Pier Antonio Micheli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Pier Antonio Micheli

Pier Antonio Micheli (Firenze, 11 dicembre 1679Firenze, 1º gennaio 1737) è stato un botanico e micologo italiano.

Busto di Pier Antonio Micheli nella basilica di Santa Croce di Firenze.

Appassionato di botanica, sin da giovanissimo ha studiato il mondo vegetale raccogliendo circa 19000 piante raccolte in essiccate. Fu allievo di Bruno Tozzi, di cui descrisse nelle sue opere una nuova pianta scoperta dal maestro, che chiamò Erba tozzia.

Può essere considerato il fondatore della micologia, avendo dato un decisivo contributo allo studio dei funghi osservando le lamelle attraverso un sistema di lenti, scoprendo per primo le spore, i basidi e i cistidi. Notò anche l'esistenza del velo universale e fu il primo a dimostrare che i funghi si riproducono per mezzo di spore.

Fu professore a Pisa e prefetto dell'Orto Botanico di Firenze, descrisse nei Nova plantarum genera (1729) molte nuove piante e funghi. Fu il fondatore della Società Botanica Italiana nel 1716. Morì per una pleurite contratta durante i suoi viaggi alla ricerca di nuove specie. Linneo gli dedicò un genere di pianta floreale della famiglia delle Magnoliacee: la Michelia.

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


P.Micheli è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Pier Antonio Micheli.
Elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI
Consulta la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.

Controllo di autorità VIAF: 73949559 LCCN: nr89018135

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie