Shogunato Ashikaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
L'emblema (mon) della famiglia Ashikaga

Lo shogunato Ashikaga (足利幕府 Ashikaga bakufu?, 13361573) è il nome dato all'epoca di dominio della dinastia di shōgun del Clan Ashikaga, che governarono il Giappone dal 1336, anno in cui Ashikaga Takauji ricevette tale titolo dall'Imperatore Kōmyō che egli stesso aveva messo sul trono al posto dell'Imperatore Go-Daigo, al 1573, anno in cui Oda Nobunaga cacciò definitivamente lo shōgun da Kyōto. L'epoca corrispondente allo shogunato Ashikaga è nota come periodo Muromachi, dal nome del quartiere di Kyōto in cui dal terzo shōgun (Yoshimitsu) in poi lo shōgun aveva la sua residenza.

In parte a causa del fatto che Ashikaga Takauji nel diventare shōgun aveva usufruito dell'appoggio dell'Imperatore Kōmyō contro lo shogunato Kamakura, gli Ashikaga condivisero molto del loro potere con gli imperatori rispetto ai loro predecessori. Perciò, lo shogunato Ashikaga è stato storicamente considerato molto più debole degli altri due. In effetti, molta della forza degli shōgun in questo periodo derivava dalla fedeltà dei daimyō provinciali, e questi erano spesso in lotta tra loro per l'egemonia regionale. Alla fine dell'epoca Muromachi, l'autorità degli shōgun era ormai solo nominale, e la sua presenza era considerata solo un baluardo contro la presa del potere da parte di un singolo daimyō: durante quello che divenne noto come periodo Sengoku (letteralmente "periodo degli stati combattenti", corrispondente all'ultima parte del periodo Muromachi), diversi generali marciarono in direzione di Kyōto e furono sconfitti da coalizioni di altri daimyō. Durante il periodo Sengoku lo shōgun era inoltre spesso manovrato dal kanrei del Kantō, una posizione simile a quella di vice-shōgun e che veniva generalmente concessa al daimyō che aiutava lo shōgun a insediarsi.

Lo shogunato Ashikaga cadde definitivamente quando Oda Nobunaga si rivoltò contro Ashikaga Yoshiaki, che egli stesso aveva aiutato a insediarsi, e lo cacciò da Kyōto. Yoshiaki ricevette la protezione del clan Mori e continuò a vivere isolato nel Giappone occidentale; in seguito Toyotomi Hideyoshi gli chiese di adottarlo e proclamarlo 16º shōgun Ashikaga, ma Yoshiaki rifiutò. Non considerata un pericolo dai successivi shōgun Tokugawa, la famiglia Ashikaga divenne un clan di daimyō di Kitsuregawa (l'attuale città di Sakura nella prefettura di Tochigi), ed i suoi discendenti esistono ancora oggi.


Lista di shōgun[modifica | modifica sorgente]

  1. Ashikaga Takauji (13051358) (shōgun 13381358)
  2. Ashikaga Yoshiakira (13301368) (shōgun 13591368)
  3. Ashikaga Yoshimitsu (13581408) (shōgun 13681394)
  4. Ashikaga Yoshimochi (13861428) (shōgun 13951423)
  5. Ashikaga Yoshikazu (14071425) (shōgun 14231425)
  6. Ashikaga Yoshinori (13941441) (shōgun 14291441)
  7. Ashikaga Yoshikatsu (14341443) (shōgun 14421443)
  8. Ashikaga Yoshimasa (14361490) (shōgun 14491473)
  9. Ashikaga Yoshihisa (14651489) (shōgun 14741489)
  10. Ashikaga Yoshitane (14661523) (shōgun 14901493, 15081521)
  11. Ashikaga Yoshizumi (14801511) (shōgun 14951508)
  12. Ashikaga Yoshiharu (15101550) (shōgun 15221547)
  13. Ashikaga Yoshiteru (15361565) (shōgun 15471565)
  14. Ashikaga Yoshihide (15401568) (shōgun 1568)
  15. Ashikaga Yoshiaki (15371597) (shōgun 15681573)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone