Rama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Rama (disambigua).
Incoronazione di Rama assieme a Sita

Presso la religione induista, Rama (ca. 7000 a.C.) è il settimo avatar di Viṣṇu, manifestatosi nel regale principe per risollevare le sorti della morale degli uomini, ormai soggiogati da Ravana. Il suo nome completo è Ramachandra, e spesso viene preceduto dal titolo di rispetto induista, Shri. Egli rappresenta la personificazione dell'Assoluto Brahman e l'incarnazione del Dharma, l'Uomo Perfetto (Maryada Purushottama). È l'avatar del Treta Yuga, l'età dell'argento, caratterizzata dalla comparsa del vizio e della malvagità.

Rama è la più famosa e popolare manifestazione del Dio Supremo per una grande maggioranza dei 900 milioni di induisti in tutto il mondo, incluse le nazioni del Sud-est asiatico come Thailandia, Malesia, Indonesia, Myanmar e Cambogia. È riconosciuto come l'immagine, lo spirito e la consapevolezza dell'Induismo, la religione organizzata più antica del mondo, e della civilizzazione umana dal punto di vista indiano.

La vita e le imprese eroiche di Rama sono narrate nel Ramayana, un antico poema epico in sanscrito, che letteralmente significa "Il viaggio di Rama". Un'importante opera devozionale è il Ramcharitmanas di Tulsidas, che si basa sui princìpi dei movimenti Bhakti, ossia la devozione e l'amore per Dio.

La scrittura e la pronuncia del nome di Rama seguono quelle originali del sanscrito; continuano ad essere seguite in molte lingue moderne dell'India, anche se a volte (specie in Hindi) viene pronunciato Ram. Nel Ramayana si racconta di quando Sita (moglie di Rama) viene rapita dal diavolo Ravana: da qui inizia la ricerca della dea.

I nomi di Rama[modifica | modifica wikitesto]

Come per tutte le altre Murti induiste, anche Rama è invocato attraverso numerosi appellativi che si riferiscono ai suoi attributi e caratteristiche. In alcuni testi ci si riferisci a lui con il nome Padma.
Alcuni degli appellativi sono:

  • Ramachandra, Rama che risplende come la luna (per via del suo aspetto splendido e luminoso)
  • Dasaratha Nandana, amato figlio di Dasaratha
  • Danava Bhanjana, distruttore di demoni
  • Raghupate o Raghava, discendente della stirpe dei Raghu
  • Raghukula Bhushana, gioiello della stirpe dei Raghu
  • Daya Sagara, oceano di compassione
  • Ayodhya Vasi, che risiede in Ayodhya
  • Janaki Jivana, anima di Sita (figlia di Janaka)
  • Dina Bandhu, amico dei derelitti
  • Patita Pavana, redentore e salvatore dei peccatori
  • Alakha Niranjana, eternamente puro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo