Romolo Alzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romolo Alzani
Alzani.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 177 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Carriera
Giovanili
Alba Roma Alba Roma
Roma Roma
Squadre di club1
1938-1940 Rimini Rimini 25 (0)
1940-1941 Roma Roma 1 (0)
1941-1943 Ala Littoria Ala Littoria  ? (?)
1943-1944 Tirrenia Tirrenia  ? (?)
1944-1945 MATER MATER  ? (?)
1945-1955 Lazio Lazio 263 (7)
1955-1956 Foligno Foligno  ? (?)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Romolo Alzani (Roma, 6 marzo 1921Roma, 3 ottobre 2002) è stato un dirigente sportivo, allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo difensore o centrocampista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Cresce calcisticamente nell'Alba e nel periodo bellico disputa i campionati romani prima con l'Ala Littoria[1] e poi con la M.A.T.E.R., dove si specializza nel ruolo di centromediano sistemista secondo il modulo appunto adottato dall'allenatore-giocatore Fulvio "Fuffo" Bernardini.

Proprio su segnalazione del popolare Fuffo, viene acquistato dalla Lazio nell'estate del 1945 e fa il suo esordio con la formazione capitolina il 21 ottobre 1945 nell'incontro casalingo con il Pro Livorno terminato con il punteggio di 0-2. Con i fratelli Sentimenti (III e IV), Antonazzi, Furiassi e Malacarne costituì la difesa della Lazio.

Con la Lazio disputa dieci campionati e al termine della stagione 1955-1956 cessa l'attività agonistica, dopo un'annata al Foligno[2]. Il suo curriculum con la Lazio è di 263 partite complessive di campionato e di sette gol.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Ritiratosi, Alzani si dedica al ruolo di allenatore fino ad acquisire un posto nei quadri del Settore Tecnico Federale, dapprima come selezionatore della Nazionale Semiprofessionisti e poi in quella dei Dilettanti.

Dirigente sportivo[modifica | modifica sorgente]

Diventa alla fine degli anni sessanta, coordinatore del settore giovanile del settore Calcio del CONI.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le liste di trasferimento dei calciatori per la stagione 1945-46, Il Corriere dello Sport, 20 settembre 1945, pag.2
  2. ^ Le liste di trasferimento della Lega Nazionale, Il Corriere dello Sport, 2 settembre 1955, pag.3

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]