Egmont (Beethoven)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lamoral di Egmont, il condottiero fiammingo che ha ispirato l'opera di Goethe

Egmont (op. 84) è una musica di scena scritta da Ludwig van Beethoven per l'opera omonima di Johann Wolfgang von Goethe. È stata composta fra l'ottobre 1809 e il giugno 1810 ed è stata eseguita per la prima volta il 15 giugno 1810. È costituita da una ouverture e da nove pezzi indipendenti per soprano ed orchestra sinfonica.

Soggetto dell'opera è l'eroica storia del conte di Egmont, che sacrificò la propria vita per manifestare il suo attaccamento alla patria olandese in occasione della repressione spagnola attuata dal duca d'Alba nel 1568.

L'eroismo ed il sacrificio del conte sono messi bene in rilievo dalla musica di Beethoven, che è stata elogiata da Hoffmann e da Goethe stesso, il quale ha affermato che Beethoven ha espresso le sue intenzioni con una genialità notevole.

Le sezioni dell'opera sono:

  1. Ouverture: Sostenuto, ma non troppo - Allegro
  2. Lied: "Die Trommel gerühret"
  3. Entracte: Andante
  4. Entracte: Larghetto
  5. Lied: "Freudvoll und Leidvoll"
  6. Entracte: Allegro - Marcia
  7. Entracte: Poco sostenuto e risoluto
  8. Mort de Klärchen
  9. Melodram: "Süßer Schlaf"
  10. Siegessymphonie (sinfonia della vittoria): Allegro con brio

L'overture è potente ed espressiva, come l'ouverture Coriolano, e presenta qualche somiglianza con la quinta sinfonia pubblicata due anni prima. Oltre all'ouverture, sono molto conosciuti i lieder Freudvoll und Leidvoll, la mort de Klärchen e Die Trommel gerühret.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica