melodico discendente degli oboi e su una tenue cantilena dei legni, erompe nei flauti preceduto dal tema del primo movimento (il Vivace) che man mano prende corpo coinvolgendo tutta l’orchestra.

[2]

  • II Movimento - Allegretto. Il movimento è aperto e chiuso da un accordo dolente in la minore. Il primo tema, basato su una melodia dal ritmo marcato, quasi in passo di marcia, è ripetuto più volte progressivamente arricchito nel contrappunto. Il secondo tema, in maggiore, ha andamento cantabile.

[3]

  • III Movimento – Presto. Assai meno presto. È il momento più danzante della sinfonia; il ritmo è leggero, fresco, con impeti improvvisi, uniti da movimenti veloci. Tutto è giocato sul virtuosismo. Nel ritornello della melodia compare anche il tema di un canto popolare austriaco di contenuto religioso.

[4]

  • IV Movimento – Allegro con brio. Questo allegro propone un tema in sedicesimi che si alterna con un motivo trionfale introdotto dai fiati sullo scandire degli archi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica