Pinus roxburghii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pino dell'Himalaya
Pinus roxburghii tree.jpg
Pinus roxburghii
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Pinus
Specie P. roxburghii
Nomenclatura binomiale
Pinus roxburghii
Sarg., 1897
Areale

Himalayas Map.png

Il pino dell'Hymalaya (Pinus roxburghii Sarg., 1897) è una pianta arborea della famiglia delle Pinaceae, originaria della regione himalayana.[2]

L'epiteto specifico è un omaggio al botanico scozzese William Roxburgh (1759-1819).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un albero alto sino a 55 m, con un fusto di oltre 1 m di diametro ricoperto da una spessa corteccia, di colore rosso brunastro, frammentata da numerose e profonde fessure longitudinali.[3]

Gli aghi, disposti principalmente alla estremità dei rami, sono raggruppati in fascetti di 3 e sono lunghi 20-30 cm, con una guaina persistente di 2-3 cm alla base.

Gli strobili femminili sono di forma ovoidale, lunghi 10-20 cm e larghi 6-9 cm.

I semi sono lunghi 8-12 mm e raggiungono la maturità tra ottobre e novembre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Vegeta spontaneamente lungo la dorsale himalayana, dal Pakistan e dall'India settentrionale (Assam, Himachal Pradesh, Jammu-Kashmir, Sikkim, Uttar Pradesh), attraverso Nepal e Buthan sino alla Cina (Tibet), ad altitudini comprese tra 400 m e 2.300 m.[1]

In Italia è stato introdotto come pianta ornamentale ed è presente con alcuni maestosi esemplari.[4]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

È curiosamente in stretta relazione con il Pinus canariensis delle isole Canarie, e con il quale ibrida spontaneamente, forse retaggio di uno stesso habitat in periodo pregiurassico.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Farjon, A. 2013, Pinus roxburghii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ Pinus roxburghii in The Plant List.
  3. ^ Wu Zheng-yi and Peter H. Raven, Pinus roxburghii in Flora of China, Volume 4, St. Louis Missouri Botanical Garden, 1999.
  4. ^ Il Pinus roxburghii a Roma. URL consultato il 17 novembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]